17 dicembre 1998 Sentenza n. 1197/98 della Pretura Circondariale di Forlì, Sez. dist. di Cesena

image_pdfimage_print

17 DICEMBRE 1998

SENTENZA N. 1197/98 DELLA PRETURA CIRCONDARIALE DI FORLI’, SEZIONE DISTACCATA DI CESENA

 

Nei confronti di:

XX ………… omissis ……………

LIBERO PRESENTE

 

IMPUTATO

 

Delitto p. e p. dall’art. 195 3° co. DPR 156/73 per avere installato e/o esercitato impianti di radio diffusione sonora operante rispettivamente sulle frequenze di xxx MHz(località KK) e yyy MHz (località JJ) in assenza della prescritta concessione di esercizio.

In Bagno di Romagna 7.6.94.

Intervento del P.M. Monica GALASSI

Nonché dell’Avv. Mauro MAIOLINI di Roma, dif. di fiducia

 

Le parti hanno concluso come segue:

-il P.M.: assoluzione perché il fatto non costituisce reato.

-La Difesa: assoluzione perché il fatto non costituisce reato.

 

Ritenuto che sia emerso dall’istruttoria, in particolare dalla perizia esperita che i tre impianti di cui all’imputazione non abbiano modificato il bacino di utenza dell’emittente “WZ”;

rilevato che è pacifico che l’emittente operasse in regime di autorizzazione provvisoria;

rilevato che non è pertanto confermato quanto segnalato dall’Amministrazione competente nelle comunicazioni agli atti, ovvero che gli impianti in questione comportassero un’ampliamento dell’area servita segnalata ex lege 223/90;

ritenuto pertanto che si versa non nell’ipotesi di violazione dell’art.195 Cod. Post. bensì nell’ipotesi di cui all’art. 32 L. 223 ma che non si debbono trasmettere gli atti all’autorità amministrativa per l’applicazione della sanzione della disattivazione in quanto gli impianti, come accertato dal perito, non sono più esistenti;

Visti ed applicati gli artt. 530 cpp

P.Q.M.

Assolve l’imputato perchè il fatto non è preveduto dalla legge quale reato.

Cesena 17.12.98

IL PRETORE