D.M. 25 marzo 1998, n. 113 del Ministero delle Comunicazioni recante “Regolamento recante norme per la copertura degli oneri derivanti al Ministero della difesa a seguito di modifiche al piano nazionale di ripartizione delle radiofrequenze”

image_print

 

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

DECRETO 25 marzo 1998, n.113

Regolamento recante norme per la copertura degli oneri derivanti al Ministero della difesa a seguito di modifiche al piano nazionale di ripartizione delle radiofrequenze

(pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 93 del 22 aprile 1998)

 

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

DI CONCERTO CON

IL MINISTRO DELLA DIFESA

E

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Visto l’articolo 2, comma 3, del decreto-legge 1° maggio 1997, n.115, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° luglio 1997, n.189, che prevede l’emanazione di un regolamento al fine di disciplinare la ripartizione fra le imprese autorizzate a gestire i servizi di comunicazioni mobili e personali degli oneri derivanti al Ministero della difesa a seguito delle modifiche al piano nazionale di ripartizione delle radiofrequenze effettuate per le esigenze dei predetti servizi;

Visto l’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n.400;

Udito il parere del Consiglio di Stato n.38/1998, reso nell’adunanza della sezione consultiva per gli atti normativi del 9 marzo 1998;

Vista la comunicazione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri effettuata a norma dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n.400;

Vista la nota PSG 451 del 3 febbraio 1998, con la quale il Ministero delle comunicazioni ai sensi dell’articolo 3, comma 2, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 7 agosto 1997 ha inviato al Comitato dei Ministri, istituito ai sensi del decreto medesimo, il presente schema di regolamento;

ADOTTA

il seguente regolamento:

Art. 1
Definizioni

1. Ai fini del presente regolamento si intendono per:

a) “imprese”, i soggetti autorizzati ad espletare i servizi di comunicazioni mobili e personali, per il cui esercizio sono disposte le modifiche al piano nazionale di ripartizione delle radiofrequenze;

b) “modifiche al piano”, in particolare:

1) le liberazioni di banda che il Ministero della difesa deve effettuare per le esigenze dei servizi mobili e personali ivi comprese quelle di cui al disposto dell’articolo 2, comma 1, lettere b) e c) del decreto-legge 1° maggio 1997, n.115, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° luglio 1997, n.189;

2) le riallocazioni di banda operate con i decreti del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 14 ottobre 1996 e 3 giugno 1997, recanti modificazioni al piano nazionale di ripartizione delle frequenze, pubblicati, rispettivamente, nelle Gazzette Ufficiali della Repubblica italiana del 22 ottobre 1996, n.248, e del 12 giugno 1997, n.135, e le liberazioni già effettuate nella banda 900 MHz in precedenza, per ragioni di urgenza, dal Ministero della difesa per le esigenze dei servizi di comunicazioni mobili e personali;

c) “oneri”, i costi e le spese derivanti al Ministero della difesa, anche in relazione alle attribuzioni esercitate in favore dei corpi di polizia e delle altre strutture competenti per la sicurezza dello Stato, computati come appresso specificato.

1) Rilevano ai fini del presente regolamento: i costi direttamente conseguenti alla necessità di modificare ovvero di sostituire gli impianti e i sistemi impiegati nelle bande di frequenze da liberare con altri idonei allo svolgimento dei servizi svolti nell’ambito della Difesa. Tali costi comprendono le spese di modifica degli impianti e dei sistemi suscettibili di modifiche in modo da poter operare nelle altre bande di frequenze ovvero le spese di acquisizione di nuovi impianti e sistemi destinati a sostituire quelli non modificabili. Nell’ambito dei costi sono incluse le spese necessarie ad assicurare temporaneamente l’espletamento del servizio, nelle more della acquisizione di impianti e sistemi idonei ad operare nelle bande di frequenze ove il servizio viene trasferito. Nell’ambito dei costi sono comprese: le spese per la installazione e la messa in opera degli impianti e sistemi acquisiti; le spese per l’acquisizione del supporto logistico necessario agli impianti e sistemi modificati o acquisiti; le spese di dismissione degli impianti, sistemi e materiali non più impiegabili e delle relative parti ricambio; le spese amministrative connesse alla attività di cui sopra. Rilevano altresì le spese conseguenti alla diminuita disponibilità di spettro che vengono determinati ai sensi dell’articolo 2.

2) Nella valutazione dei costi per la sostituzione di impianti e sistemi non modificabili, va operata una riduzione pari ai fondi eventualmente già allocati dalla Difesa per la sostituzione o la manutenzione dei predetti sistemi ed impianti.

