TeleRadiofax Edizione Straordinaria – 6 marzo 2010

image_pdfimage_print

 Scarica il testo in formato PDF

Sommario:

TAGLIO ALLE PROVVIDENZE EDITORIA PER LE RADIO E LE TV LOCALI: VA IN ONDA LA PROTESTA NEI CONFRONTI DEL PARLAMENTO E DEL GOVERNO. PREVISTI 100.000 SPOT RADIOFONICI E TELEVISIVI IN DIECI GIORNI
Martedì 2 marzo, nel corso della conferenza stampa organizzata da AERANTI-CORALLO all’Hotel Nazionale di Roma, sono state presentate le iniziative delle imprese radiofoniche e televisive locali associate per protestare nei confronti del Parlamento e del Governo per la soppressione delle provvidenze editoria per il settore, operata nell’ambito della legge di conversione del decreto legge cosiddetto “Milleproroghe”.Nell’arco di dieci giorni, è prevista la trasmissione, da parte delle imprese radiofoniche e televisive locali associate, di centomila comunicati attraverso i quali le emittenti manifesteranno tale protesta. Nel corso della conferenza sono anche stati presentati sia lo spot video, sia quello audio.
Come noto, la protesta nasce dal fatto che la lettera E, del comma 1 dell’art. 10 sexies del decreto legge 30 dicembre 2009, n. 194, (c.d. “decreto Milleproroghe”) convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio 2010, n. 25, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 39 alla Gazzetta Ufficiale n. 48 del 27 febbraio 2010 ha soppresso le provvidenze editoria per le radio e le tv locali.
Ricordiamo che le citate provvidenze consistevano: nella riduzione tariffaria del 50% dei costi delle utenze telefoniche; nel rimborso del 40% dei costi delle utenze elettriche e dei costi dei collegamenti satellitari; nel rimborso del 60% dei costi dei canoni di abbonamento delle agenzie di informazione radiotelevisiva.
Nel corso della conferenza stampa, il coordinatore AERANTI-CORALLO Marco Rossignoli ha evidenziato che la soppressione delle provvidenze editoria mette a rischio le attività di informazione delle radio e tv locali, già in difficoltà per la crisi economica, con la conseguente perdita di molti posti di lavoro dei giornalisti ivi impiegati e che tale perdita di posti di lavoro si estenderà inevitabilmente anche alle agenzie di informazione radiotelevisiva. Rossignoli ha anche sottolineato come tale soppressione presenti profili di incostituzionalità, avendo efficacia retroattiva (riferendosi ai contributi relativi al 2009) e comportando una disparità di trattamento tra emittenti radiofoniche e televisive locali rispetto ad altri settori (in particolare, le testate di partiti, che mantengono le provvidenze).
Luigi Bardelli, componente dell’esecutivo AERANTI-CORALLO, ha sottolineato l’importanza del-l’emittenza locale nell’informazione sul territorio, specialmente in questo periodo elettorale in cui i candidati intervengono a dibattiti e trasmissioni realizzate dalle emittenti locali. Bardelli ha evidenziato che, senza alcun confronto con gli operatori del settore, è stato deciso di tagliare una risorsa vitale per tutto il comparto.
Alla conferenza stampa è intervenuto anche l’on. Ricky Levi, già sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’editoria e attualmente deputato PD, che ha contestato alla maggioranza e al Governo la responsabilità di aver tagliato le provvidenze editoria alle emittenti locali e ai giornali italiani all’estero. L’on. Daniele Marantelli (deputato PD), pure intervenuto alla conferenza stampa, si è detto preoccupato per l’impoverimento della libertà dei cittadini di essere correttamente informati, diretta conseguenza del taglio alle provvidenze effettuato dal Parlamento.
