Rinviati di 15 giorni i lavori del Cnid. secondo AERANTI-CORALLO la riduzione delle frequenze per le tv locali impedisce, di fatto, gli switch off nelle regioni ancora da digitalizzare

image_pdfimage_print

Cs  4/2011 del 1 marzo 2011

logo2_Aeranti-Corallo


RINVIATI DI 15 GIORNI I LAVORI DEL CNID.

SECONDO AERANTI-CORALLO, LA RIDUZIONE DELLE FREQUENZE PER LE TV LOCALI IMPEDISCE, DI FATTO, GLI SWITCH OFF NELLE REGIONI ANCORA DA DIGITALIZZARE

 

■ Con riferimento alla riunione odierna del Cnid, Comitato Nazionale Italia Digitale, convocato dal Ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani per definire il calendario degli switch off nelle Regioni ancora da digitalizzare, l’avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO (l’associazione di categoria cui aderiscono, tra l’altro, 320 imprese televisive locali), componente del Cnid in rappresentanza dell’associazione, ha dichiarato:
“Dopo lunga discussione, la riunione odierna è stata rinviata di quindici giorni senza ancora definire alcun calendario. Nel corso della riunione – ha proseguito Rossignoli – AERANTI-CORALLO ha evidenziato che la riduzione delle frequenze originariamente previste per le tv locali dal piano nazionale di assegnazione, da 27 a 18, non permette in alcun modo di procedere agli switch off nelle aree ancora da digitalizzare.
Infatti – ha aggiunto Rossignoli – con tale esiguo numero di frequenze, non è assolutamente possibile che tutte le tv locali delle aree ancora da digitalizzare ricevano le assegnazioni frequenziali e divengano operatori di rete. In particolare – ha aggiunto Rossignoli – il numero di 18 frequenze è assolutamente insufficiente nelle Regioni Toscana, Puglia, Calabria, Sicilia e Abruzzo e, comunque, sussistono rilevanti difficoltà anche nelle altre regioni in relazione alle esigenze di coordinamento tecnico con le trasmissioni televisive digitali dei paesi esteri confinanti.
A conferma della delicatezza della problematica – ha aggiunto Rossignoli – i rappresentanti di molte Regioni hanno espresso forte preoccupazione per le problematiche delle televisioni locali connesse al processo di transizione.
Auspichiamo ora – ha concluso Rossignoli – che il Ministero dello Sviluppo economico, in vista della prossima riunione del Cnid, individui nuovi percorsi per la transizione nelle Regioni ancora da digitalizzare che non penalizzino il comparto televisivo locale e mantengano inalterato il ruolo dello stesso sul territorio.”

PER INFORMAZIONI:
348 4454981 FABIO CARERA

AERANTI-CORALLO C.P. 360 – 60100 ANCONA