LIGURIA Legge regionale Liguria 20 dicembre 1999, n°41 “Integrazione della Legge regionale 21 giugno 1999, n°18 (Adeguamento delle discipline e conferimento delle funzioni agli enti locali in materia di ambiente, difesa del suolo ed energia). Inserimento del Capo VI bis – Tutela dell’inquinamento elettromagnetico”

image_pdfimage_print

LEGGE REGIONALE LIGURIA 20 DICEMBRE 1999 N.41

“Integrazione della legge regionale 21 giugno 1999 n. 18 (Adeguamento delle discipline e conferimento delle funzioni agli Enti locali in materia di ambiente, difesa del suolo ed energia). Inserimento del capo VI bis – tutela dall’inquinamento elettromagnetico”

(pubblicata sul Bollettino Ufficiale Regionale n.1 della Liguria in data 12/01/2000)

 

Il Consiglio regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

promulga

la seguente legge regionale:

Articolo 1
(Integrazione della legge regionale 21 giugno 1999 n. 18)

1. Dopo il Capo VI della legge regionale 21 giugno 1999 n. 18 (adeguamento delle discipline e conferimento delle funzioni agli Enti locali in materia di ambiente, difesa del suolo ed energia) è aggiunto il seguente:

CAPO VI BIS
TUTELA DALL’INQUINAMENTO
ELETTROMAGNETICO

Articolo 71 bis

(Finalità e campo di applicazione)

1. In attesa di un organico inquadramento di fonte statale delle problematiche legate ai fenomeni di inquinamento elettromagnetico, il presente Capo detta norme volte ad assicurare la tutela dell’ambiente dal predetto inquinamento e che l’esposizione a lungo termine della popolazione non ecceda i limiti fissati da disposizioni nazionali o regionali.
2. Sono soggetti alla presente disciplina gli impianti, i sistemi e le apparecchiature, quali stazioni radiobase per telefonia mobile, radar, impianti per emittenza radiotelevisiva, che possono comportare l’esposizione della popolazione a campi elettromagnetici causati da sistemi di trasmissione operanti con frequenze comprese tra 100 KHZ e 300 GHZ, nonché gli elettrodotti intesi quali l’insieme delle linee elettriche, delle sottostazioni e delle cabine di trasformazione.
3. Ai sensi del comma 2 si definisce impianto il singolo trasmettitore di onde elettromagnetiche con i relativi accessori e sistemi di antenna.
4. Le disposizioni di cui al presente Capo non si applicano:
a) alle apparecchiature di uso domestico e individuale;
b) alla esposizione intenzionale per scopi diagnostici o terapeutici.
5. Gli impianti di telefonia di cui al comma 2 collocati su supporti mobili sono assoggettati alle procedure previste per gli impianti fissi.

Articolo 71 ter
(Competenze della Regione)

1. Sono di competenza della Regione, nel rispetto dei valori e dei limiti fissati dalla normativa statale:
a) l’individuazione delle modalità per il raggiungimento di obiettivi di qualità;
b) la realizzazione di un catasto delle sorgenti fisse degli impianti di cui all’articolo 71 bis;
c) il contenuto della perizia di cui all’articolo 71 septies, della comunicazione di cui all’articolo 71 octies e della documentazione tecnica di cui all’articolo 71 duodecies;
d) l’individuazione di opere relative ad elettrodotti per le quali non è necessario il rilascio dell’autorizzazione, ma la denuncia di inizio attività;
e) la definizione, di intesa con le Province e il gestore, delle specifiche tecniche delle cartografie da presentare a corredo del piano di cui all’articolo 71 duodecies.

Articolo 71 quater
(Competenze della Provincia)

1. Sono di competenza della Provincia:
a) le autorizzazioni inerenti la costruzione e l’esercizio di elettrodotti con tensione non superiore a 150 kV e le relative varianti;
b) il controllo e la vigilanza sulle suddette reti.
2. Qualora gli impianti interessino il territorio di due o più Province, l’autorizzazione è rilasciata dalla Provincia nella quale è previsto il maggiore sviluppo della linea, previa intesa con l’altra o le altre Province.

