Decreto 5 febbraio 2001 del Ministro delle Comunicazioni di concerto con il Ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica

image_pdfimage_print


DECRETO 5 FEBBRAIO 2001 DEL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

(pubblicato in Gazzetta ufficiale n.85 del 11 aprile 2001)

 

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

di concerto con il

Ministro del tesoro, del bilancio e
della programmazione economica

Vista la legge 6 agosto 1990, n.223;

Vista la legge 31 luglio 1997, n.249;

Vista la legge 22 febbraio 2000, n.28;

Considerata la necessità di provvedere, ai sensi dell’art. 4 comma 5 della legge 22 febbraio 2000, n.28, alla determinazione  per l’anno 2001 della misura del rimborso  per ciascun messaggio autogestito a titolo gratuito  per le emittenti  radiofoniche e per le emittenti  televisive, nonché alla ripartizione, tra le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, della somma stanziata per l’anno 2001 ai fini del rimborso alle emittenti   radiofoniche  e televisive locali che accettano di trasmettere messaggi autogestiti  a titolo gratuito  in campagna elettorale;

DECRETA:

Articolo 1

1. Il rimborso per ciascun  messaggio autogestito  per l’anno 2001 è determinato per le emittenti radiofoniche in lire 13.000 (pari ad euro 6,71) e per le emittenti televisive in lire 41.000 (pari ad euro 21,17) indipendentemente  dalla durata del messaggio.

2. Della somma di lire 20 miliardi (pari ad euro 10.329.137,98) stanziata  per l’anno 2001 ai fini del rimborso  alle emittenti radiofoniche e televisive locali che accettano di trasmettere messaggi autogestiti  a titolo gratuito  nelle campagne elettorali o referendarie, lire 7.000.000.000 (sette miliardi, pari a euro 3.615.198,29) sono riservati alle emittenti radiofoniche locali e lire 13.000.000.000 (tredici miliardi pari a euro 6.713.939,69) alle emittenti televisive locali.

3. Tenuto conto del numero dei cittadini iscritti nelle rispettive  liste elettorali  alle regioni e alle province  autonome di Trento e Bolzano sono attribuite  le seguenti somme:

                            REGIONE                 QUOTA RADIO                       QUOTA TV                         TOTALE
   ABRUZZO               164.096.369                    304.750.400                     468.846.770
   BASILICATA                  75.425.601                    140.076.115                     215.501.716
   BOLZANO prov.aut.                  53.726.997                       99.778.709                     153.505.706
   CALABRIA               250.957.022                     466.063.041                     717.020.064
   CAMPANIA               676.149.979                 1.255.707.103                  1.931.857.081
   EMILIA ROMAGNA               487.719.305                    905.764.423                  1.393.483.728
   FRIULI VEN.GIULIA               154.176.470                    286.327.730                     440.504.200
   LAZIO               634.740.092                 1.178.803.028                  1.813.543.120
   LIGURIA              203.535.920                     377.995.281                      581.531.201
   LOMBARDIA           1.080.309.130                 2.006.288.385                  3.086.597.515
   MARCHE              179.084.990                    332.586.409                      511.671.399
   MOLISE                44.969.258                      83.514.335                      128.483.593
   PIEMONTE              521.894.106                    969.231.912                   1.491.126.018
   PUGLIA              490.521.029                    910.967.625                   1.401.488.653
   SARDEGNA              203.043.089                    377.080.022                      580.123.110
   SICILIA              630.464.827                 1.170.863.250                   1.801.328.077
   TOSCANA            430.634.7689                    799.750.284                   1.230.385.053
   TRENTO prov.aut.                56.623.551                    105.158.023                      161.781.573
   UMBRIA             101.233.729                    188.005.497                      289.239.226
   VALLE D’AOSTA               14.574.766                      27.067.423                        41.642.189
   VENETO             546.119.003                1.014.221.005                   1.560.340.007

 

Il presente decreto verrà  inviato alla Corte dei Conti per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

5 febbraio 2001

Il Ministro delle Comunicazioni

Il Ministro del tesoro, del bilancio
e della programmazione economica