30/7/2019 – Dismissione banda 700. In Gazzetta ufficiale il Decreto contenente la roadmap

image_pdfimage_print

Il decreto del Ministro dello Sviluppo economico 19 giugno 2019 recante il Calendario con aree geografiche per il rilascio della banda 700 MHz (c.d. “road map”) è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 176 del 29 luglio 2019.
Il provvedimento aggiorna il precedente decreto 8 agosto 2018 e riguarda il calendario nazionale che individua le scadenze della tabella di marcia ai fini dell’attuazione degli obiettivi della decisione (UE) 2017/899, del 17 maggio 2017, tenendo conto della necessità di fissare un periodo transitorio, dal 1º gennaio 2020 al 30 giugno 2022, per assicurare il rilascio delle frequenze da parte di tutti gli operatori di rete titolari di relativi diritti d’uso in ambito nazionale e locale e la ristrutturazione del multiplex contenente l’informazione regionale da parte del concessionario del servizio pubblico radiofonico, televisivo e multimediale.
Tra le disposizioni contenute nel DM, l’art. 4, comma 2 dello stesso prevede che “Il concessionario del servizio pubblico relativamente al multiplex contenente l’informazione regionale ha l’obbligo di cedere una quota della capacità trasmissiva assegnata, comunque non inferiore a un programma, nel periodo transitorio di cui all’art.1, comma 1032, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, come modificata dalla legge 31 dicembre 2018, n. 145, secondo le modalità e le condizioni economiche, orientate al costo, disposte dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ai sensi dell’art. 1, comma 1031, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, come modificata dalla legge 31 dicembre 2018, n. 145, a favore di ognuno dei soggetti legittimamente operanti in ambito locale assegnatari dei diritti d’uso dei canali CH 51 e 53 che rilascino i rispettivi diritti d’uso nel suddetto periodo transitorio.”
Lo stesso provvedimento prevede, inoltre, all’art. 4, comma 9 che “gli operatori di rete titolari di diritto d’uso in ambito locale hanno facoltà di effettuare il rilascio della frequenza oggetto del relativo diritto d’uso in anticipo rispetto alle scadenze di cui alla tabella 4, in coincidenza con la fase temporale disposta nella tabella 3 per l’Area ristretta A, conformemente alle modalità operative e alle tempistiche specifiche fornite dal Ministero.”
Per quanto concerne le modalità di richiesta degli indennizzi e di presentazione delle domande, il Ministero dovrà adottare un ulteriore, specifico decreto (come disposto dall’art. 1, comma 1039, lett. b) e comma 1040 della legge 27 dicembre 2017, n. 205, come modificata dalla legge 31 dicembre 2018, n. 145).
Il DM 19 giugno 2019, come pubblicato in Gazzetta ufficiale n. 176 del 29 luglio 2019, è disponibile a questo link.

(Nella foto: partecipanti a un recente convegno Aeranti-Corallo)