Articolo 71 quinquies
(Competenze del Comune)

1. Sono di competenza del Comune:
a) i provvedimenti relativi alla installazione o modifica di impianti di teleradiocomunicazioni con frequenza compresa tra 100 KHZ e 300 GHZ;
b) l’adozione del piano di cui all’articolo 71 undecies;
c) il controllo e la vigilanza sui suddetti impianti.

Articolo 71 sexies
(Catasto delle sorgenti fisse di inquinamento elettromagnetico)

1. L’ARPAL, per conto della Regione, realizza e aggiorna il catasto degli impianti di cui all’articolo 71 bis, comma 2 e comma 4, lettera c), sulla base della documentazione pervenuta ai sensi degli articoli 71 septies, 71 octies e 71 duodecies.
2. Ai fini dell’aggiornamento del catasto, i gestori degli impianti di cui all’articolo 71 bis, comma 2, sono tenuti a comunicare, entro trenta giorni, ogni variazione di proprietà dell’impianto, nonché la sua chiusura ovvero messa fuori servizio per periodi superiori all’anno.
3. L’ARPAL provvede alla conseguente informativa agli Enti competenti.

SEZIONE I

IMPIANTI CON FREQUENZA FRA 100 KHZ E 300 GHZ

Articolo 71 septies

(Procedure per l’installazione di impianti di teleradiocomunicazione e obiettivi di qualità)

1. Non possono essere installati impianti di cui alla presente Sezione che siano posti:
a) ad una altezza che non garantisca il rispetto di 6 V/m di campo elettrico in tutti gli edifici e relative pertinenze che prevedono una permanenza di persone non inferiore a quattro ore;
b) ad una altezza inferiore a quattro metri dal suolo.
2. L’installazione o la modifica di impianti per teleradiocomunicazioni sono subordinate alla presentazione da parte dei gestori al Comune competente per territorio e all’ARPAL di una perizia giurata contenente fra l’altro le caratteristiche tecniche dell’impianto, la rilevazione del campo elettromagnetico di fondo già esistente nel sito da effettuare in orari e giornate rappresentative dell’utilizzo degli impianti e una dichiarazione di conformità ai limiti imposti alle emissioni elettromagnetiche dalla normativa vigente.
3. La perizia di cui al comma 2, redatta da un tecnico competente, è presentata al Comune congiuntamente alle domande dei titoli autorizzativi edilizi oppure alla denuncia di inizio attività quando applicabile in dipendenza della tipologia edilizia. Per interventi che non rientrino nei suddetti casi la documentazione è presentata almeno novanta giorni prima dell’inizio delle operazioni di installazione o modifica.
4. L’ARPAL verifica la perizia di cui al comma 2 nel termine di sessanta giorni dal ricevimento. L’impianto viene valutato in relazione alla massima potenzialità di emissione.
5. L’impianto, fatta salva l’acquisizione del provvedimento espresso ai sensi della normativa edilizia se necessario, può essere installato qualora entro il termine di novanta giorni dal ricevimento della perizia di cui al comma 2 il Comune, sulla base delle verifiche dell’ARPAL, non comunichi il divieto.
6. Il richiedente, ad installazione o modifica avvenuta, effettua ed invia entro trenta giorni al Comune e all’ARPAL misure di intensità di campo elettromagnetico. L’ARPAL verifica la congruità dei livelli di esposizione effettivi con quelli dichiarati nella perizia entro i successivi trenta giorni.
7. Le spese per l’istruttoria tecnica e quelle relative ai rilievi, agli accertamenti ed ai controlli connessi alle verifiche di cui al presente articolo ed a quanto disposto dagli articoli 71 octies e decies sono a carico del richiedente.