3) Ai fini di quanto disposto al punto 1), per “supporto logistico” si intende l’insieme dei materiali e delle attività necessari al mantenimento in servizio per tre anni dei sistemi di comunicazione, costituito dalle parti di ricambio, della documentazione tecnica e dei corsi per il personale addetto all’impiego ed alla manutenzione. Si intende per “spese amministrative”, l’insieme delle spese connesse all’acquisizione di beni e servizi, relative all’elaborazione dei capitolati tecnici di fornitura, agli studi eventualmente necessari ed alla formalizzazione dell’intero iter tecnico-amministrativo, compresa la gestione contrattuale, l’effettuazione dei collaudi e la liquidazione;

d) “quota annuale di partecipazione agli oneri”: la quota annuale che grava su ciascuna delle imprese in relazione a ciascun sistema tecnico utilizzato per l’espletamento del servizio di comunicazioni mobili e personali per le quali è autorizzata, secondo la procedura di cui all’articolo 2;

e) “quota provvisoria di partecipazione agli oneri”: la quota annuale di partecipazione agli oneri derivanti dalla applicazione del criterio relativo alla ampiezza della banda di frequenza assegnata, che è utilizzata per l’espletamento delle procedure di cui all’articolo 2. Le assegnazioni effettuate in corso d’anno si considerano comunque decorrenti, ai fini della presente lettera, dal 1° gennaio per le assegnazioni effettuate entro il 30 giugno, e dal 1° luglio per quelle effettuate entro il 31 dicembre;

f) “quota definitiva di partecipazione agli oneri”: la quota di partecipazione relativa alla situazione esistente al 31 dicembre di ciascun anno. Ai fini della determinazione della quota definitiva di partecipazione agli oneri, le assegnazioni di bande di frequenze effettuate in corso di anno si considerano come decorrenti comunque dall’inizio del mese in cui sono state disposte.

Art. 2
Procedimento

1. Ai fini della determinazione della quota annuale di partecipazione agli oneri di ciascun impresa vengono innanzitutto individuati gli oneri derivanti alla Difesa dalle modifiche al piano, tenendoli distinti in relazione ai diversi sistemi di comunicazioni per il cui espletamento sono disposte le modifiche al piano e le conseguenti liberazioni delle bande di frequenze. Gli oneri riferiti a ciascun anno vengono quindi ripartiti tra le imprese.

2. Per le liberazioni delle bande di frequenze utilizzate per l’espletamento del servizio radiomobile in tecnica DCS 1800, gli oneri sono ripartiti, per metà, proporzionalmente all’ampiezza delle bande di frequenze assegnate all’imprese e, ove, la assegnazione riguardi solo una parte del territorio nazionale, con riduzione in funzione della popolazione coperta; per l’altra metà, in funzione del fatturato complessivo derivante dalla offerta al pubblico dei servizi di comunicazione in tecnica numerica (GSM 900 e DCS 1800) rispetto al corrispondente mercato di riferimento, costituendo il sistema DCS 1800 una evoluzione tecnologica del sistema GSM 900.

3. Per le liberazioni delle bande di frequenze utilizzate per l’espletamento del servizio radiomobile con sistema GSM 900 gli oneri sono ripartiti con il medesimo criterio sopra indicato per il sistema DCS 1800.

4. In ogni caso, al fine di rendere equa la ripartizione degli oneri, per le imprese beneficiarie delle assegnazioni che non offrono il servizio al pubblico l’ampiezza di banda assegnata viene convenzionalmente valutata doppia in quanto dette imprese non partecipano alla ripartizione degli oneri in funzione del fatturato.

5. Il Ministero delle comunicazioni trasmette ai Ministeri del tesoro, del bilancio e della programmazione economica e della difesa le modifiche al piano nazionale di ripartizione delle radiofrequenze effettuate per le esigenze dei servizi di comunicazioni mobili e personali, i dati relativi alle assegnazioni delle bande di frequenze, al fatturato delle imprese nonché quello del mercato di riferimento.

6. Il Ministero della difesa determina il complesso degli oneri derivantigli per ciascuna gamma di frequenze e la loro suddivisione in esercizi finanziari in quote per quanto possibili costanti nel caso che la liberazione avvenga su un arco pluriennale. Nel caso di diminuita disponibilità di spettro, la spesa è pari al maggior costo derivante dallo svolgimento dei servizi di telecomunicazione con altri mezzi ovvero su altre gamme di frequenze relativamente agli impianti o sistemi già di pianificata realizzazione e a quelli di cui è realisticamente ipotizzabile lo sviluppo e la realizzazione nell’arco di anni quindici.

Alla scadenza di tale arco temporale, qualora perdurasse l’impossibilità di compensare con assegnazione di banda le residue necessità di spettro direttamente collegate alle liberazioni effettuate, il Ministero della difesa rideterminerà la suddetta spesa sulla base di medesimi criteri e relativamente ad un ulteriore arco di anni quindici.

