Area Riservata





per_associarsi


twitter_tasto_seguiAAC

Home

17/4/18 - Investimenti pubblicitari in Italia: nel primo bimestre dell'anno crescono radio e tv

News Aeranti-Corallo

TabellapubblicitaI dati relativi agli investimenti pubblicitari sui mezzi di comunicazione di massa, comunicati mensilmente da Nielsen, evidenziano, per i primi due mesi del 2018, raffrontati con i primi due mesi del 2017, un lieve calo (sul totale dei mezzi) pari al -0,3%.
Con riferimento ai singoli mezzi, la radio segna un dato positivo del 5,1%, mentre la televisione cresce dello 0,6%.
La carta stampata prosegue con un dato negativo, pari a -8,7% per i quotidiani, e -11,1% per i periodici.
Internet, infine, cresce del +2,6%.

(Fonte dati: Nielsen)

 

12/4/18 - Dal 1° maggio scatta il secondo aumento dei minimi retributivi del Ccnl Aeranti-Corallo - Fnsi per il lavoro giornalistico nell'emittenza locale

News Aeranti-Corallo

Alessia-Caricato Marco RossignoliRicordiamo che a seguito dell’accordo di proroga 8 marzo 2017 del Ccnl Aeranti-Corallo - Fnsi, che disciplina i rapporti di lavoro giornalistico nelle emittenti radiofoniche e televisive locali, a decorrere dal prossimo 1° maggio trova applicazione il secondo aumento (previsto per tutte le tipologie di lavoratori disciplinati dal Ccnl stesso) dei minimi retributivi di Euro 50,00 lordi mensili.

Dal 1° maggio p.v., dunque, i minimi di stipendio (comprensivi della ex indennità di contingenza) previsti dal Ccnl Aeranti-Corallo – Fnsi sono i seguenti:
Tele-radiogiornalista TV con oltre 24 mesi di attività lavorativa nel settore giornalistico, € 2.015,55;
Tele-radiogiornalista radio con oltre 24 mesi di attività lavorativa nel settore giornalistico: € 1.585,13;
Tele-radiogiornalista con meno di 24 mesi di attività lavorativa nel settore giornalistico: € 1.420,58.
(Nella foto, da sinistra: Alessia Caricato e Marco Rossignoli, Aeranti-Corallo; Raffaele Lorusso, Fnsi)

 

 

11/4/18 - Le prossime scadenze di MiSe e Agcom

News Aeranti-Corallo

marco-rossignoli luigi-bardelliLa Dgpgsr del Ministero dello Sviluppo economico ha avviato, nei giorni scorsi, una procedura di consultazione pubblica, ai sensi dell’art. 1, comma 1032 della legge 205/2017 (legge di bilancio 2018). Tale norma di legge prevede, infatti, che il MiSe stabilisca entro il 30 giugno 2018, previa consultazione pubblica, “il calendario nazionale che individua le scadenze della tabella di marcia ai fini dell'attuazione degli obiettivi della decisione (UE) 2017/899, del 17 maggio 2017, di cui al comma 1026, tenendo conto della necessità di fissare un periodo transitorio, dal 1º gennaio 2020 al 30 giugno 2022, per assicurare il rilascio delle frequenze da parte di tutti gli operatori di rete titolari di relativi diritti d'uso in ambito nazionale e locale e la ristrutturazione del multiplex contenente l'informazione regionale da parte del concessionario del servizio pubblico radiofonico, televisivo e multimediale…”
Nella bozza di decreto del MiSe, vengono definite le quattro aree geografiche in cui è stato suddiviso il territorio nazionale per il rilascio delle frequenze, e viene previsto un calendario di transizione, dal 1° gennaio 2020 al 30 giugno 2022, con la sequenza di rilasci e di accensioni secondo le previsioni del citato art. 1, comma 1032 della legge 205/2017. Aeranti-Corallo sta predisponendo, al riguardo, un proprio documento di osservazioni e proposte.
Inoltre, l’Agcom ha avviato, con la propria delibera n. 89/18/CONS, una consultazione pubblica sulle procedure per l’assegnazione e le regole per l’utilizzo delle frequenze disponibili nelle bande 694-790 MHz, 3600-3800 MHz e 26.5-27.5 GHz per sistemi terrestri di comunicazioni elettroniche al fine di favorire la transizione verso la tecnologia 5G, ai sensi della legge 27 dicembre 2017, n. 205. L’Autorità deve, infatti, definire, entro il 30 aprile p.v., le procedure di gara per l’assegnazione dei diritti di uso delle frequenze (banda 700 e bande pioniere 3,6-3,8 e 26,5-27,5 Ghz) agli operatori di comunicazione mobile di larga banda.