8. L’importo delle spese di cui al comma 7 è determinato dal Comune, che prevede il versamento da parte del richiedente di quanto dovuto all’ARPAL in base al tariffario regionale, al momento della presentazione della domanda.
9. I gestori di impianti e apparecchiature con potenza massima irradiata dall’antenna non superiore a 7 watt e i radioamatori per il cui impianto ed esercizio sia stata accordata la concessione prevista dal decreto del Presidente della Repubblica 5 agosto 1966, n. 1214 (nuove norme sulle concessioni di impianto e di esercizio di stazioni di radioamatori) sono tenuti a comunicare al Comune e all’ARPAL, almeno trenta giorni prima dell’installazione, i dati relativi all’impianto (frequenza, potenza irradiata dall’antenna e localizzazione).

Articolo 71 octies
(Impianti esistenti)

1. I gestori degli impianti di cui alla presente sezione già in esercizio, entro novanta giorni dalla entrata in vigore della presente legge, inviano al Comune competente per territorio e all’ARPAL perizia giurata contenente fra l’altro le caratteristiche tecniche degli stessi, le misure dei valori di campo elettromagnetico generato dall’impianto, nonché il valore di campo elettromagnetico totale.
2. Sulla documentazione di cui al comma 1 l’ARPAL effettua le stesse verifiche previste per l’installazione di nuovi impianti.
3. I soggetti di cui al comma 9 dell’articolo 71 septies sono tenuti a comunicare al Comune e all’ARPAL entro novanta giorni dall’entrata in vigore della presente legge, i dati relativi all’impianto (frequenza, potenza irradiata dall’antenna, localizzazione).
4. Qualora siano superati i limiti, il Comune applica le procedure di cui all’articolo 71 decies.

Articolo 71 novies
(Controlli)

1. I Comuni esercitano le attività di controllo previste dalla presente legge tramite l’ARPAL nell’ambito della convenzione stipulata ai sensi della legge regionale 27 aprile 1995 n. 39 (istituzione dell’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente ligure) che deve prevedere, per gli impianti di cui al comma 1 dell’articolo 71 octies, una periodicità almeno annuale e, per gli impianti di cui al comma 3 del predetto articolo, controlli a campione.
2. Le spese relative ai controlli effettuati dall’ARPAL calcolati sulla base del tariffario regionale sono posti a carico dei gestori in ragione di un controllo annuale.
3. Nell’ambito della convenzione prevista dalla l.r. 39/1995 i Comuni possono richiedere all’ARPAL a titolo oneroso misurazioni o valutazioni specifiche ulteriori rispetto alla periodicità minima di cui al comma 1. In caso di accertato superamento dei limiti tutte le spese per le misurazioni effettuate dall’ARPAL sono a carico del gestore o dei gestori in solido tra loro qualora il supero sia addebitabile a più soggetti.

Articolo 71 decies
(Piani di risanamento)

1. In caso di superamento dei valori limite previsti dalla normativa vigente, il Sindaco intima ai gestori di riportare, entro trenta giorni dalla notifica del provvedimento, i valori di campo entro i limiti di legge mediante la riduzione a conformità degli impianti in accordo a quanto riportato nell’allegato C al decreto del Ministro dell’ambiente 10 settembre 1998 n. 381.
2. Nel caso in cui i gestori non abbiano provveduto ad adempiere ai provvedimenti indicati, il Sindaco dispone la sospensione dell’esercizio degli impianti che non abbiano provveduto alla riduzione indicata nel proprio provvedimento.
3. La riattivazione degli impianti è consentita solo a seguito della realizzazione del programma di riduzione a conformità.

Articolo 71 undecies
(Piano comunale di adeguamento e organizzazione degli impianti)

1. I Comuni, acquisiti i programmi di sviluppo reti dei gestori, predispongono, entro un anno dall’entrata in vigore della presente legge, al fine di minimizzare il rischio di esposizione della popolazione e di conseguire il rispetto degli obiettivi di qualità di cui al comma 1 dell’articolo 71 septies, il primo Piano di organizzazione del sistema di teleradiocomunicazioni che integra la pianificazione territoriale, di cui all’articolo 5 della legge regionale 4 settembre 1997 n. 36 (legge urbanistica regionale) applicando le stesse forme di pubblicità e di partecipazione.

