10/7/19 – Refarming banda 700. L’incontro Aeranti-Corallo a Roma con le tv locali associate

image_pdfimage_print

Ampia partecipazione all’incontro organizzato da Aeranti-Corallo a Roma con le tv locali associate, di aggiornamento sulle nuove norme introdotte dalla legge di bilancio 2019, in relazione alla dismissione della banda 700 e al passaggio al digitale terrestre di seconda generazione.
Nel corso del seminario, il coordinatore Aeranti-Corallo e presidente Aeranti, avv. Marco Rossignoli, ha affrontato, tra l’altro, le problematiche relative all’aggiornamento da parte del MiSe della roadmap per la dismissione della banda 700 nonché alle procedure per l’assegnazione dei diritti di uso delle frequenze previste per le tv locali (in base al PNAF aggiornato) la cui capacità trasmissiva dovrà essere messa a disposizione dei FSMA locali, nonché alle procedure previste per la predisposizione, per ciascuna area tecnica, delle graduatorie dei FSMA locali che potranno utilizzare la capacità trasmissiva messa a disposizione dagli operatori di rete aggiudicatari delle frequenze destinate a veicolare gli stessi FSMA locali.
Il componente dell’esecutivo Aeranti-Corallo e presidente Corallo, dott. Luigi Bardelli, ha sottolineato l’esigenza che le emittenti locali rimangano protagoniste anche nei nuovi scenari, mantenendo il ruolo di importante voce del territorio che le ha caratterizzate negli oltre quarant’anni di attività del comparto.
Il Direttore generale della Dgscerp del Ministero dello Sviluppo economico, dott. Antonio Lirosi, intervenendo all’incontro, ha quindi illustrato nel dettaglio quelle che saranno le procedure di selezione degli operatori di rete che potranno concorrere all’assegnazione dei diritti di uso delle frequenze per l’esercizio delle reti locali pianificate dall’Agcom e le modalità di formazione delle graduatorie dei Fsma che avranno accesso alla capacità trasmissiva resa disponibile dalle nuove reti.

(Nella foto, da sinistra, il direttore generale della Dgscerp del MiSe, Antonio Lirosi; al centro Marco Rossignoli; a destra, Luigi Bardelli)