Aeranti-corallo: forte soddisfazione per il provvedimento inibitorio nei confronti di auditel depositato in data odierna presso la corte di appello di milano

image_pdfimage_print

Cs 07/2005

 

                                               COMUNICATO STAMPA

                                                 AERANTI – CORALLO

                Le imprese radiotelevisive locali, satellitari, via Internet               

Roma, lì 19/04/2005

 

AERANTI-CORALLO: FORTE SODDISFAZIONE PER IL PROVVEDIMENTO INIBITORIO NEI CONFRONTI DI AUDITEL DEPOSITATO IN DATA ODIERNA PRESSO LA CORTE DI APPELLO DI MILANO

 

Con riferimento al provvedimento depositato in data odierna dal giudice designato dott. Lamanna della Corte d’Appello di Milano con il quale, a seguito del ricorso dei canali satellitari Alice, Marcopolo, Leonardo e Nuvolari (Gruppo Sitcom), associati AERANTI, lo stesso giudice ha ordinato alla società Auditel srl di astenersi dal pubblicare o comunque dal diffondere i dati da essa rilevati (in forma disaggregata per singoli canali o emittenti), limitatamente all’audience di tutte le emittenti che effettuano in Italia trasmissioni tv con tecnica satellitare fino a quando non saranno pubblicate le conclusioni delle indagini già avviate dalla Autorità per le garanzie nelle comunicazioni sui diversi sistemi di rilevazione degli indici di ascolto e di diffusione operanti in Italia, l’avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO, ha dichiarato: “Esprimiamo forte soddisfazione per l’ordinanza del giudice Lamanna della Corte di Appello di Milano. E’ ora auspicabile che questa pronuncia apra la strada a una revisione della metodologia di rilevazione di Auditel.

AERANTI-CORALLO da tempo evidenzia che l’indagine Auditel, stante l’attuale numero dei meter, non sia idonea a rilevare nel dettaglio gli ascolti dell’emittenza televisiva locale e satellitare. Sarebbe necessario aumentare significativamente il numero dei meter; inoltre andrebbero effettuate indagini telefoniche per verificare, integrare e completare i risultati che emergono dal dato meter. Inoltre, ha aggiunto Rossignoli, sarebbe necessaria una ridefinizione della struttura societaria di Auditel che preveda la presenza nei relativi assetti e organi sociali di tutte le componenti del sistema televisivo.

AERANTI-CORALLO – ha concluso Rossignoli – auspica infine che l’indagine già avviata dalla Autorità per le garanzie nelle comunicazioni in ordine ad Auditel in applicazione delle previsioni normative di cui all’art. 1 comma 6 lettera b) n. 11 della legge 249 del 1997 pervenga a conclusioni che favoriscano ulteriormente il processo di ridefinizione globale dell’indagine Auditel.”

 

Per informazioni: 348 4454981

 

                                                         AERANTI-CORALLO,

                                                 aderente alla Confcommercio,

              rappresenta 1.059 imprese radiofoniche e televisive locali italiane