Aeranti-Corallo ribadisce l’esigenza dell’avvio delle trasmissioni televisive in DVB-T2.

 

(22 dicembre 2023)  Nell’ambito dell’audizione dei vertici RAI, svoltasi il 20 dicembre u.s. davanti alla Commissione parlamentare per l’indirizzo e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, il direttore generale RAI, Giampaolo Rossi, ha affermato che la concessionaria pubblica ha chiesto al Ministero delle Imprese e del Made in Italy il differimento del passaggio definitivo di un Mux RAI alla tecnologia DVB-T2, attualmente previsto per il 10 gennaio 2024.

Tale richiesta è stata motivata con la circostanza che una parte dell’utenza non sarebbe in grado di ricevere i segnali televisivi in DVB-T2 e, pertanto, non riuscirebbe a seguire la programmazione RAI dei Campionati europei di calcio e delle Olimpiadi di Parigi, che si svolgeranno nel corso del 2024.

 

Il punto di vista di Aeranti-Corallo

Al riguardo, il coordinatore Aeranti-Corallo, avv. Marco Rossignoli, ha affermato: “Per il comparto televisivo locale resta essenziale un rapido avvio del processo di transizione al digitale televisivo terrestre di seconda generazione DVB-T2.

Da tempo, Aeranti-Corallo sollecita tale transizione in quanto  con l’attuale, obsoleta tecnologia DVB-T, l’emittenza televisiva locale ha spazi radioelettrici particolarmente limitati che non le consentono di trasmettere i propri programmi con adeguata qualità tecnica”.

“Solo con il passaggio al DVB-T2 con codifica HEVC – ha proseguito Rossignoli – le Tv locali potranno avere adeguati spazi di capacità trasmissiva e potranno, pertanto, diffondere i propri programmi con buona qualità tecnica, anche in HD”.

Rossignoli ha quindi concluso: “Non condividiamo, pertanto, la richiesta di differimento avanzata dalla concessionaria pubblica, anche perché, a nostro parere, i Campionati europei di calcio e le Olimpiadi di Parigi potrebbero rappresentare l’occasione ideale per accelerare la transizione del sistema televisivo alla nuova e più performante tecnologia, motivando anche chi non avesse ancora adeguato i propri apparati di ricezione televisiva a farlo al più presto. Aeranti-Corallo auspica, pertanto, che non solo venga confermata la data del 10 gennaio 2024 per il passaggio di un Mux RAI al DVB-T2, ma che l’intero processo di transizione venga completato entro il prossimo anno 2024”. (AR)

 

Vedi anche:

Evento “Il futuro della televisione nella transizione digitale”. Rossignoli: “Occorre fissare la data per il passaggio definitivo al DVB-T2 e garantire una prominence adeguata all’emittenza televisiva locale”

Aeranti-Corallo all’evento “Il futuro della televisione nella transizione digitale”. Rossignoli: “Occorre fissare la data per il passaggio definitivo al DVB-T2 e garantire una prominence adeguata all’emittenza televisiva locale”

Contratto di servizio Stato-Rai: al via a gennaio ‘24 l’inizio della diffusione di un mux in Dvb-T2. Aeranti-Corallo: occorre accelerare per arrivare alla completa transizione

Il Ministro Urso in Commissione di Vigilanza Rai: la Concessionaria pubblica deve avviare il Dvb-T2 su una rete entro il 10 gennaio 2024. Le altre reti Rai devono passare al Dvb-T2 secondo una roadmap che verrà varata dal MIMIT. Aeranti-Corallo, nell’esprimere soddisfazione, chiede che il processo di transizione venga completato in tempi molto brevi

Aeranti-Corallo esprime soddisfazione per l’avvio del processo di transizione al Dvb-T2 entro il 10 gennaio 2024 annunciato dal Ministro Urso in Commissione parlamentare di vigilanza Rai. Aeranti-Corallo auspica inoltre che tale transizione venga completata in tempi molto brevi

Dal passaggio al DVB-T2/HEVC un’opportunità di ripresa per il comparto dei televisori

RadioTv Forum 2023 di Aeranti-Corallo – La Tavola rotonda “DVB-T2/HEVC: un passaggio urgente, necessario e possibile” (Roma, 21 giugno 2023)

RadioTv Forum 2023 si conclude con i seminari tecnologici: DVB-T2/HEVC, DAB+, HbbTv e Radioplayer.

Rossignoli: “Le tv locali italiane vogliono investire in qualità tecnica, ma il ritardo nella transizione al DVB-T2 frena tale sviluppo. Per uscire dall’impasse si chiede l’adozione del DVB-T2 con codifica HEVC non oltre il corrente anno”.