 

Leggi tutto...

 

9/4/18 - 1998-2018, vent'anni di Aeranti-Corallo

News Aeranti-Corallo

Rossignoli-Porta-BardelliAeranti-Corallo compie quest’anno 20 anni di attività: costituita nel 1998, era originariamente denominata “Coordinamento Aer-Anti-Corallo”, in quanto riuniva le associazioni Aer (Associazione Editori Radiotelevisivi), l'Anti (Associazione Nazionale Teleradio Indipendenti) e il Corallo (Consorzio Radiotelevisioni Libere Locali) già operanti dall’epoca delle prime emittenti radiofoniche e televisive locali.

Le prime iniziative dell’associazione sono state il convegno “Emittenti locali: alziamo la voce!”, svoltosi, con la partecipazione di oltre un migliaio di editori radiofonici e televisivi locali, il 25 marzo 1998 al cinema Metropolitan di Roma nonché il convegno svoltosi a Napoli il 6 ottobre 1998 sul tema “Per la pianificazione delle frequenze televisive attraverso la ottimizzazione, razionalizzazione e compatibilizzazione degli impianti esistenti”.
La costituzione è avvenuta a completamento di un percorso, avviato già molti mesi prima, di intesa politico-programmatica tra le tre associazioni.
Successivamente a tale costituzione è iniziata la pubblicazione di questo periodico.
Il 5 giugno 2001, con l'unificazione delle associazioni Aer e Anti, (da quel momento in poi Aeranti), l'associazione ha modificato la propria denominazione nell'attuale Aeranti-Corallo, e rappresenta, quindi, Aeranti e l’Associazione Corallo.
Aeranti-Corallo aderisce, a livello confederale, alla Confcommercio – Imprese per l’Italia.

Nell'ambito della propria attività, Aeranti-Corallo ha stipulato con la Fnsi (la Federazione nazionale della Stampa Italiana) il Contratto collettivo nazionale di lavoro per i giornalisti operanti nell'emittenza locale. La prima stipula di tale contratto risale al 3 ottobre del 2000 ed è, da ultimo, stato rinnovato l’8 marzo 2017.

Aeranti-Corallo rappresenta le istanze delle imprese radiofoniche e televisive locali nei rapporti con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dello sviluppo economico, dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, dei Corecom, del Parlamento e delle Regioni.
Immagini, filmati e documentazione degli eventi e delle manifestazioni organizzati da AERANTI-CORALLO o ai quali l’associazione ha preso parte, sono tutti disponibili nel sito www.aeranticorallo.it, sezione “Galleria eventi”, a questo link
 
(Nella foto, scattata al convegno "Emittenti locali: alziamo la voce" tenutosi a Roma il 25 marzo 1998, si vedono, da sinistra, sul podio, Marco Rossignoli, presidente Aer; Elena Porta, segretario Anti ed Eugenio Porta, Presidente Anti; Luigi Bardelli, presidente Corallo)

 

 

6/4/18 - Disponibile per la consultazione la nuova edizione del Teleradiofax - periodico di Aeranti-Corallo - n. 7/2018 del 6 aprile

News Aeranti-Corallo

TELERADIO

Disponibile il numero 7/2018 del TeleRadioFax, periodico di Aeranti-Corallo.

In questo numero:


• La Dgscerp del MiSe ha approvato la graduatoria provvisoria e l'elenco dei contributi da assegnare alle radio locali comunitarie per l'anno 2016
• Martedì 8 maggio 2018, a Rimini, nell'ambito della fiera "Music Inside Rimini", seminario di Aeranti-Corallo sui nuovi scenari per le tv locali
• 1998-2018: vent'anni di Aeranti-Corallo
• Avviata dal MiSe una consultazione pubblica riguardante il calendario nazionale per la liberazione della banda 700 Mhz
• Rinnovate le cariche di Aeranti, facente parte del sistema associativo Aeranti-Corallo, per il triennio 2018-2021
• Al via il procedimento per l'adozione da parte della Agcom del nuovo Pnaf 2018 per il servizio televisivo digitale terrestre
• Aeranti-Corallo partecipa alla consultazione pubblica Agcom sulle procedure per l'assegnazione e le regole per l'utilizzo frequenze nelle bande 700 Mhz, 3,6 Ghz e 27 Ghz agli operatori di larga banda in mobilità

 


QUI PER LEGGERE LA NUOVA EDIZIONE DEL TELERADIOFAX

 

 
Altri articoli...

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui..

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.