Liberazione banda 700: aggiornata la roadmap

image_print

(3 agosto 2021)   Il Ministro dello Sviluppo economico, con decreto in data 30 luglio 2021 (in corso di registrazione alla Corte dei Conti), ha approvato la modifica del decreto 19 giugno 2019 (c.d. “roadmap”) e ha aggiornato il calendario della transizione al digitale televisivo terrestre di seconda generazione.

Il nuovo decreto 30 luglio 2021 prevede:

– la modifica delle quattro aree geografiche per il rilascio delle frequenze, suddividendo l’Area 1 in Area 1A (Sardegna) e Area 1B (Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania).

– la definizione di un nuovo calendario di transizione per le quattro Aree geografiche, dal 15 novembre 2021 al 30 giugno 2022, sostanzialmente omogeneo da un punto di vista temporale tra i vari soggetti coinvolti – operatori di rete nazionali, operatori di rete in ambito locale e concessionario del servizio pubblico;

– l’introduzione della facoltà, per tutti gli operatori di rete in ambito locale, in tutte le quattro Aree geografiche, di effettuare il rilascio della frequenza oggetto del relativo diritto d’uso in anticipo rispetto alle nuove scadenze;

– la previsione dell’avvio della dismissione della codifica DVBT/MPEG-2, in favore almeno della codifica MPEG-4 su standard DVBT, dal 15 ottobre 2021, coinvolgendo in detta data un numero rappresentativo di programmi e con il supporto di una adeguata campagna di comunicazione, definendo la completa dismissione della codifica DVBT/MPEG-2 con un successivo provvedimento da emanare entro la fine del 2021, e l’individuazione, al termine delle operazioni di transizione, a partire dal 1 gennaio 2023, dell’attivazione dello standard DVBT-2, con possibilità per gli operatori di rete interessati di attivare i nuovi standard e codifiche anche prima della suddetta scadenza.

La nuova tabella relativa alle Aree geografiche (sostitutiva della Tabella 1 del DM 19 giugno 2019) è la seguente

Inoltre, la nuova tabella, contenente il nuovo calendario per il rilascio delle frequenze nelle quattro distinte Aree geografiche è la seguente:

Nell’ambito della consultazione pubblica realizzata dal Ministero prima della emanazione del decreto in oggetto, Aeranti-Corallo ha espresso un giudizio negativo sul provvedimento in quanto le tempistiche previste per il differimento della transizione (necessario a causa dei ritardi verificatisi) non appaiono compatibili con i tempi necessari per il completamento delle procedure di selezione dei FSMA e di attribuzione delle numerazioni LCN, con la conseguenza che potrebbe rendersi necessario un ulteriore differimento.

A parere di Aeranti-Corallo sarebbe stato opportuno differire la transizione in tutte le 19 aree tecniche previste dal PNAF (cioè in tutta Italia) al 1° aprile 2022, per essere completata a giugno 2022, con un passaggio contestuale in tali date al DVBT2/HEVC di tutti gli operatori nazionali e locali (e senza passaggi intermedi all’MPEG4).

Il testo del decreto ministeriale 30 luglio 2021 di modifica della roadmap è disponibile a questo link.

A questo link, inoltre, è disponibile il testo coordinato del DM 19 giugno 2019, come modificato dal nuovo DM 30 luglio 2021. (LB)

 

 

Vedi anche

Nuova roadmap per la transizione al digitale televisivo terrestre di seconda generazione: la posizione di Aeranti-Corallo

Forte preoccupazione del settore televisivo locale per la possibile imminente pubblicazione dei bandi Fsma

Riassetto tv: necessario switch off unico al 2022 per tv nazionali e locali in Dvbt-2/Hevc

Passaggio al Dvbt-2/HEVC per le tv locali: interrogazione parlamentare al Ministro dello Sviluppo economico

Occorre un passaggio diretto al Dvbt-2 Hevc, simultaneamente per tv locali e nazionali, tra aprile e giugno 2022

Aeranti-Corallo ritiene che occorra una ridefinizione delle tempistiche previste dalla roadmap per il passaggio al Dvbt-2 da parte delle tv locali

Tv locali. Ragionevole prevedere il passaggio al Dvbt-2 HEVC sull’intero territorio nazionale a giugno 2022

Tempi strettissimi per il rispetto della road map della transizione al digitale televisivo di seconda generazione. Occorre garantire un passaggio non penalizzante per le tv locali

Bandi operatori di rete tv locali, nuove risposte alle FAQ da parte del Ministero

Bandi operatori di rete tv locali, la Dgscerp prosegue nella pubblicazione delle FAQ

Ulteriori risposte della Dgscerp a richieste di chiarimenti per i bandi operatori di rete tv locali

La Dgscerp del MiSe ha pubblicato le prime risposte ad alcune delle richieste di chiarimenti per i bandi operatori di rete tv locali

La Dgscerp del MiSe ha revocato i tre bandi per i nuovi diritti d’uso di frequenze tv a operatori di rete locali nella sub area tecnica 4-b (prov. di Bolzano). Successivamente, ha emanato un nuovo bando per una sola frequenza