Sostegno all’iniziativa AERANTI-CORALLO è stato inoltre dato dall’on. Pierferdinando Casini, leader UDC, intervistato a margine dell’incontro, che ha parlato di “errore grande” e ha chiesto un rapido intervento del Governo per porre rimedio alla questione. Anche il sen. Vincenzo Vita (PD) si è schierato contro la soppressione delle provvidenze, stigmatizzando la retroattività della norma.
L’on. Giancarlo Giorgetti (Lega Nord), Presidente della Commissione Bilancio della Camera, ritiene che si tratti di una materia (quella delle provvidenze editoria) dove c’è un interesse trasversale e una sensibilità trasversale e si è detto “sicuro che in tempi molto rapidi si arriverà alla soluzione di questo problema.”
L’on. Roberto Rao, capogruppo dell’UDC in Commissione di vigilanza, ha affermato che, con la soppressione dei contributi a favore delle emittenti locali, vi è il “rischio di portare alla crisi o alla chiusura della maggior parte di queste realtà, alle quali oltretutto viene ingiustamente riservato un trattamento decisamente sfavorevole rispetto a molte testate di partito.”
Il presidente del Comitato provinciale per le comunicazioni di Trento, Enrico Paissan, ha parlato in una nota di “minaccia non soltanto per molti posti di lavoro, ma anche per l´importante attività di informazione locale che l´emittenza radiotelevisiva locale si è conquistata nel giro degli ultimi 35 anni”, mentre l’arcivescovo di Lecce, mons. Cosmo Francesco Ruppi ha avvertito che “i numerosi tagli fatti alla emittenza privata costituiscono un danno non solo alla libertà ma alla stessa occupazione..
In una nota congiunta, i due parlamentari trentini della Lega Nord, Sergio Divina e Maurizio Fugatti hanno espresso preoccupazione per l’emittenza locale e hanno parlato di “errore gravissimo l’aver lasciato fuori le tante tv e radio locali, rischiando la chiusura di tante, troppe voci libere e indipendenti, con una incomparabile perdita sociale e culturale per tante comunità locali.”
Preoccupazione per i tagli alla provvidenze editoria per le emittenti locali è stata manifestata anche dalla FNSI, il sindacato dei giornalisti, che il 3 marzo ha convocato nella propria sede una riunione dei comitati di redazione, cui ha partecipato per AERANTI-CORALLO Fabrizio Berrini e nel corso della quale il segretario generale FNSI, Franco Siddi, ha affermato che “‘Dobbiamo mobilitarci contro una logica da ‘figli e figliastri’ e contro una linea discriminatoria dell’intervento pubblico. Noi pensiamo che ad un provvedimento economico – come il decreto sviluppo – possa essere agganciato il vagone dei contributi a radio, tv, agenzie, giornali italiani all’estero e stampa dei consumatori.”
Ricordiamo che nel sito www.aeranticorallo.it, sezione “Galleria eventi”, è disponibile tutto il materiale audiovisivo dell’incontro del 2 marzo a Roma.
In particolare, è possibile visualizzare lo spot di protesta (tv e radio), leggere la nota diffusa nel corso dell’incontro, accedere alla registrazione video degli interventi.
Nella stessa pagina, sono inoltre stati inseriti i servizi realizzati da molte delle emittenti televisive locali AERANTI-CORALLO che hanno seguito l’iniziativa.

