Area Riservata





per_associarsi


twitter_tasto_seguiAAC

Home

12/3/19 - Pubblicate dal MiSe le graduatorie provvisorie per i contributi 2017 alle tv locali comunitarie e alle radio locali comunitarie

News Aeranti-Corallo

 

La Dgscerp del Ministero dello Sviluppo economico ha pubblicato, in data odierna, con due distinti provvedimenti, la graduatoria provvisoria e l'elenco degli importi dei contributi pubblici (di cui al DPR n. 146/2017) da assegnare alle tv locali comunitarie e alle radio locali comunitarie per l'anno 2017.

In particolare le emittenti televisive locali a carattere comunitario ammesse ai contributi 2017 sono 209 (su 222 domande presentate), di cui 43 accedono sia alla quota fissa, sia alla quota variabile del riparto.
L’importo della quota fissa è di Euro 11.191,64 per ognuna delle suddette 209 tv locali comunitarie, mentre l’importo della quota variabile va da Euro 338.119,81 a Euro 87,55.
Lo stanziamento complessivo ammonta ad Euro 4.678.105,00.
Le prime 13 tv locali comunitarie della graduatoria hanno diritto ad un contributo pro capite complessivo (parte fissa + parte variabile) di importo superiore a Euro 50mila.  N. 10 di tali 13 emittenti fanno parte del sistema associativo Aeranti-Corallo.

Per quanto riguarda le emittenti radiofoniche locali a carattere comunitario ammesse ai contributi 2017 sono 314 (su 317 domande presentate), di cui 75 accedono sia alla quota fissa, sia alla quota variabile del riparto.
L’importo della quota fissa è di Euro 6.572,83 per ognuna delle suddette 314 radio locali comunitarie, mentre l’importo della quota variabile va da Euro 132.540,80 a Euro 833,60.
Lo stanziamento complessivo ammonta ad Euro 4.127.740,00.
Le prime 17 radio locali comunitarie della graduatoria hanno diritto ad un contributo pro capite complessivo (parte fissa + parte variabile) di importo superiore a Euro 50mila.  N. 15 di tali 17 emittenti fanno parte del sistema associativo Aeranti-Corallo.

Sia le tv locali comunitarie, sia le radio locali comunitarie che hanno presentato domanda per i contributi 2017, possono formulare, entro l'11 aprile p.v., richiesta di rettifica del punteggio o di riammissione della domanda, utilizzando la funzione “reclamo” (icona arancione in basso a destra) all’interno della propria posizione  nella piattaforma telematica  Sicem (Sistema Informativo per i Contributi alle Emittenti Locali).

E' ora auspicabile che vengano al più presto pubblicate la graduatoria definitiva delle tv locali commerciali per l'anno 2017 (la relativa graduatoria provvisoria era stata infatti pubblicata il 20 dicembre 2018) e la graduatoria provvisoria delle radio locali commerciali per l’anno 2017, attesa da oltre due mesi.

A questo link la pagina, per le tv locali comunitarie, contenente il decreto direttoriale 12 marzo 2019  del direttore generale Dgscerp del MiSe,  la graduatoria e l'elenco dei relativi importi

A questo link la pagina, per le radio locali comunitarie, contenente il decreto direttoriale 12 marzo 2019  del direttore generale Dgscerp del MiSe,  la graduatoria e l'elenco dei relativi importi

 

 

8/3/19 - Disponibile per la consultazione la nuova edizione del Teleradiofax - periodico di Aeranti-Corallo - n. 5/2019 dell'8 marzo

News Aeranti-Corallo

TELERADIO

Disponibile il numero 5/2019 del TeleRadioFax, periodico di Aeranti-Corallo.

 

In questo numero:


• Radio TER 2018: i volumi con i dati dell'ascolto radiofonico del 2° semestre 2018 e dell'intero anno 2018 verranno pubblicati il 12 marzo 2019
• Il Tar per il Lazio ha sospeso il decreto direttoriale con cui veniva sbloccato l'accantonamento del 40% dei fondi per il contributo statale 2016 alle tv locali commerciali
• I prossimi passaggi per il settore televisivo locale
• Le domande 2019 per i contributi statali a tv e radio locali
• Graduatorie 2017 contributi statali tv e radio: la situazione
• Il 15 marzo, ad Amatrice, la premiazione del concorso "Raccontare per ricostruire. Il sisma attraverso la narrazione delle emittenti regionali"
• Avviata consultazione pubblica del MiSe sullo schema di linee guida relative alle intese tra Rai e associazioni dei produttori per i diritti di sfruttamento delle opere audiovisive

QUI PER LEGGERE LA NUOVA EDIZIONE DEL TELERADIOFAX

 

6/3/19 - Radio TER 2018, i volumi con i dati dell'ascolto radiofonico del 2° semestre 2018 e dell'intero anno 2018 verranno pubblicati martedì 12 marzo p.v.