7. Il Ministero della difesa comunica gli oneri, come sopra individuati e suddivisi in esercizi finanziari, al Ministero delle comunicazioni che determina le quote annuali, provvisorie e definitive, di ciascuna impresa.

8. Il Ministero della difesa individua, in alternativa anche parziale, i materiali ed i servizi sostitutivi che le imprese possono fornire per il raggiungimento nel settore delle telecomunicazioni delle finalità istituzionali della Difesa precisando gli importi corrispondenti a ciascuna fornitura. Per la aggiudicazione il Ministero della difesa svolge, sulla base degli appositi disciplinari di fornitura, una negoziazione ristretta alle predette imprese. Nessuna impresa può aggiudicarsi forniture eccedenti la propria quota provvisoria di partecipazione commisurata all’importo relativo all’insieme dei materiali e dei servizi sostitutivi individuati. Gli importi indicati in corrispondenza di ciascuna fornitura aggiudicata vengono detratti dal complesso degli oneri determinati. Gli eventuali oneri residui, relativi alle forniture non aggiudicate con la predetta negoziazione, vengono computati insieme a quelli per i quali non siano stati individuati i materiali ed i servizi sostitutivi al fine di ripartirli tra le imprese secondo la rispettiva quota definitiva di partecipazione agli oneri, secondo il disposto del comma 9.

9. Il Ministero delle comunicazioni ripartisce gli oneri tra le imprese sulla base della quota definitiva di partecipazione alle spese di ciascuna impresa e stabilisce gli eventuali conguagli tra le imprese per l’anno. Le imprese versano la somma di rispettiva competenza nell’ambito dell’unità previsionale di base 6.2.2. “prelevamenti da conti di tesoreria; restituzioni, rimborsi, recuperi e concorsi vari” (capitolo 3458) dello stato di previsione dell’entrata del bilancio dello Stato. Le somme pagate vengono riassegnate ai pertinenti capitoli dello stato di previsione della spesa del Ministero della difesa, con destinazione vincolata. Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

Art. 3
Liberazione in via di urgenza di bande di frequenze

1. A decorrere dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 3 giugno 1997, citato all’articolo 1, comma 1, lettera b), punto 2, in caso di urgenza di liberazione di bande di frequenze da parte del Ministero della difesa anticipata rispetto ai tempi necessari per l’attuazione del procedimento di cui all’articolo 2, le imprese interessate, singolarmente ovvero congiuntamente, possono intervenire direttamente con impegno economico o con intervento tecnico, anche provvisorio, nelle more della determinazione del complesso degli oneri e della loro ripartizione. La congruità delle spese così anticipate viene accertata da parte del Ministero della difesa, ai fini del loro scomputo al momento della ripartizione degli oneri, sulla base degli acquisti o degli approvvigionamenti analoghi effettuati dal Ministero stesso. La procedura di cui al presente articolo ha corso solo dopo che le imprese che intendono attivarla accettino preventivamente di adeguarsi a quanto disposto dal presente regolamento.

Art. 4
Disposizioni transitorie e finali

1. Nella prima applicazione del presente regolamento, vengono svolti due procedimenti: il primo, per tener conto degli oneri derivanti dall’applicazione del decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 14 ottobre 1996, citato all’articolo 1, comma 1, lettera b), punto 2), e dalle liberazioni di banda effettuate in precedenza, per ragioni d’urgenza, di cui al medesimo articolo 1; il secondo, per tener conto degli oneri derivanti dall’applicazione del decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 3 giugno 1997, citato nello stesso articolo 1. Ai fini della determinazione degli oneri e delle conseguenti loro imputazioni si tiene conto degli impegni economici sostenuti e degli interventi tecnici eventualmente già effettuati dalla impresa interessata.

2. Qualora il piano nazionale di ripartizione delle frequenze disponga una attribuzione, limitata negli anni, di bande di frequenza ad un servizio, l’onere è posto interamente a carico delle imprese che ne beneficiano. Le imprese assegnatarie di porzioni della banda di frequenze individuata dall’articolo 4, comma 1, nota 58/A del decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 3 giugno 1997 hanno titolo a rivalersi sulle altre imprese successivamente assegnatarie della stessa banda per la somma che risulta dalla differenza tra l’onere posto interamente a loro carico ed il prodotto derivante dalla quota pari ad un quindicesimo di tale onere moltiplicata per il numero di anni durante i quali hanno utilizzato le bande di frequenze.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Roma, 25 marzo 1998

Il Ministro delle comunicazioni
MACCANICO

Il Ministro della difesa
ANDREATTA

Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica
CIAMPI

Visto, il Guardasigilli: FLICK

Registrato alla Corte dei conti il 7 aprile 1998

Registro n.3 Comunicazioni, foglio n.1