Contratto di servizio Stato-Rai: al via a gennaio ‘24 l’inizio della diffusione di un mux in Dvb-T2. Aeranti-Corallo: occorre accelerare per arrivare alla completa transizione

 

(23 ottobre 2023)   Recentemente lo schema di Contratto di servizio tra il Ministero delle Imprese e del Made in Italy e la Rai, per il periodo 2023-2028, è stato sottoposto all’esame della Commissione Parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi (c.d. “Commissione di vigilanza Rai”) che, nella seduta del 3 ottobre u.s., ha approvato il parere su tale schema (che è obbligatorio, ma non vincolante).

Lo schema di Contratto di Servizio è stato predisposto sulla base dell’intesa tra Agcom e Mimit (prevista dall’art. 59, comma 6 del TUSMA). Il Contratto di servizio verrà, quindi, stipulato tra il Mimit e la Rai previa delibera del Consiglio dei Ministri (che dovrebbe avvenire a breve).

Per quanto riguarda la parte televisiva, è da sottolineare quanto contenuto all’art. 15, comma 3 dello schema di contratto, che prevede specificamente, che “la Rai si impegna a diffondere un proprio mux nazionale in standard DVB-T2 entro il 10 gennaio 2024, e a predisporre il passaggio dei restanti mux in standard DVB-T2 secondo la roadmap predisposta dal Ministero in coerenza con la normativa di settore”.

Tale previsione conferma quanto affermato dal Ministro Urso lo scorso 3 agosto in Commissione parlamentare di vigilanza Rai.

Aeranti-Corallo auspica, a questo punto, il completamento entro l’anno 2024 del processo di transizione al Dvb-T2, al fine di consentire alle tv locali, oggi costrette in spazi radioelettrici particolarmente limitati, di fruire della necessaria capacità trasmissiva per trasmettere i programmi con adeguata qualità tecnica.

 

Vedi anche:

Il Ministro Urso in Commissione di Vigilanza Rai: la Concessionaria pubblica deve avviare il Dvb-T2 su una rete entro il 10 gennaio 2024. Le altre reti Rai devono passare al Dvb-T2 secondo una roadmap che verrà varata dal MIMIT. Aeranti-Corallo, nell’esprimere soddisfazione, chiede che il processo di transizione venga completato in tempi molto brevi

Dal passaggio al DVB-T2/HEVC un’opportunità di ripresa per il comparto dei televisori

RadioTv Forum 2023 di Aeranti-Corallo – La Tavola rotonda “DVB-T2/HEVC: un passaggio urgente, necessario e possibile”

Al via il RadioTv Forum 2023 di Aeranti-Corallo. La ‘Relazione Annuale’ del coordinatore Marco Rossignoli

Rossignoli: “Le tv locali italiane vogliono investire in qualità tecnica, ma il ritardo nella transizione al DVB-T2 frena tale sviluppo. Per uscire dall’impasse si chiede l’adozione del DVB-T2 con codifica HEVC non oltre il corrente anno”.

Rossignoli, Aeranti-Corallo: “Le tv locali italiane vogliono investire in qualità tecnica, ma il ritardo nella transizione al DVB-T2 frena tale sviluppo. Per uscire dall’impasse si chiede l’adozione del DVB-T2 con codifica HEVC non oltre il corrente anno”.