Deliberazione dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni 30 maggio 2001 “Adeguamento dei contributi per le autorizzazioni generali e le licenze individuali concernenti l’offerta al pubblico di servizi di telecomunicazioni”. (Deliberazione n. 235/01/CONS).

image_pdfimage_print

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

DELIBERAZIONE 30 maggio 2001

“Adeguamento dei contributi per le autorizzazioni generali e le licenze individuali concernenti l’offerta al pubblico di servizi di telecomunicazioni” (Deliberazione n. 235/01/CONS).

(Pubblicata in Gazzetta ufficiale n. 142 del 21 giugno 2001 )

 

L’AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

 

Nella seduta del consiglio del 30 maggio 2001;

Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249, istitutiva dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 19 settembre 1997, n. 318 “Regolamento per l’attuazione delle direttive comunitarie nel settore delle telecomunicazioni”;

Visto il decreto ministeriale 25 novembre 1997 “Disposizioni per il rilascio delle licenze individuali nel settore delle telecomunicazioni”, cosi come modificato dalla delibera dell’Autorita’ n. 217 del 22 settembre 1999, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 ottobre 1999;

Vista la delibera n. 467/00/CONS del 19 luglio 2000, recante “Disposizioni in materia di autorizzazioni generali”;

Visto il decreto ministeriale 5 febbraio 1998 “Determinazione dei contributi per le autorizzazioni generali e le licenze individuali concernenti l’offerta al pubblico di servizi di telecomunicazioni”;

Vista la legge 23 dicembre 1998, n. 448 ed, in particolare l’art. 20, comma 1, secondo il quale “per gli anni 1999 e 2000, tutti i corrispettivi a qualsiasi titolo dovuti in misura fissa dalle imprese per l’esercizio di servizi pubblici, ovvero di servizi a rete in base a concessione, autorizzazione o licenza o altro atto di consenso da parte dello Stato, con esclusione di quelli di cui al comma 2, continuano ad essere corrisposti nella misura prevista per il 1998, aumentata di una percentuale pari al tasso programmato di inflazione per gli anni medesimi”;

Vista la legge 23 dicembre 2000, n. 388, recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato” (legge finanziaria 2001);

Considerato che il tasso di inflazione programmato, stabilito nel documento di programmazione economico-finanziaria per gli anni 2001-2004, risulta essere per gli anni 2001 e 2002 pari, rispettivamente all’1,7% ed all’1,2%;

Ritenuto necessario dare attuazione all’art. 8 del decreto ministeriale 5 febbraio 1998, sopra citato in base al quale la rivalutazione dei contributi di cui al presente decreto e’ disposta dall’Autorita’ ogni due anni, secondo il tasso programmato d’inflazione;

Udita la relazione del commissario incaricato prof. Silvio Traversa;

Delibera:

Art. 1.

1. La misura dei contributi, a qualsiasi titolo dovuti in misura fissa dalle imprese esercenti servizi di telecomunicazione in applicazione del decreto ministeriale 5 febbraio 1998 e’ modificata per gli anni 2001 e 2002, in base al tasso programmato di inflazione nella misura rispettivamente dell’ 1,7% e dell’ 1,2%.

2. La presente delibera viene inoltrata al Ministero delle comunicazioni per i successivi adempimenti amministrativi.

3. La presente delibera e’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e nel bollettino ufficiale dell’Autorita’.

Napoli, 30 maggio 2001

 

Il presidente: Cheli