Decreto 16 novembre 2005 del Ministero delle Comunicazioni recante “Modifica della nota 1 del Piano nazionale di ripartizione delle frequenze”

image_pdfimage_print

 

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

 
DECRETO 16 novembre 2005
Modifica della nota 1 del Piano nazionale di ripartizione delle frequenze

(pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 301 del 28 dicembre 2005)

 

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

 

Visto il codice delle comunicazioni elettroniche, approvato con decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259;

Visto il decreto ministeriale 8 luglio 2002 con il quale e’ stato approvato il Piano nazionale di ripartizione delle frequenze;

Visto il decreto legislativo 30 dicembre 2003, n. 366;

Riconosciuta la necessita’ di modificare il Piano nazionale di ripartizione delle frequenze al fine di adeguarlo ai piu’ recenti sviluppi nel campo delle applicazioni di apparati a corto raggio di tipo induttivo;

Sentito il Consiglio superiore delle comunicazioni;

Sentiti gli organismi di cui all’art. 3, comma 3, della legge 6 agosto 1990, n. 223;

Considerato che il Ministero della difesa nella fase di consultazione pubblica non ha comunicato obiezioni sulla modifica proposta;

Decreta:

Art. 1.

L’allegato  «Note» al vigente Piano nazionale di ripartizione delle frequenze e’ cosi’ modificato:
la nota 1 e’ sostituita dalla seguente:
«1. In accordo con le decisioni CEPT ERC/DEC/(0l)13, ERC/DEC/(0l)14, ERC/DEC/(0l)15 e ERC/DEC/(01)16 le bande di frequenze 9-148,5 kHz, 148,5-1600 kHz, 3.155-3.400 kHz, 6.765-6.795 kHz, 7.400-8.800 kHz, 10.200-11.000 kHz, 13.553-13.567 kHz, 26.957-27.283 kHz possono essere impiegate ad uso collettivo da apparati a corto raggio per applicazioni di tipo induttivo aventi le caratteristiche tecniche della raccomandazione CEPT ERC/REC 70-03 (Annesso 9).

 

Tali applicazioni sono soggette al regime di “libero uso” ai sensi dell’art. 105, comma 1, lettera g) del Codice delle comunicazioni elettroniche, emanato con decreto legislativo l° agosto 2003».

Art. 2.

L’allegata «Tabella di attribuzione del Piano nazionale di ripartizione delle frequenze» è così modificato nelle colonne «Utilizzazioni» e «Normativa internazionale»: Tabella allegata.

Art. 3.

Il testo di cui agli articoli 1 e 2 integrano quello approvato con decreto ministeriale dell’8 luglio 2002.

Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 16 novembre 2005

Il Ministro: Landolfi

pdfTabella di attribuzione del Piano nazionale di ripartizione delle frequenze