13/9/19 – Digitale tv di seconda generazione. Il Ministero dovrà emanare, nelle prossime settimane 73 bandi di gara per l’assegnazione dei diritti di uso delle frequenze

image_pdfimage_print

Nelle prossime settimane, il Ministero dello Sviluppo economico dovrà emanare 73 bandi di gara per l’assegnazione dei diritti di uso delle frequenze (per le diverse reti di primo e di secondo livello previste dal PNAF di cui alla delibera Agcom n. 39/19/CONS) nonché i bandi di gara per la selezione dei FSMA che, in ogni area tecnica, potranno accedere alle suddette reti di primo e secondo livello.
I criteri e le modalità di partecipazione alle procedure per gli operatori di rete che devono destinare la propria capacità trasmissiva alla diffusione di contenuti televisivi locali e per i Fornitori di Servizi di Media audiovisivi in ambito locale previste, da ultimo, dalla legge di bilancio 2019, sono contenuti nelle rispettive linee guida, pubblicate lo scorso luglio dal Ministero (qui le linee guida definitive del MiSe per operatori di rete in ambito locale; qui le linee guida definitive del MiSe per i Fsma in ambito locale).
Le procedure di cui sopra saranno raggruppate in 3 fasi temporali (a distanza ravvicinata) che si riferiscono alle macro-aree geografiche individuate per il rilascio e l’attivazione delle reti secondo il calendario indicato nel Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 19 giugno 2019 che detta il calendario della c.d. Road Map. A seguito della pubblicazione delle graduatorie relative alle procedure di selezione degli operatori di rete, in ciascuna area tecnica nell’ambito delle suddette macro-aree geografiche, si darà avvio alle procedure per la formazione delle graduatorie di fornitori di servizi media audiovisivi nell’ambito della medesima area tecnica.

(Nella foto: il coordinatore Aeranti-Corallo, Marco Rossignoli)