21 novembre: Giornata Mondiale della Televisione

 

(21 novembre 2023)   In occasione della Giornata Mondiale della Televisione (World Television Day) ricordiamo che nell 1927 Philo Taylor Farnsworth, ventunenne statunitense, inventò il primo televisore elettronico al mondo, un metodo innovativo rispetto al sistema televisivo meccanico poiché la sua struttura catturava immagini in movimento non utilizzando un supporto fisico (la pellicola), ma  un fascio di elettroni. 

Un suo amico e collega ricercatore, pur apprezzando gli studi e i test che Farnsworth, stava facendo, provocatoriamente gli chiese “Quando vedremo dei dollari da questa cosa?”. Non privo di senso dell’umorismo Farnsworth, nel suo test definitivo, trasmise su uno schermo l’immagine del simbolo del dollaro. 

La prima volta

Il 21 e 22 novembre 1996 le Nazioni Unite tennero il primo Forum televisivo mondiale per discutere della crescente importanza della televisione in un mondo in rapido cambiamento. In quell’occasione venne riconosciuto il ruolo sociale della televisione, dal saper attirare l’attenzione sui conflitti, all’aumentare la consapevolezza delle minacce alla pace e alla sicurezza delle persone, oltre al focalizzare l’attenzione sulle questioni sociali ed economiche, globali e locali. 

La televisione è stata riconosciuta nel suo ruolo di strumento anche in grado di informare e di influenzare l’opinione pubblica e, per conseguenza, la politica.  Per questo, l’Assemblea Generale dell’ONU ha deciso di indire il 21 novembre quale Giornata Mondiale della Televisione.

La Tv oggi

La televisione continua a essere la principale fonte di consumo di video. Sebbene le dimensioni degli schermi siano cambiate e le persone creino, pubblichino, trasmettano in streaming e consumino contenuti su piattaforme diverse, il numero di famiglie dotate di televisori in tutto il mondo continua ad aumentare. 

L’interazione tra forme di trasmissione emergenti e tradizionali crea una grande opportunità per aumentare la consapevolezza sulle importanti questioni che affliggono le nostre comunità e il nostro pianeta.

La televisione non è più solo un canale unidirezionale per i contenuti trasmessi e via cavo. I moderni televisori offrono un’ampia gamma di contenuti multimediali e interattivi, come video in streaming, musica e navigazione in Internet.

Nonostante lo spostamento del consumo di contenuti audiovisivi su piattaforme diverse e il fatto che la tecnologia sia in continua evoluzione, la TV rimane ancora il più importante strumento di comunicazione di massa.

Come ricorda l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura, la Giornata Mondiale della Televisione celebra il fatto che la televisione, oggi più che mai, sia un simbolo di connessione all’interno di ciascuna comunità e di positiva globalizzazione.

Lo spot per questa giornata

Il tema di quest’anno è quello di rendere la tv accessibile a tutti, compresi coloro che hanno delle limitazioni sensoriali. L’OMS dice che circa il 20% della popolazione del pianeta ha problemi di udito e circa il 29% ha problemi di vista. La televisione deve ricordarsi di loro e produrre contenuti (che siano editoriali o pubblicitari) sempre fruibili da chiunque.

Le iniziative sono molteplici e, tra queste, ecco il link allo spot creato per l’occasione: https://www.youtube.com/watch?v=t777__YJuk0(AR)

Vedi anche:

World Radio Day: il 13 febbraio è la Giornata mondiale della Radio dell’Unesco