SEZIONE II

ELETTRODOTTI

Articolo 71 duodecies
(Procedure di autorizzazione di elettrodotti)

1. Il gestore di elettrodotti presenta alla Provincia il piano pluriennale di sviluppo reti e i suoi successivi aggiornamenti annuali, corredato da apposita cartografia, affinché questa ne valuti la compatibilità con il proprio Piano territoriale di coordinamento e individui in esso corridoi di massima, intesi quali porzioni di territorio che garantiscono il migliore inserimento degli elettrodotti, con l’obiettivo di tutela dell’ambiente, del paesaggio e della minimizzazione della popolazione esposta a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. Non possono essere autorizzati elettrodotti non compatibili.
2. La Provincia mette a disposizione una copia del piano di cui al comma 1, fornita dal gestore, affinché chiunque possa prenderne visione e presentare eventuali osservazioni entro il termine di trenta giorni dal deposito del piano stesso; deposito del quale è data notizia sui quotidiani a diffusione regionale.
3. La Provincia autorizza la costruzione e l’esercizio degli elettrodotti di cui all’articolo 71 quater secondo le modalità di cui alla legge regionale 28 gennaio 1993 n. 9 (organizzazione regionale della difesa del suolo in applicazione della legge 18 maggio 1989, n. 183).
4. La Provincia integra la documentazione presentata dal gestore con una valutazione tecnica effettuata dall’ARPAL relativa all’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici.
5. Le spese per l’istruttoria tecnica e quelle relative ai rilievi, agli accertamenti ed ai controlli connessi alle verifiche di cui al comma 4 vengono calcolate dalla Provincia in base al tariffario regionale. Il gestore deve fornire dimostrazione di avvenuto pagamento a favore dell’ARPAL dei relativi importi prima della determinazione di competenza provinciale di chiusura del procedimento.
6. Non sono soggette ad autorizzazione:
a) le opere relative a linee ed impianti elettrici per il trasporto, la trasformazione e la distribuzione di energia elettrica con tensione nominale fino a 5000 V;
b) le opere relative a linee ed impianti elettrici per il trasporto, la trasformazione e la distribuzione di energia elettrica con tensione nominale superiore a 5000 V e fino a 15000 V la cui lunghezza non superi i 500 metri;

c) le opere accessorie, le varianti, i rifacimenti degli elettrodotti di tensione nominale fino a 15000 V a condizione che gli interventi stessi non modifichino lo stato dei luoghi;
d) gli interventi di manutenzione ordinaria degli elettrodotti esistenti.
7. Per le opere di cui alle lettere a), b) e c) del comma 6 il gestore è tenuto a dare comunicazione preventiva alla Provincia almeno trenta giorni prima dell’inizio dei lavori, unitamente alle valutazioni tecniche dell’ARPAL in materia di verifica dell’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici.

Articolo 71 terdecies
(Cabine secondarie a media/bassa tensione)

1. In sede di approvazione di strumenti urbanistici comunali che comprendono la previsione di edifici di volumetria superiore a 2000 mc, il Comune acquisisce il parere preventivo del gestore del servizio elettrico in ordine alla necessità di dotazione di nuove cabine secondarie a media/bassa tensione e alle loro modalità di allacciamento alla rete elettrica pubblica, al fine di ottimizzare la distribuzione di energia in funzione del fabbisogno degli edifici stessi.
2. Nei casi di realizzazione di edifici di volumetria superiore a 2000 mc per i quali non si sia provveduto ai sensi del comma 1, provvedono gli interessati all’atto della richiesta di concessione edilizia.
3. Con i provvedimenti di cui ai commi 1 e 2, il Comune, acquisito il parere tecnico dell’ARPAL, individua prescrizioni relative alla migliore ubicazione delle cabine stesse per assicurare una minore esposizione ai campi elettromagnetici della popolazione interessata.

