LIGURIA Legge regionale Liguria 27 marzo 2000, n° 29 “Modifiche della legge regionale 21 giugno 1999 n.18 (adeguamento delle discipline e conferimento delle funzioni agli Enti locali in materia di ambiente, difesa del suolo ed energia) e successive modifiche e integrazioni”

image_pdfimage_print

LEGGE REGIONALE LIGURIA 27 MARZO 2000 N.29

“Modifiche della legge regionale 21 giugno 1999 n.18 (adeguamento delle discipline e conferimento delle funzioni agli Enti locali in materia di ambiente, difesa del suolo ed energia) e successive modifiche ed integrazioni”

(pubblicata sul Bollettino Ufficiale Regionale n.8 della Liguria in data 19/04/2000)

 

Il Consiglio regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA
promulga
la seguente legge regionale:

Articolo 1
(Rinumerazione di articoli della legge regionale 21 giugno 1999 n.18)

1. Nelle rubriche e nel testo della legge regionale 21 giugno 1999 n.18 (adeguamento delle discipline e conferimento delle funzioni agli Enti locali in materia di ambiente, difesa del suolo ed energia) e successive modificazioni, le parole “articolo 71 bis”, “71 ter”, “71 quater”, “6971 quinquies”, “71 sexies”, “71 septies”, “71 octies”, “71 novies”, “71 decies”, “71 undecies”, “71 duodecies”, “71 terdecies” e “71 quaterdecies” vengono sostituite dalle parole “articolo 72 bis”, “72 ter”, “72 quater”, “72 quinques”, “72 sexies”, “72 septies”, “72 octies”, “72 novies”, “72 decies”, “72 undecies”, “72 duodecies”, “72 terdecies” e “72 quaterdecies”.

Articolo 2

(Modifica dell’articolo 72 sexies)

1. Il comma 1 dell’articolo 72 sexies della l.r. 18/1999, come rinumerato dall’articolo 1 della presente legge, è sostituito dal seguente:

“1. L’ARPAL, per conto della Regione, realizza e aggiorna il catasto degli impianti di cui all’articolo 72 bis, comma 2, sulla base della documentazione pervenuta ai sensi degli articoli 72 septies, 72 octies, 72 duodecies e dell’articolo 114, comma 11 septies”.

Articolo 3
(Modifica dell’articolo 72 duodecies)

1. Nel comma 1 dell’articolo 72 duodecies della l.r. 18/1999, come modificato dall’articolo 3, comma 1, della legge regionale 24 febbraio 2000 n.11 (modifiche al capo VI bis della legge regionale 21 giugno 1999 n.18 “Adeguamento delle discipline e conferimento delle funzioni agli Enti locali in materia di ambiente, difesa del suolo ed energia” come integrata dalla legge regionale 20 dicembre 1999 n.41) e come rinumerato dall’articolo 1 della presente legge, dopo la parola “giornaliere” sono soppresse le parole “del paesaggio” e le parole “e della minimizzazione della popolazione esposta” sono sostituite dalle parole “per la minimizzazione dell’esposizione della popolazione”.

Articolo 4
(Modifica dell’articolo 104)

1. La lettera c) dell’articolo 104 della l.r. 18/1999 è sostituita dalla seguente:

“c) la promozione di iniziative, studi e ricerche, l’approvazione dei progetti e la concessione di contributi nel campo delle energie alternative e del risparmio energetico in raccordo con quanto contenuto nel Quadro di riferimento e nel Piano degli interventi del Programma regionale di sviluppo, ai sensi della legge regionale 5 aprile 1994 n.18 (norme sulle procedure di programmazione). Tali interventi possono essere attivati, con le modalità e le priorità necessarie al raggiungimento degli obiettivi del presente capo, anche ad iniziativa della Regione”.

Articolo 5
(Inserimento degli articoli 104 bis e 104 ter)

1. Dopo l’articolo 104 della l.r. 18/1999 sono inseriti i seguenti:
“Articolo 104 bis
(Tipologia degli interventi)
1. Le iniziative di cui alla lettera c) dell’articolo 104 devono consentire di raggiungere livelli di protezione dell’ambiente superiori a quelli previsti dalle vigenti norme e sono dirette a:
a) incentivare la produzione e l’uso razionale di energia prodotta da fonti rinnovabili e assimilate così come definite dall’articolo 1, comma 3 della l.r. 10/1991 e diffondere le conoscenze acquisite;
b) promuovere attività svolte al contenimento e risparmio energetici.

