9/9/19 – Riorganizzazione del MiSe. Le funzioni attribuite alla Direzione generale per le tecnologie delle comunicazioni e la sicurezza informatica – Istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell’informazione

image_pdfimage_print

Nell’ambito della riorganizzazione del Ministero dello Sviluppo economico, prevista dal DPCM 19 giugno 2019, n. 93, la DGPGSR (Direzione generale per la pianificazione e la gestione dello spettro radioelettrico) assorbe anche le competenze dell’Istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell’informazione e assume, contestualmente, la nuova denominazione di “Direzione generale per le tecnologie delle comunicazioni e la sicurezza informatica – Istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell’informazione”.

Ai sensi dell’art. 10 del DPCM, tale direzione provvede all’aggiornamento del Piano nazionale di ripartizione delle frequenze (PNRF); si occupa delle attività di coordinamento e pianificazione delle frequenze a livello nazionale ed internazionale; effettua controlli delle emissioni radioelettriche, anche in occasione di eventi speciali e di manifestazioni pubbliche di particolare interesse sul territorio nazionale, in coordinamento con la Direzione generale per le attività territoriali (DGAT, la Direzione generale che ha competenza sugli Ispettorati territoriali del MiSe); gestisce il centro di calcolo per il coordinamento e la pianificazione delle frequenze. Condivide, inoltre, il Registro nazionale delle frequenze (RNF) con la Direzione generale per i servizi di comunicazione elettronica, di radiodiffusione e postali (DGSCERP) e, in coordinamento con quest’ultima, individua le frequenze ai fini del rilascio delle autorizzazioni per i servizi di comunicazione elettronica e di radiodiffusione da parte della stessa DGSCERP.

La Direzione ha competenze, inoltre, in merito alle attività relative alla Fondazione Ugo Bordoni (FUB).

(Nella foto: il Direttore generale per le tecnologie delle comunicazioni e la sicurezza informatica del MiSe, Eva Spina, a un convegno di Aeranti-Corallo)