Decreto coronavirus: nella bozza la proroga di Agcom e Garante privacy sino al termine dell’emergenza Covid 19

image_pdfimage_print

(14 marzo 2020)  E’ in corso la stesura da parte del Governo del decreto legge che dovrebbe essere portato, oggi o domenica, all’approvazione del Consiglio dei Ministri.

Tra le numerose norme presenti nella bozza di lavoro, vi dovrebbe essere quella che porta la proroga delle funzioni del consiglio Agcom e del Garante della Privacy dal 31 marzo 2020 (attuale data di scadenza in prorogatio di entrambe le Autorità indipendenti) sino a 60 giorni successivi alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19.

Tale proroga legittimerebbe il Presidente e i componenti delle due Autorità all’esercizio delle proprie funzioni, limitatamente agli atti di ordinaria amministrazione e a quelli indifferibili e urgenti.

Occorrerà ora attendere l’approvazione del provvedimento da parte del Consiglio dei Ministri per avere conferma di tale proroga. (FB)

(Nella foto: Palazzo Chigi a Roma, sede del Governo italiano)

Vedi anche:

Decreto coronavirus: nella bozza la previsione di un incremento una tantum per i contributi di cui al Dpr 146/17

Emergenza coronavirus. Il Mef comunica che nel prossimo DL vengono prorogati termini versamenti fiscali 16 marzo

Emergenza coronavirus. Aeranti-Corallo chiede all’Agcom il differimento del termine per la comunicazione annuale del contributo dovuto all’Autorità e per il relativo pagamento

Emergenza coronavirus: Aeranti-Corallo incontra il Sottosegretario allo Sviluppo economico on. Mirella Liuzzi per rappresentare le gravi difficoltà del settore radiotelevisivo locale

Emergenza Covid-19. Finanziamenti piccole e medie imprese, addendum accordo con Abi per estendere ai prestiti al 31/1/20 la possibilità di chiedere sospensione o allungamento

Il Dpcm 1° marzo 2020 estende le disposizioni in materia di lavoro agile a tutta Italia in relazione all’emergenza coronavirus

Dpcm 25 febbraio 2020 in materia di lavoro agile nel Nord Italia in relazione all’emergenza coronavirus