2. I progetti inerenti le iniziative di cui al comma 1 devono illustrare, in termini di fattibilità tecnica e finanziaria, la redditività e i benefici derivanti dalla realizzazione delle stesse e garantire la fase gestionale successiva alla realizzazione.

3. Per la promozione, l’istruttoria ed il monitoraggio degli interventi la Regione si avvale dell’”Agenzia regionale per l’energia della Liguria” con oneri a carico dei fondi di cui all’articolo 113, comma 3.

Articolo 104 ter
(Quantificazione dei contributi)

1. I contributi, nel rispetto di quanto stabilito nella comunicazione della Commissione della Comunità Europea (disciplina comunitaria degli aiuti di Stato per la tutela dell’ambiente 94/C/72/03) pubblicata nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee del 10 marzo 1994, qualora concessi a imprese sono erogati fino a concorrenza di un livello massimo del 30 per cento dei costi ammissibili ESL (Equivalente sovvenzione Lordo inteso quale valore nominale, esclusa l’imposta, dei contributi in conto capitale o quale valore attualizzato, esclusa l’imposta, dei contributi in conto interessi, espressi in termini di percentuale dell’investimento).

2. Nel caso d’investimenti realizzati da piccole e medie imprese, così come definite nella raccomandazione della Commissione Europea n.96/280 del 3 aprile 1996 pubblicata in GUCE n.L107 del 30 aprile 1996, è calcolata una maggiorazione dell’aiuto di dieci punti ESL percentuali rispetto ai massimali ammessi per le grandi imprese”

Articolo 6
(Modifica all’articolo 109)

Il primo periodo del comma 1 dell’articolo   109 della L.R. 18/1999 è sostituito dal seguente:
“1. Alle esigenze di spese relative alle disposizioni del presente titolo si provvede sino ad esaurimento con i fondi di cui al capitolo 8741 “Interventi regionali per l’uso razionale dell’energia, per il risparmio energetico e per lo sviluppo delle fonti alternative di energia”.

2. Il comma 3 dell’articolo 109 della l.r. 18/1999 è sostituito dal seguente:
“3. Sino alla approvazione del piano energetico regionale si applicano, per la concessione dei contributi, i criteri di cui alle deliberazioni della Giunta regionale n.1756 in data 19 giugno 1998 e n.713 in data 2 luglio 1999”.

Articolo 7
(Modifica dell’articolo 113)

1. Al comma 3 dell’articolo 113 della l.r. 18/1999 è aggiunto, in fine, il seguente periodo:
“- utilizzazione del capitolo 650 che assume la seguente denominazione: “Spese per studi e ricerche per l’integrazione e l’aggiornamento del piano energetico regionale e per iniziative connesse”.”.

Articolo 8
(Modifica dell’articolo 114)

1. Il comma 11 ter dell’articolo 114 della l.r. 18/1999 è soppresso.

2. Dopo il comma 11 opties dell’articolo 114 della l.r. 18/1999, come modificato dall’articolo 1 della legge regionale 2 febbraio 2000 n.6 (disposizioni transitorie della legge regionale 21 giugno 199 n.18: “Adeguamento delle discipline e conferimento delle funzioni agli Enti locali in materia di ambiente, difesa del suolo ed energia” come modificata dalla legge regionale 20 dicembre 1999 n.41) è aggiunto il seguente:
“11 novies. La concessione e la liquidazione di contributi richiesti in base alla legge regionale 8 novembre 1996 n.48 (interventi regionali nel campo delle energie alternative e del risparmio energetico) può essere integrata ai sensi dell’articolo 104 ter.”.

Articolo 9
(Modifica dell’articolo 115)

1. Dopo la lettera n) del comma 1 dell’articolo 115 della l.r. 18/1999 è aggiunta la seguente:
“n bis) legge regionale 8 novembre 1996 n.48 (interventi regionali nel campo delle energie alternative e del risparmio energetico).”.

Articolo 10
(Notifica)

1. Nelle more della conclusione della notifica alla Commissione europea in forza dell’articolo 93, paragrafo 3 del trattato CE, l’efficacia della disciplina, per quanto concerne i contributi alle imprese, è limitata alla concessione di contributi nei limiti del regime di aiuto “de minimis” di cui alla comunicazione della Commissione della Comunità Europea pubblicata nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee del 6 marzo 1996.

Articolo 11
(Proroga di termini)

1. Il termine di cui al comma 1 dell’articolo 72 octies della l.r. 18/1999, come rinumerato dall’articolo 1 della presente legge, è prorogato al 30 settembre 2000.

La presente legge regionale sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Liguria.

Data a Genova, addì 27 marzo 2000

Mori