Posizioni dominanti: aer-anti-corallo, parte del procedimento di verifica su rai e mediaset, auspica che vengano assunti provvedimenti adeguati, finalizzati al riequilibrio delle risorse e alla tutela dell’emittenza locale

image_pdfimage_print

cs 45/2000

                                  COMUNICATO STAMPA

                    COORDINAMENTO AER – ANTI – CORALLO                

Posizioni dominanti: Aer-Anti-Corallo, parte del procedimento di verifica su Rai e Mediaset, auspica che vengano assunti provvedimenti adeguati, finalizzati al riequilibrio delle risorse e alla tutela dell’emittenza locale.


Roma, 17 maggio 2000

L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha concluso l’istruttoria per l’accertamento di posizioni dominanti (vietate nel settore televisivo, in base all’art 2, comma 9, della L 249/97), avviata ai sensi dell’art. 4, comma 3, del Regolamento in materia di costituzione e mantenimento di posizioni dominanti nel settore delle comunicazioni.
Nel contesto di tale procedimento, il Coordinamento Aer-Anti-Corallo (la federazione che rappresenta 1.283 imprese radiotelevisive locali su 1.750 attualmente operanti) è intervenuto per sostenere le ragioni delle emittenti radiotelevisive locali.
“Siamo lieti che l’Autorità abbia concluso l’istruttoria- ha dichiarato l’avv. Rossignoli, coordinatore delegato di Aer Anti e Corallo – e auspichiamo che ora segua un intervento concreto e tempestivo atto a porre termine alle posizioni dominanti acquisite da Rai e Mediaset, ripristinando quindi il pluralismo”.
“La ripartizione delle quote di mercato tra le imprese del settore radiotelevisivo è oggi infatti molto squilibrata – ha precisato Rossignoli -. Quattro quinti delle risorse vengono acquisiti da Rai e Mediaset ( 49,3% da Rai compresa Sipra e 36,7% da Mediaset compresa Publitalia). Le 650 imprese televisive locali operanti in Italia acquisiscono complessivamente solo il 5,7% delle risorse. Pertanto i due principali operatori controllano la quasi totalità dell’offerta e delle risorse economiche, mentre le altre imprese televisive in chiaro occupano posizioni marginali sul mercato. Da queste cifre si evince l’importanza di un provvedimento riequilibratore”.

 

Per informazioni: 0348.44.54.981

 

 

                         Il Coordinamento Aer-Anti-Corallo, aderente alla Confcommercio,               
                       rappresenta 1.283 imprese radiofoniche e televisive locali italiane