Deliberazione 28 maggio 2014 dell’Agcom recante “Modifiche all’art.23, comma 3 dell’allegato A alla Delibera 353/11/CONS Nuovo Regolamento relativo alla radiodiffusione televisiva terrestre in tecnica digitale (Delibera 257/14/CONS)”.

image_pdfimage_print
 
AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

 

DELIBERA N. 257/14/CONS

MODIFICHE ALL’ART. 23, COMMA 3 DELL’ALLEGATO A ALLA DELIBERA N. 353/11/CONS NUOVO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA RADIODIFFUSIONE TELEVISIVA TERRESTRE IN TECNICA DIGITALE

(pubblicata nel sito web dell’Agcom in data 20 giugno 2014)

L’AUTORITÀ

NELLA riunione del Consiglio del 28 maggio 2014;

VISTA la legge 14 novembre 1995, n. 481, “Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità. Istituzione delle  Autorità di regolazione dei servizi di pubblica utilità”;

VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 “Istituzione dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo”;

VISTA la delibera n. 223/12/CONS del 27 aprile 2012 recante adozione del nuovo regolamento concernente l’organizzazione e il funzionamento dell’Autorità”,

come modificato, da ultimo, dalla delibera n. 32/14/CONS;

VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante “Codice delle comunicazioni elettroniche”;

VISTA la direttiva 2010/13/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 marzo 2010 relativa al coordinamento di determinate disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri concernenti la fornitura di servizi di media audiovisivi (direttiva sui servizi di media audiovisivi) che abroga e sostituisce la direttiva 2007/65/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’11  dicembre 2007

che modifica la direttiva 89/552/CEE del Consiglio, relativa al coordinamento di determinate disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri concernenti l’esercizio delle attività televisive, come modificata dalla direttiva 97/36/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 30 giugno 1997;

VISTO il decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177, come modificato dal decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 44, recante il “Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici”;

VISTA la legge 6 giugno 2008, n. 101, come modificata dalla legge n. 88 del

2009 ed in particolare l’art. 8-novies, comma 4, secondo il quale nel corso della progressiva attuazione del piano nazionale di assegnazione delle frequenze i diritti di uso delle frequenze per le reti televisive digitali sono assegnati “in conformità ai criteri di cui alla deliberazione n. 181/09/CONS dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni del 7 aprile 2009, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica

italiana n. 99 del 30 aprile 2009”;

VISTO il decreto del Ministero dello sviluppo economico 10 settembre 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 238 del 10 ottobre 2008, e le successive modificazioni e integrazioni, con il quale, in ottemperanza all’articolo 8-novies della citata legge n. 101/2008, è stato definito il calendario nazionale per il passaggio definitivo alla trasmissione televisiva digitale terrestre con l’indicazione delle  aree territoriali interessate e delle rispettive scadenze;

VISTA la delibera n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, recante “Regolamento per l’organizzazione e la tenuta del Registro degli operatori di comunicazione”;

VISTA la delibera n. 664/09/CONS del 26 novembre 2009, recante

Regolamento recante la nuova disciplina della fase di avvio delle trasmissioni radiofoniche terrestri in tecnica digitale”;

VISTA la delibera n. 300/10/CONS del 15 giugno 2010, recante “Piano nazionale di assegnazione delle frequenze per il servizio di radiodiffusione televisiva terrestre in tecnica digitale: criteri generali”, come modificato, da ultimo, dalla delibera n. 149/14/CONS;

VISTA la delibera n. 497/10/CONS del 23 settembre 2010, recante “Procedure per l’assegnazione delle frequenze disponibili in band a televisiva per sistemi di radiodiffusione digitale terrestre e misure atte a garantire condizioni di effettiva concorrenza”;

VISTA la delibera n. 606/10/CONS del 25 novembre 2010, recante “Regolamento concernente la prestazione di servizi di media audiovisivi lineari o radiofonici su altri mezzi di comunicazione elettronica ai sensi  dell’art. 21, comma 1-bis, del Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici”;

VISTA la delibera n. 607/10/CONS del 25 novembre 2010, recante “Regolamento in materia di fornitura di servizi di media audiovisivi a richiesta ai sensi dell’art. 22- bis, del Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici”;

VISTA la delibera n. 353/11/CONS del 23 giugno 2011 recante “Nuovo

regolamento relativo alla radiodiffusione televisiva terrestre in tecnica digitale”;

VISTO in particolare l’articolo 23, comma 3 dell’Allegato A alla delibera n. 353/11/CONS, che prevede che “Ai fini della verifica d’ufficio di cui al comma 1 i soggetti autorizzati alla fornitura di programmi televisivi nazionali e locali entro il 30 giugno di ciascun anno comunicano all’Autorità il numero dei programmi autorizzati alla diffusione secondo il modello allegato alla presente delibera”;

CONSIDERATO che, allo stato, le comunicazioni di cui al predetto articolo vengono trasmesse ogni anno, anche in assenza di variazioni della programmazione e in un formato tale da richiedere ulteriori elaborazioni da parte dell’Autorità;

RILEVATA l’opportunità di realizzare, nel complessivo processo di

acquisizione e trattazione dei dati di cui al predetto articolo, una semplificazione amministrativa che renda più efficiente la comunicazione da parte dei soggetti autorizzati e ottimizzi l’elaborazione dei medesimi dati da parte dell’Autorità;

UDITA la relazione del Commissario Antonio Martusciello, relatore ai sensi dell’art. 31 del Regolamento concernente l’organizzazione e il funzionamento dell’Autorità;

DELIBERA

Articolo 1

1. Il comma 3 dell’articolo 23 dell’allegato A alla delibera n. 353/11/CONS è sostituito dal seguente:

“Ai fini della verifica d’ufficio di cui al comma 1, i soggetti autorizzati alla fornitura di programmi televisivi nazionali e locali comunicano all’Autorità, in prima applicazione entro il 30 giugno 2014, e successivamente entro trenta giorni dall’avvenuta variazione, eventuali variazioni relative al numero dei programmi autorizzati e al bacino di diffusione compilando i relativi modelli informatici disponibili sul sito dell’Autorità alla sezione Registro operatori delle comunicazioni (ROC)”.

La presente delibera è pubblicata sul sito web dell’Autorità.

Roma, 28 maggio 2014

IL PRESIDENTE

Angelo Marcello Cardani

IL COMMISSARIO RELATORE

Antonio Martusciello

Per attestazione di conformità a quanto deliberato

IL SEGRETARIO GENERALE

Francesco Sclafani