Decreto 2 settembre 2005 recante “Riconoscimento di un ulteriore contributo agli abbonati al servizio di radiodiffusione televisiva nelle regioni autonome della Valle d’Aosta e della Sardegna, per l’acquisto o il noleggio di un apparecchio idoneo a consentire la ricezione di segnali televisivi in tecnica digitale.”

image_pdfimage_print

 

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

 

DECRETO 2 settembre 2005

Riconoscimento  di  un ulteriore contributo agli abbonati al servizio di  radiodiffusione  televisiva  nelle  regioni  autonome della Valle d’Aosta  e della  Sardegna,  per  l’acquisto  o  il  noleggio  di un apparecchio idoneo a consentire la ricezione di segnali televisivi in tecnica digitale.

(pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 244 del 19 ottobre 2005)

 

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

Vista  la legge 3 maggio 2004, n. 112, ed in particolare l’art. 25, comma  5,  in cui si prevede l’individuazione di uno o piu’ bacini di diffusione  del  segnale  televisivo  terrestre, nei quali avviare la completa conversione alla tecnica digitale;

Visto,  l’art.  1,  comma 211, della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (legge finanziaria 2005);

Visto l’art. 1, comma 250, della citata legge finanziaria 2005, che istituisce, nello stato di previsione   del  Ministero  delle comunicazioni,  per l’anno 2005, con una dotazione finanziaria pari a 10  milioni di euro, un Fondo per la promozione e la realizzazione di aree all digital e servizi di T-Government;

Visto il decreto 30 dicembre 2003 del Ministro delle comunicazioni, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, che disciplina la procedura per l’erogazione di contributi per l’acquisto di decodificatori in tecnica digitale terrestre ai sensi della legge finanziaria 2004 esplicitamente richiamato anche nella legge finanziaria 2005;

Visto  il decreto del Ministro delle comunicazioni, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, in data 1° settembre 2005, con  il  quale  una quota pari a 14 milioni di euro ovvero alla somma residua  della disponibilita’ del rifinanziamento di cui al comma 211 dell’art.1 della legge finanziaria 2005 e’ riservata ai contributi in favore di abbonati al servizio di radiodiffusione della Sardegna e della Valle d’Aosta;

Visto  il  decreto  del  Ministro delle comunicazioni del 17 giugno 2005, con il quale e’ stata istituita una speciale commissione, presieduta  dal Sottosegretario on. Paolo Romani, per lo studio delle problematiche  attinenti  all’avvio  delle  aree all digital e per il coordinamento del relativo processo di realizzazione delle stesse;

Visti  il protocollo d’intesa tra il Ministero delle comunicazioni, la  regione  Sardegna e l’associazione  DGTVi  del  16 aprile 2005, nonche’  il protocollo d’intesa tra il Ministero delle comunicazioni, la regione Valle d’Aosta e l’associazione DGTVi in pari data, con cui le parti si impegnano a mettere in atto tutte le attivita’ necessarie per  rendere  possibile  entro  il  31 gennaio 2006 la transizione al digitale terrestre nelle aree principali delle due regioni;

Vista la comunicazione della Commissione europea al Consiglio, al Parlamento  europeo, al Comitato  economico  e sociale europeo e al Comitato delle regioni sulla  transizione dalla trasmissione radiotelevisiva analogica a quella digitale (dallo «switchover» digitale allo «switch-off’ analogico), del  17 settembre 2003, n. COM(2003) 541;

Vista  la  comunicazione della Commissione europea al Consiglio, al Parlamento  europeo, al Comitato  economico  e sociale europeo e al Comitato delle regioni sull’interoperabilita’ dei servizi  di televisione  digitale  interattiva, del 30 luglio 2004, n. COM (2004) 541;

Ritenuto  opportuno, nell’ambito delle azioni che il Ministero deve svolgere  per  la promozione e la realizzazione di aree all digital e servizi di T-Government, utilizzare il Fondo di cui all’art. 1, comma 250,  della  legge  finanziaria  2005 per consentire agli abbonati al servizio di  radiodiffusione delle aree che diventeranno all digital entro  il  31 gennaio  2006  di disporre  di un apparecchio idoneo a consentire la ricezione, in chiaro e senza alcun costo per l’utente e per  il  fornitore  di  contenuti,  dei segnali televisivi in tecnica digitale  e  la conseguente  interattivita’,  mediante  un  apposito contributo;