Articolo 71 quaterdecies
(Sanzioni)

1. L’inosservanza delle disposizioni del presente Capo comporta l’applicazione delle seguenti sanzioni amministrative pecuniarie:
a) da lire 5 milioni a lire 20 milioni per:
1) l’installazione, l’attivazione o la modifica di impianti senza il rispetto della procedura di cui all’articolo 71 septies, commi 2, 3 e 6 o a condizioni o modalità difformi da quanto contenuto nelle perizie giurate;
2) la costruzione e l’esercizio di elettrodotti in assenza dell’autorizzazione prescritta dall’articolo 71 duodecies o a condizioni difformi da quelle previste nel titolo autorizzatorio;
b) da lire 1 milione a lire 10 milioni per il compimento di qualsiasi azione finalizzata a non consentire ovvero ad interrompere l’esercizio delle funzioni di controllo;
c) da lire 5 milioni a lire 20 milioni per l’omessa o ritardata trasmissione della documentazione di cui all’articolo 71 octies, comma 1, e all’articolo 114, comma 11 sexies;
d) da lire 500.000 a lire 2 milioni in caso di mancata trasmissione delle comunicazioni di cui agli articoli 71 sexies, comma 2, 71 septies, comma 9 e 71 duodecies, comma 7;
e) da lire 3 milioni a lire 15 milioni in caso di mancato adeguamento al piano comunale di cui all’articolo 114, comma 11 quater, entro i termini dallo stesso previsti.
2. Nei casi di cui al comma 1, lettere a), b) ed e), fermo restando l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie e dell’articolo 18 della legge 8 luglio 1986 n. 349 (istituzione del Ministero dell’ambiente e norme in materia di danno ambientale), i gestori sono tenuti alla immediata rimozione degli impianti.
Qualora questi non provvedano, gli interventi sono realizzati d’ufficio dal Comune che interviene ai sensi dell’articolo 17, comma 9, del d.lgs. 22/1997 con addebito delle relative spese ai gestori.
3. All’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie provvede l’ARPAL secondo le procedure della l.r. 45/1982 intendendosi che l’organo competente all’emissione dell’ordinanza ingiunzione è il Direttore generale dell’ARPAL.

4. I proventi delle sanzioni sono utilizzati dall’ARPAL per le attività previste al presente Capo”.

Articolo 2
(Integrazione dell’articolo 114)

1. Dopo il comma 11 dell’articolo 114 della l.r. 18/1999 sono aggiunti i seguenti:
“11 bis. Ai fini degli articoli 71 septies e 71 novies, sino alla definizione dei provvedimenti regionali di cui all’articolo 71 ter, le perizie giurate devono contenere i dati indicati nell’allegato alla deliberazione della Giunta regionale 2 marzo 1999 n. 217.
11 ter. La Regione fissa i parametri di cui all’articolo 71 ter entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge.
11 quater. Entro nove mesi dall’entrata in vigore della presente legge il Comune, sentiti i gestori, predispone il piano di cui al comma 1 dell’articolo 71 undecies relativamente agli impianti esistenti e fissa i termini entro i quali gli stessi devono essere adeguati.
11 quinquies. In fase di prima applicazione e ai fini delle autorizzazioni, i gestori inviano al Comune, entro due mesi dall’entrata in vigore della presente legge, il programma annuale delle installazioni degli impianti di teleradiocomunicazione sul territorio comunale.
11 sexies. La Regione definisce le specifiche tecniche di cui all’articolo 71 ter entro novanta giorni dall’entrata in vigore della presente legge.
11 septies. Il gestore di elettrodotti, entro centottanta giorni dall’entrata in vigore della presente legge, presenta alla Provincia il primo piano di sviluppo reti di cui all’articolo 71 duodecies e invia alla Provincia e all’ARPAL:
a) l’elenco di tutte le linee elettriche di tensione superiore a 100 kV e di tutte le linee dorsali a media tensione con l’indicazione dei Comuni interessati dal loro tracciato;
b) la cartografia relativa alla localizzazione degli elettrodotti esistenti redatta secondo le specifiche di cui al comma 11 sexies e con i tempi nelle stesse stabiliti”.
La presente legge regionale sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Liguria.

Data a Genova, addì 20 dicembre 1999

MORI