D.M. del Ministro del Tesoro 14 luglio 1994, n. 647 recante “Regolamento concernente l’articolazione in divisioni della Ragioneria Centrale presso il Ministero delle Poste e delle Telecomunicazioni”

image_pdfimage_print
MINISTERO DEL TESORO


DECRETO 14 luglio 1994, n.647

Regolamento concernente l’articolazione in divisioni della ragioneria centrale presso il Ministero delle poste e delle telecomunicazioni

(pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 276 del 25 novembre 1994)

 

IL MINISTRO DEL TESORO

D’INTESA CON

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1972, n.748, e successive modificazioni;

Visto il decreto del Ministro del tesoro 31 gennaio 1973, e successive modificazioni ed integrazioni, con le quali è stato provveduto alla strutturazione degli uffici in cui si compone la Ragioneria generale dello Stato;

Vista la legge 7 agosto 1985, n.427, e successive modificazioni;

Vista la legge 23 agosto 1988, n.400, e in particolare l’art.17;

Vista la circolare diramata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 11 febbraio 1989, n.1.1.4./31890/4, con la quale, tra l’altro, sono state fornite direttive in ordine all’adozione dei regolamenti ministeriali e interministeriali, da emanare ai sensi del citato art.17 della legge 23 agosto 1988, n.400;

Visto il decreto legislativo 3 febbraio 1993, n.29, ed in particolare l’art.6, nel testo introdotto dall’art.4 del successivo decreto legislativo 23 dicembre 1993, n.546;

Visto il decreto-legge 1° dicembre 1993, n.487, ed in particolare l’art.13, nonché la tabella B allegata al predetto provvedimento legislativo, con cui, rispettivamente, è stata istituita la ragioneria centrale presso il Ministero delle poste e delle telecomunicazioni e sono stati stabiliti i contingenti di personale dirigenziale e quelli delle qualifiche funzionali della dotazione organica della citata ragioneria centrale;

Vista la legge 29 gennaio 1994, n.71, di conversione in legge del richiamato decreto-legge 1° dicembre 1993, n.487;

Considerato che il contingente di personale dirigenziale assegnato alla precitata ragioneria centrale è stato predeterminato in quattro unità di cui uno con funzioni di direttore;

Ravvisata la necessità di procedere all’articolazione in divisioni della suddetta ragioneria centrale ed alla determinazione delle materie di relativa competenza;

Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nella adunanza generale del 24 marzo 1994, n.1431/93, che ha suggerito di strutturare l’ufficio in parola in due divisioni, considerato l’esiguo numero di dipendenti previsto in organico e che gran parte dell’attività relativa al personale è destinata ad esaurirsi, essendo collegata a norme di natura transitoria;

Considerato, invece, che l’articolazione in tre divisioni della ragioneria centrale presso il Ministero delle poste e delle telecomunicazioni appare più aderente alle disposizioni di legge sopra richiamate e che l’attività concernente i controlli sugli atti e provvedimenti riguardanti il personale del predetto Ministero dovrà procedere in concomitanza alle modifiche apportate allo stato giuridico e al trattamento economico del predetto personale, conseguenti all’evoluzione della normativa;

Vista la comunicazione del Presidente del Consiglio dei Ministri, a norma dell’art.17, comma 3, della citata legge 23 agosto 1988, n.400, effettuata in data 7 novembre 1994;

Sulla proposta del Ragioniere generale dello Stato;

ADOTTA

Il seguente regolamento:

Articolo unico

1. La ragioneria centrale presso il Ministero delle poste e delle telecomunicazioni è articolata in tre divisioni.

2. La prima divisione ha competenza in materia di affari generali e personale, coordinamento amministrativo, bilancio, entrate, patrimonio, verifiche consegnatario e cassiere, centro trasmissione dati.

3. La seconda divisione ha competenza in materia di stato giuridico e trattamento economico del personale in servizio ed in quiescenza, rilevazioni statistiche sul personale.

4. La terza divisione ha competenza in materia di spese di funzionamento, spese istituzionali del Ministero delle poste e delle telecomunicazioni, concessioni e contratti.

Il presente regolamento sarà sottoposto agli organi di controllo e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e nel Bollettino ufficiale M.T.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Roma, 14 luglio 1994

Il Ministro del tesoro
DINI

p. Il Presidente del Consiglio dei Ministri
URBANI

Visto, il Guardasigilli: BIONDI

Registrato alla Corte dei conti l’11 ottobre 1994
Registro n.3 Tesoro, foglio n.320