Decreto 29 novembre 2012 del Ministero dello Sviluppo Economico recante «Rettifica del decreto 31 ottobre 2012, recante: «Riparto dello stanziamento previsto per le emittenti televisive locali per l’anno 2011.»

image_pdfimage_print
MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 29 novembre 2012

Rettifica del decreto 31 ottobre 2012, recante: «Riparto dello stanziamento previsto per le emittenti televisive locali per l’anno 2011.».

(pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 5 del 7 gennaio 2013)

 

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

 

Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249;
Vista la legge 23 dicembre 1998, n. 448, concernente misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo, ed in particolare l’art. 45, comma 3
Vista la legge 23 dicembre 1999, n. 488 concernente disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato, ed in particolare l’art. 27, comma 10;
Vista la legge 23 dicembre 2000, n. 388, concernente disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato anno 2001, ed in particolare l’art. 145, comma 18;
Vista la legge 28 dicembre 2001, n. 448, recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato, ed in particolare l’articolo 52, comma 18;
Vista la legge 27 dicembre 2002, n 289, recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato, ed in particolare l’art. 80, comma 35;
Vista la legge 24 dicembre 2003, n. 350, recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato, ed, in particolare, l’art. 4, comma 5;
Visto il decreto legge 12 luglio 2004, n. 168 convertito in legge del 30 luglio 2004, n. 191;
Visto il decreto ministeriale 5 novembre 2004, n. 292, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 285 del 4 dicembre 2004, concernente: “regolamento recante nuove norme per la concessione alle emittenti televisive locali dei benefici previsti dall’art. 45, comma 3, della legge 23 dicembre 1998, n. 448 e successive modifiche e integrazioni”, di seguito denominato regolamento;
Visto il D.M. del 31.10.2012 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale nr. 273 del 22.11.2012, concernete il riparto dello stanziamento annuo previsto per le emittenti televisive locali dall’art. 45, comma 3 della legge 23 dicembre 1998, nr. 448;
Visto che a causa del malfunzionamento del sistema informatico si e’ verificato un disallineamento nelle regioni tra gli importi ripartiti con D.M. del 31.10.2012 e quelli effettivamente rielaborati;
Considerato che occorre procedere alla rettifica della tabella riportante il riparto dei contributi di cui al D.M. 31.10.2012

 

Decreta:

Art. 1

1. La tabella di riparto dell’ammontare annuo dello stanziamento previsto per le emittenti televisive locali dall’articolo 45, comma 3, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, cosi’ come modificato, da ultimo, dall’art. 2, comma 296, della legge 24 dicembre 2007, dalla legge n. 13 dicembre 2010, n. 221, in combinato con il decreto 21 dicembre 2010 del Ministro dell’Economia e delle Finanze, tabella n. 3 – cap. 3121 pari ad Euro 95.929.331,00 per l’anno 2011, e’ ripartito tra i bacini di utenza televisiva coincidenti con le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, varia come segue:

 

 

|=========================|=========================================|

| REGIONI | CONTRIBUTO REGIONALE |
|=========================|=========================================|
| ABRUZZO | € 1.411.014.33 |
|————————-|—————————————–|
| BASILICATA | € 195.034.58 |
|————————-|—————————————–|
| BOLZANO | € 297.520.47 |
|————————-|—————————————–|
| CALABRIA | € 2.121.409.90 |
|————————-|—————————————–|
| CAMPANIA | € 8.817.230.81 |
|————————-|—————————————–|
| EMILIA ROMAGNA | € 5.878.649.16 |
|————————-|—————————————–|
| FRIULI VENEZIA GIULIA | € 2.031.851.93 |
|————————-|—————————————–|
| LAZIO | € 5.513.044.36 |
|————————-|—————————————–|
| LIGURIA | € 2.676.498.76 |
|————————-|—————————————–|
| LOMBARDIA | € 12.338.984.17 |
|————————-|—————————————–|
| MARCHE | € 1.087.242.56 |
|————————-|—————————————–|
| MOLISE | € 942.762.16 |
|————————-|—————————————–|
| PIEMONTE | € 7.117.566.37 |
|————————-|—————————————–|
| PUGLIA | € 13.010.518.30 |
|————————-|—————————————–|
| SARDEGNA | € 2.752.155.10 |
|————————-|—————————————–|
| SICILIA | € 10.470.278.29 |
|————————-|—————————————–|
| TOSCANA | € 5.176.852.10 |
|————————-|—————————————–|
| TRENTO | € 715.381.44 |
|————————-|—————————————–|
| UMBRIA | € 1.111.691.96 |
|————————-|—————————————–|
| VALLE D’AOSTA | € 11.319.47 |
|————————-|—————————————–|
| VENETO | € 12.252.324.76 |
|————————-|—————————————–|
| TOTALE | € 95.929.331,00 |
|=========================|=========================================|

 

Art. 2

 

 

1. Salvo quanto disposto con l’art. 1 del presente decreto restano invariate le disposizioni di cui al D.M. del 31.10.2012.
2. Il presente decreto viene inviato alla Corte dei Conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

 

Roma, 29 novembre 2012

Il Ministro: Passera

Registrato alla Corte dei conti il 5 dicembre 2012
Registro n. 13, foglio n. 26