News Aeranti-Corallo

 

I volumi con tutti i dati dell’ascolto radiofonico dell’indagine Radio TER 2018 relativi al secondo semestre 2018 e all’intero anno 2018 verranno pubblicati martedì 12 marzo 2019.
Tali volumi saranno resi disponibili, in formato elettronico, sul sito web “www.tavoloeditoriradio.it”.
Ricordiamo che l’anticipazione dei suddetti dati è stata pubblicata il 29 gennaio u.s.
Al riguardo, l’Avv. Marco Rossignoli, presidente di TER - Tavolo Editori Radio srl, società che cura l’indagine statistica sull’ascolto radiofonico in Italia Radio TER, ha evidenziato che “tali volumi conterranno i seguenti dati di ascolto del secondo semestre 2018 e dell’intero anno 2018 di Radio TER 2018:
-    Ascoltatori nel giorno medio;
-    Ascoltatori per fasce orarie di tre ore;
-    Ascoltatori per fascia oraria di un’ora;
-    Ascoltatori nei 7 giorni;
-    Durata media di ascolto;
-    Ascoltatori per luoghi e device;
-    Ascoltatori per quarto d’ora.”

Rossignoli ha, altresì, evidenziato che “è attualmente in corso la rilevazione del primo trimestre dell’indagine principale Radio TER 2019”.
“Tale indagine principale - ha proseguito Rossignoli - si basa su 120.000 interviste telefoniche complessive nel corso dell’anno 2019, suddivise in quattro trimestri di rilevazione di 30.000 interviste ciascuno.
Tali interviste vengono realizzate da GfK Italia e Ipsos e produrranno, per tutte le emittenti iscritte a Radio TER 2019, i dati degli ascoltatori del giorno medio, nei 7 giorni, nonché l’ascolto nel quarto d’ora e la durata dell’ascolto”.
“Inoltre, ha proseguito Rossignoli, vi sarà un’indagine parallela, basata su 20.000 interviste telefoniche, nel corso dell’anno 2019, realizzata da Doxa, che permetterà di alimentare le modellistiche di creazione della copertura dinamica a quattro settimane”.
“A livello di singola emittente - ha concluso Rossignoli - i dati dell’Indagine Parallela verranno integrati con i dati dell’Indagine Principale in un database denominato Nastro di Pianificazione”.

 

4/3/19 - Sono 999 le domande pervenute al MiSe per i contributi statali tv e radio relativi all'anno 2019

News Aeranti-Corallo

MR squareSono stati resi noti dalla Dgscerp del Ministero dello Sviluppo economico i numeri delle domande relative ai contributi statali per le tv locali (commerciali e comunitarie) e per le radio locali (commerciali e comunitarie) per l'anno 2019 (il cui termine di presentazione è scaduto lo scorso 28 febbraio).
Le domande 2019 presentate con la procedura online Sicem sono state un totale di 999.
Qui di seguito il dettaglio della ripartizione di tali domande pervenute al Ministero, suddivise per tipologia:

• 151 TV commerciali
• 306 TV comunitarie
• 217 Radio commerciali
• 325 Radio comunitarie
• 999 Totale

Analizzando nel dettaglio i dati delle domande presentate dalle tv locali commerciali, emerge quanto segue:
con riferimento alle tv locali commerciali, nel 2016 erano state presentate 190 domande (di cui ne sono state ammesse 167); nel 2017 erano state presentate 187 domande (la graduatoria provvisoria evidenzia
che ne sono state ammesse 168). Nel 2018 erano state presentate 186 domande (il dato delle ammesse
non è ancora noto). Nel 2019, le domande presentate sono state solo 151, ed è presumibile, similarmente a quanto avvenuto nelle graduatorie 2016 e 2017, che un certo numero di soggetti non risulterà ammesso. In considerazione che, come previsto dal regolamento di cui al DPR 146/2017, i soggetti collocati oltre la centesima posizione in graduatoria partecipano al riparto del 5 percento delle risorse
disponibili per le tv locali commerciali, è molto probabile che tali risorse verranno destinate a una platea di percettori molto inferiore a quella delle precedenti graduatorie (conseguentemente, tali percettori potrebbero ricevere un contributo più elevato).
Per quanto riguarda le radio locali commerciali, nel 2016 erano state presentate 303 domande (di cui ne sono state ammesse 190). Nel 2017 le domande presentate erano state 319 e nel 2018 erano state 302 (il dato delle emittenti ammesse nel 2017 e nel 2018 non è ancora noto). Nel 2019, le domande presentate sono state invece solo 217.

(Nella foto: Marco Rossignoli)

 

28/2/19 - Il Consiglio regionale Marche ha approvato un odg a iniziativa dei Consiglieri Maggi, Giorgini e Pergolesi (M5S) a favore dell'emittenza locale

News Aeranti-Corallo

Il Consiglio regionale delle Marche ha approvato un ordine del giorno, a iniziativa dei Consiglieri Maggi, Giorgini e Pergolesi (Movimento 5 Stelle)  per sollecitare il Governo, i Deputati e i Senatori della Regione Marche affinché vengano adottate al più presto misure normative idonee a garantire la continuità dell'informazione sui territori della Regione, consentendo la presenza sul mercato dell'emittenza televisiva e radiofonica locale, sia in termini di spazi frequenziali che di risorse.
Nell'ordine del giorno si rileva infatti che "la legge di bilancio 2019 ha introdotto norme che rischiano di penalizzare l'informazione regionale garantita dalle emittenti locali, particolarmente importante anche nell’ambito della informazione di emergenza, come quella svolta in occasione del terremoto che ha colpito buona parte della regione".

Leggi tutto...

 
Altri articoli...

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui..

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.