Visto   il   corpus   di   specifiche   indicate   come   «D-Book», versione settembre   2004, emanate   dall’Associazione   DGTVi  dei broadcaster in tecnica digitale terrestre, relativamente al canale di ritorno,  per  il  quale,  se  realizzato  mediante  linea telefonica analogica commutata,  si  indica lo standard V.90 (fino a 56 kbit/s) come quello richiesto per la conformita’ a tali specifiche;

Ritenuto  opportuno  incentivare la diffusione di ricevitori dotati sia  dell’interattivita’  che di un canale di ritorno ed equipaggiati con  una  piattaforma per l’interattivita’ aperta e riconosciuta come tale dalla Commissione europea;

Considerato  che,  in base a consultazioni svolte dalla Commissione istituita  con decreto del Ministro delle comunicazioni del 17 giugno 2005  con  associazioni  di  categoria  rappresentative della filiera della produzione e della distribuzione di decodificatori, il costo di un decodificatore  digitale finanziabile con contributo statale puo’ attestarsi  sui  90  euro  e che, dedotto il contributo statale di 70 euro, rimane a carico dell’acquirente un costo di 20 euro;

Considerato  che  gli  utenti  televisivi  delle regioni Sardegna e Valle  d’Aosta, a causa dello switch-off anticipato, saranno tenuti a fornirsi di decodificatore per poter continuare a fruire del servizio televisivo  e che quindi risulta opportuno che per essi il contributo statale arrivi a coprire il costo integrale del decodificatore;

Decreta:

Art. 1.

1.  Agli  abbonati  al  servizio  di radiodiffusione televisiva, in regola  con  il  pagamento del  canone  di abbonamento per l’anno in corso,  delle  regioni autonome della Sardegna e della Valle d’Aosta, e’  riconosciuto  un  contributo  di  20  euro  per  l’acquisto od il noleggio  di un  apparecchio  idoneo  a  consentire la ricezione, in chiaro  e  senza  alcun  costo  per l’utente  e  per il fornitore di contenuti,  di  segnali  televisivi in tecnica digitale e una elevata interattivita’ da remoto.

2.  I  contributi  saranno  erogati  per  l’acquisto  o noleggio di decodificatori che:

a) abbiano  accesso  ad  un canale di ritorno su linea telefonica analogica  commutata, mediante modem idoneo a sostenere per tale tipo di   accesso   almeno  la classe  di  velocita’  fino  a 56  kbit/s conformemente  alla  norma  UIT  V.90  ovvero  una  velocita’  almeno equivalente  per le altre tecnologie trasmissive di collegamento alle reti pubbliche di telecomunicazioni;

b) siano  equipaggiati di piattaforma per l’interattivita’ aperta e riconosciuta come tale dalla Commissione europea.

Art. 2.

1.  Alla  erogazione  del  contributo di cui all’art. 1 si provvede attingendo alle  disponibilita’ del Fondo istituito con il comma 250 dell’art.  1  della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (legge finanziaria 2005), entro il limite di 6 milioni di euro.

Art. 3.

1.  Il contributo di cui all’art. 1 non e’ incompatibile con quello previsto dal comma 211 dell’art. 1 della legge finanziaria 2005.

2.  I  due  contributi  sono  cumulabili  nell’ambito  della stessa procedura  disciplinata dal decreto del Ministro delle comunicazioni, di  concerto  con  il  Ministro  del-l’economia  e delle finanze, del 30 dicembre 2003.

3.  All’erogazione  del  contributo  di  cui al presente decreto si provvede  mediante  la  procedura  telematica  prevista  dal predetto decreto in data 30 dicembre 2003.

Roma, 2 settembre 2005

Il Ministro: Landolfi

Registrato alla Corte dei conti il 4 ottobre 2005

Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive, registro n. 4, foglio n. 86