Domani, venerdì 21 settembre, la prima riunione del tavolo di dialogo tra AERANTI-CORALLO e Rai Way per la definizione di un progetto comune per la transizione alla radiofonia digitale terrestre

image_print

Cs  30/2007 del 20 settembre 2007

logo2_Aeranti-Corallo

DOMANI, VENERDI’ 21 SETTEMBRE, LA PRIMA RIUNIONE DEL TAVOLO DI DIALOGO TRA AERANTI-CORALLO E RAI WAY PER LA DEFINIZIONE DI UN PROGETTO COMUNE PER LA TRANSIZIONE ALLA RADIOFONIA DIGITALE TERRESTRE

Si svolgerà domani, 21 settembre a Roma, la prima riunione del tavolo di dialogo tra AERANTI-CORALLO e RAI WAY previsto dall’accordo di cooperazione del 30 luglio u.s. per la definizione di un progetto comune per la transizione alla radiofonia digitale terrestre. In tale sede verranno illustrate le modalità della sperimentazione DMB visual radio/ Dab plus che verrà realizzata nelle regioni Veneto e Emilia Romagna, rispettivamente da Venezia, Campalto e da Bologna, Colle Barbiano. Verranno inoltre definiti  i test che le imprese radiofoniche locali interessate effettueranno relativamente alla tecnologia FmExtra.

Commentando l’avvio del tavolo di dialogo tra AERANTI-CORALLO e RAI WAY, l’avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO, ha affermato: “La sperimentazione che alcune decine di imprese radiofoniche locali nostre associate inizieranno a breve nelle aree di Bologna e di Venezia, assieme a Rai Way, è finalizzata a verificare la possibilità di superare le problematiche che non hanno consentito l’adozione del DAB-T in Italia, sistema che non permette una transizione al digitale come naturale evoluzione dell’analogico e nel rispetto dei principi del pluralismo”. Rossignoli ha quindi evidenziato che il positivo avvio del tavolo di dialogo consentirà tra l’altro, così come stabilito in occasione della firma dell’accordo tra Aeranti-Corallo e Rai Way, di definire  un progetto comune basato su una serie di principi e obiettivi, tra i quali un quadro regolamentare che permetta a tutti  gli attuali operatori radiofonici analogici interessati, di transitare al digitale, a parità di condizioni, in termini di frequenze utilizzabili  e di capacità trasmissiva spettante pro-capite; un approfondimento e sperimentazione  dello standard DMB, e sua comparazione con la tecnologia FM – eXtra; l’adozione di modelli operativi i cui investimenti siano compatibili con le dimensioni imprenditoriali dell’emittenza radiofonica locale.”

 

ufficiostampa@aeranticorallo.it


340 5735020 KRUGER AGOSTINELLI

 

348 4454981 FABIO CARERA

 

AERANTI-CORALLO
C.P. 360 – 60100 ANCONA