Decreto 14 maggio 1997 del Ministero P.T. “Riconoscimento di organismi competenti nel settore della compatibilità elettromagnetica”

image_pdfimage_print

MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI
DECRETO 14 maggio 1997

“Riconoscimento di organismi competenti nel settore della compatibilità elettromagnetica”

                                                           

(pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.146 del 25 giugno 1997)

 

IL DIRIGENTE GENERALE

per la regolamentazione e la qualità dei servizi
del Ministero delle poste e delle telecomunicazioni

e

IL DIRIGENTE GENERALE

per la produzione industriale del Ministero dell’industria,
del commercio e dell’artigianato

 

Visto il decreto legislativo 12 novembre 1996, n.615, con il quale è data attuazione alla direttiva 89 / 336 /CEE del Consiglio del 3 maggio 1989 in materia di ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica, modificata ed integrata dalla direttiva 92 / 31 / CEE del Consiglio del 28 aprile 1992, dalla direttiva 93 / 68 / CEE del Consiglio del 22 luglio 1993 e dalla direttiva 93 / 97/CEE del Consiglio del 29 ottobre 1993;

Visto l’art.1, comma1, lettera e), del citato decreto legislativo n. 615 / 1996 che definisce il termine “organismo competente” e l‘allegato 2 che stabilisce le condizioni minime che gli organismi competenti devono soddisfare;

Visto l’art.9, comma 1, del decreto legislativo n.615 / 1996 che designa quali autorità competenti per l’attuazione del decreto medesimo il Ministero delle poste e delle telecomunicazioni ed il Ministero dell’industria del commercio e dell’artigianato;

Visto l’art.9, comma 2, del decreto legislativo n.615 / 1996 che prevede la possibilità di procedere al riconoscimento di organismi competenti nel settore della compatibilità elettromagnetica con provvedimento del Ministero delle poste e delle telecomunicazioni di concerto con il Ministero dell’industria, del commercio e dell’artigianato;

Visto il capo II del decreto legislativo n.615 / 1996 con il quale viene definita la procedura di riconoscimento degli organismi competenti;

Viste le domande presentate, ai fini del riconoscimento quali organismi competenti in materia di compatibilità elettromagnetica, della Soc. Modulo Uno S.r.l. in data 1° febbraio 1996 e della Soc. Meccano S.p.a. in data 24 giugno 1996;

Visti i pareri favorevoli al rilascio dei riconoscimenti formulati dalla Commissione tecnica consultiva, riunitasi il giorno 8 maggio 1997;

Visto il decreto legislativo 3 febbraio 1993, n.29;

 

Decretano:

 

1. L’organismo Modulo Uno S.r.l., via Cuorgné, 21 – 10156 Torino, sulla base dei requisiti descritti dall’allegato 2 al decreto legislativo 12 novembre 1996, n. 615, è riconosciuto competente in materia di compatibilità elettromagnetica per i seguenti settori salvo esclusione per provvedimenti comunitari specifici:

 

apparecchiature e installazioni elettriche;

apparecchiature industriali;

apparecchiature e sistemi di controllo per impianti industriali;

apparati avionici e aerospaziali;

apparecchiature per l’elaborazione dell’informazione;

strumenti di misura e apparecchiature di prova;

prodotti elettrici / elettronici e / o componenti;

apparecchi elettrodomestici e apparecchiature per uso domestico.

2. L’organismo Meccano S.p.a. via G. di Vittorio, n.3 /a –60044 Fabriano (Ancona), sulla base dei requisiti prescritti dall’allegato 2 al decreto legislativo 12 novembre 1996, n. 615, è riconosciuto competente in materia di compatibilità elettromagnetica per i seguenti settori salvo esclusione per provvedimenti comunitari specifici:

 

ricevitori di radiodiffusione sonora e televisiva ;

apparecchiature industriali ;

apparecchiature di tecnologia dell’informazione ;

apparecchiature mediche e scientifiche ;

elettrodomestici e apparecchiature elettroniche ad uso domestico ;

apparecchiature per l’illuminazione e lampade fluorescenti ;

prodotti e componenti elettrici ed elettronici .

Roma 14 maggio 1997

Il dirigente generale
Per la regolamentazione
e la qualità dei servizi

Righetti

Il dirigente generale
per la produzione industriale
Visconti