Agcom stabilisce le linee guida per regolare l’attività pubblicitaria degli influencer su Internet. Aeranti-Corallo valuta positivamente il provvedimento che prevede regole analoghe a quelle per i media tradizionali.

 

(17 gennaio 2024) Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha approvato all’unanimità le linee guida volte a garantire il rispetto da parte degli influencer delle disposizioni del TUSMA, il Testo unico sui servizi di media audiovisivi, con particolare riferimento alle misure in materia di comunicazioni commerciali, tutela dei diritti fondamentali della persona, dei minori e dei valori dello sport.

In caso di contenuti con inserimento di prodotti, gli influencer sono tenuti a riportare una scritta che evidenzi la natura pubblicitaria del contenuto in modo prontamente e immediatamente riconoscibile. Si prevedono anche richiami e ordini volti alla rimozione o adeguamento dei contenuti non rispettosi della normativa.

L’iniziativa è in linea con altre iniziative nazionali adottate da altri Stati membri dell’Unione e con le analisi e le soluzioni proposte in relazione alle attività degli influencer dal Gruppo dei regolatori europei dell’audiovisivo – ERGA.

Chi riguarda

Tali linee guida definiscono un insieme di norme indirizzate agli influencer che operano in Italia e che, tra l’altro, raggiungono almeno un milione di follower sulle varie piattaforme o social media su cui operano, che hanno pubblicato almeno 24 contenuti nel corso dell’anno precedente e che hanno superato su almeno una piattaforma o social media un valore di engagement rate medio pari o superiore al 2% (ossia, che hanno suscitato reazioni, tramite commenti o like, da parte di almeno il 2% dei loro follower).

Tavolo tecnico

Le linee guida dispongono anche l’avvio di un tavolo tecnico per l’adozione di un codice di condotta che definisca le misure a cui gli influencer si dovranno attenere.

Il codice sarà redatto nel rispetto dei principi indicati nelle linee guida e prevederà sistemi di trasparenza e riconoscibilità degli influencer, i quali dovranno essere chiaramente individuabili e contattabili.

Al tale tavolo tecnico parteciperanno anche soggetti che solitamente non rientrano nel perimetro normativo e regolamentare dell’Autorità, ma che sono attinenti al mondo dell’influencer marketing, quindi anche, per esempio, i soggetti che operano quali intermediari tra influencer e aziende.

 

Aeranti-Corallo esprime un giudizio positivo sul provvedimento AGCOM in quanto tali linee guida vanno nella direzione di eliminare il diverso trattamento normativo esistente tra operatori soggetti alla disciplina del TUSMA, quali le emittenti radiofoniche e televisive, e i soggetti editoriali e commerciali operanti esclusivamente sui social network e su internet. La convergenza dei sistemi di comunicazione deve, infatti, portare verso la piena e completa equiparazione delle norme tra i diversi soggetti presenti sul mercato al fine di evitare distorsioni concorrenziali. (AR)

 

Vedi anche:

Le voci della radio sono i veri influencer