14 marzo 1985 Decreto della Pretura di Ascoli Piceno

image_pdfimage_print

14 MARZO 1985

DECRETO DELLA PRETURA DI ASCOLI PICENO.

 

Il Pretore

letto il ricorso che precede;

ritenuto che la ordinanza emessa il 7 gennaio 1985, con la quale si imponeva alla ”WA” di cessare ogni interferenza nei programmi e nelle trasmissioni di “WB”, emessi sulle frequenze 92,600 e 92,800 MHz in FM,è stata sostanzialmente elusa, in quanto la predetta radio,pur astenendosi dal trasmettere sulla frequenza 92,700 MHz, così come pure le era stato imposto con quella ordinanza, trasmette su una frequenza 92,625 MHz, e, dunque, persiste nella sua azione di interferenza;

che, pertanto, ricorrendo le stesse identiche condizioni della ordinanza, le cui argomentazioni si richiamano integralmente, e, cioè, la giurisdizione del giudice ordinario, il fumus boni iuris, il periculum in mora, il pregiudizio imminente ed irreparabile (trattandosi di pregiudizio non interamente risarcibile, anche perché non quantificabile in denaro)deve essere ordinato, ai sensi dell’art.700 c.p.c., alla “WA”, di cessare immediatamente ogni interferenza nei programmi e nelle trasmissioni di “WB”, emessi sulle frequenze 92,600 e 92,800 MHz FM, astenendosi dal trasmettere per l’avvenire i propri programmi sulle frequenze 92,625 e su quelle adiacenti i confini tra i 92,300 e 93,100 MHz;

che tale limitazione deve essere imposta, poiché è l’unica idonea a far cessare o ad impedire ogni interferenza, tenuto conto che i responsabili di “WA” non hanno ottemperato a quanto a loro in precedenza ordinato;

P.Q.M.

Visti gli artt. 700,701 e 702 c.p.c. ordina alla “WA”, in persona del legale rappresentante pro-tempore:

1) di cessare immediatamente ogni interferenza nei programmi e nelle trasmissioni di “WB”, emessi sulle frequenze 92,600 e 92,650 MHz in FM;

2) di astenersi per l’avvenire dal trasmettere i propri programmi sulla frequenza 92,625 MHz,nonché su quelle adiacenti comprese tra i 92,300 e 93,100 MHz.

Dispone che, nel caso contrario, venga disattivato l’impianto di trasmissione della radio predetta, sito in località Monte Piselli a cura dell’Ufficiale Giudiziario competente che potrà servirsi dell’ausilio di tecnici da lui stesso scelti.

Assegna all’istante il termine perentorio di giorni novanta dalla data del presente decreto per l’inizio del giudizio di merito.

 

Ascoli Piceno 13/3/1985