Decreto 5 giugno 1997, n.188 del Ministro P.T. recante “Regolamento recante modificazioni al regolamento riguardante le regole tecniche per l’omologazione degli apparati monocanali per i servizi fisso e mobile terrestre, adottato con decreto ministeriale 4 ottobre 1994, n.625”

image_pdfimage_print
MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI


DECRETO 5 giugno 1997, n.188

Regolamento recante modificazioni al regolamento riguardante le regole tecniche per l’omologazione degli apparati monocanali per i servizi fisso e mobile terrestre, adottato con decreto  ministeriale 4 ottobre 1994, n. 625

(pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.150 del 30 giugno 1997)

 

IL MINISTRO DELLE POSTE E TELECOMUNICAZIONI

Visto il testo unico delle disposizioni legislative in materia postale, di bancoposta e di telecomunicazioni, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 1973, n.156;

Visto il decreto ministeriale 31 gennio1983, con il quale è stato approvato il piano nazionale di ripartizione delle radiofrequenze, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 47 del 17 febbraio 1983;

Visto l’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

Visto il decreto legislativo 12 novembre 1996, n. 615, di attuazione della direttiva 89/336/CEE del Consiglio del 3 maggio 1989, in materia di ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica, modificata ed integrata dalla direttiva 92/31/CEE del Consiglio del 28 aprile 1992, dalla direttiva 93/68/CEE del Consiglio del 22 luglio 1993   e dalla direttiva 93/1997/CEE del Consiglio del 29 ottobre 1993;

Visto il decreto ministeriale 4 ottobre 1994, n. 625, con il quale è stato adottato il regolamento recante norme concernenti le regole tecniche per l’omologazione degli apparati monocanali per i servizi fisso e mobile terrestre;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 24 marzo 1995, n. 166, con il quale è stato emanato il regolamento riguardante la riorganizzazione del Ministero delle poste e delle telecomunicazioni;

Visto il regolamento delle radiocomunicazioni, annesso alla convenzione internazionale delle telecomunicazioni adottata a Ginevra il 22 dicembre 1992 e ratificata con legge 31 gennaio 1996, n.61;

Riconosciuta l’opportunità di accettare i rapporti di prova rilasciati da laboratori accreditati di Paesi aderenti alla conferenza europea delle poste e delle telecomunicazioni (CEPT) ai fini del rilascio delle omologazioni degli apparati monocanali per i servizi fisso e mobile terrestre;

Sentito il parere espresso dalla 1° sezione del consiglio superiore tecnico delle poste e delle telecomunicazioni nell’adunanzana 98 del 26 settembre 1996;

Udito il parere del Consiglio di Stato espresso nell’adunanza generale del 29 maggio 1997;

Vista la comunicazione del Presidente del Consiglio dei Ministri a norma dell’articolo 17, comma 3, della legge n.400 / 1998;

ADOTTA

Il seguente regolamento:

Art. 1.

1. L’articolo 8 del decreto ministeriale 4 ottobre 1994, n.625, è sostituito dal seguente:

“Art. 8. – 1.Rapporti di prova rilasciati da laboratori di Paesi aderenti alla conferenza europea delle poste e delle telecomunicazioni (CEPT), accreditati ai sensi delle norme EN 45001 o ISO 25, i quali siano compilati sui modulari pubblicati dalla CEPT e che dimostrino la conformità degli apparati alle norme tecniche di cui agli articoli 2 e 3, sono considerati validi ai fini del rilascio dell’omologazione, purchè agli apparati rispettino anche le norme di cui all’allegato 1 al presente decreto.

2. Con riferimento ai Paesi aderenti alla CEPT, ma non facenti parte dello Spazio economico europeo (SEE) di cui alla legge 28 luglio 1993, n.300, la disposizione recata dal comma 1 opera ove sussistano condizioni di reciprocità.

3. I rapporti di prova, di cui al comma 1, in originale o in copia autenticata, devono essere allegati alla domanda di omologazione “.

 

Art. 2.

1. Nell’articolo 9 del decreto ministeriale 4 ottobre 1994, n. 625, la denominazione della Direzione centrale servizi radioelettrici è sostituita dalla seguente : Direzione generale per la pianificazione e la gestione delle frequenze.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana.

E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Roma, 5 giugno 1997

Il Ministro: MACCANICO

Visto, il Guardasigilli : FLICK

Registrato alla Corte dei conti il 25 giugno 1997

Registro n.5 Poste, foglio n. 264