100.000 SPOT DI PROTESTA: ECCO IL TESTO
■ “Le imprese radiofoniche e televisive locali aderenti all’as-sociazione Aeranti-Corallo esprimono forte protesta nei confronti del Parlamento e del Governo per la soppressione delle provvidenze editoria per il settore.

Tali provvidenze hanno contribuito negli anni allo sviluppo del ruolo dell’emittenza locale nell’infor-mazione sul territorio e alla crescita dell’occupazione nel comparto.
Se le provvidenze editoria non verranno immediatamente reintegrate, saranno a rischio l’informazione radiotelevisiva locale e l’occupazione del settore.
Aeranti-Corallo rappresenta oltre 900 imprese radiofoniche e televisive locali.”

10 MARZO: INCONTRO DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA CON LE TV LOCALI
■ La Regione Emilia Romagna ha convocato per il giorno mercoledì 10 marzo (ore 10.00 – 13.00, presso la sede della Regione, Aula Magna, viale Aldo Moro 30 a Bologna) un incontro con le imprese televisive locali operanti nella regione per discutere delle problematiche relative allo switch over e allo switch off.
Nel corso dell’incontro, cui interverrà per AERANTI-CORALLO Fabrizio Berrini, verranno analizzate le questioni relative alle iniziative di comunicazione e alle problematiche di copertura dtt, in particolare per le aree periferiche e montane.

15 MARZO: INCONTRO DEL CORECOM LAZIO SUL FUTURO DELLA TV NELLA REGIONE
■ Il Corecom del Lazio, presieduto da Francesco Soro, organizza il prossimo 15 marzo, con inizio alle ore 10.30 (presso la Casa del Cinema, in Largo Marcello Mastroianni 1, con ingresso da P.le del Brasile, a Roma), un incontro su “Il futuro dell’industria televisiva nel Lazio”.
Dopo il saluto di Bruno Astorre, presidente del Consiglio regionale Lazio e l’in-troduzione di Francesco Soro, seguirà un dibattito al quale interverranno, tra gli altri, Giancarlo Innocenzi Botti e Enzo Savarese (commissari Agcom) e al quale parteciperà, per AERANTI-CORALLO, Marco Rossignoli.
E’ prevista anche la partecipazione di Emma Bonino e Renata Polverini (candidate alla presidenza della Regione Lazio).
Nel corso dell’incontro verrà consegnato il Premio Corecom Qualità Tv Locali.

APPROVATO DECRETO LEGISLATIVO SUI SERVIZI DI MEDIA AUDIOVISIVI

■ Il Consiglio dei Ministri dello scorso 1 marzo ha approvato il decreto legislativo sui servizi media audiovisivi (che dà attuazione alla Direttiva 2007/65/CE). Tale provvedimento è stato adottato dopo il passaggio alle Commissioni parlamentari competenti; le stesse, dopo una serie di audizioni (cui ha partecipato AERANTI-CORALLO, con proprie osservazioni) hanno espresso il prescritto parere.
La norma forse più attesa è quella che dà all’Agcom il potere di emanare il regolamento per l’ordinamento automatico dei canali sulla tv digitale terrestre (c.d. LCN) e al Ministero dello Sviluppo economico la facoltà di assegnare, sulla base di detto regolamento, le numerazioni ai fornitori di contenuti.
Dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del provvedimento, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni potrà quindi emanare il suddetto regolamento, mettendo finalmente ordine a una situazione che sta creando gravi problemi sia agli operatori, sia all’utenza.

RADIOTV FORUM 2010: LE AZIENDE PARTECIPANTI

■ L’evento promosso da AERANTI-CORALLO, giunto ormai alla sua quinta edizione, si terrà, come di consueto, a Roma, presso l’hotel Melià Roma Aurelia Antica, nei giorni di martedì 25 e mercoledì 26 maggio p.v.

Di seguito l’elenco delle aziende del settore che a oggi hanno confermato la propria presenza:3G ELECTRONICS
ABE ELETTRONICA
A&DT
ARET AUDIO VIDEO ENGINEERING
ARIELAB
ASTRA
AXEL TECHNOLOGY
BLT ITALIA
BROADCAST DIGITAL SERVICE
BROADCAST SOLUTIONS
COMSYTEC
CTE DIGITAL BROADCAST
DB BROADCAST
DIEM TECHNOLOGIES
ELENOS
ELETTRONIKA
ELITE PICTURES
ENENSYS TECHNOLOGIES
ENRICO PIETROSANTI
ETERE
EUROTEK
EUTELSAT
GESTITEL
GRUPPO TNT
HARRIS
INNOVACTION
IRTE
JVC PROFESSIONAL EUROPE
M-Three Satcom
NETWORK ELECTRONICS
ROHDE & SCHWARZ
RUNNING TV INTERNATIONAL
R.V.R. ELETTRONICA
R.V.R. TELEVISION
SAT EXPO EUROPE
SCREEN SERVICE
SIME2007
SIRA SISTEMI RADIO
SOFTWARE CREATION
TELSAT
TEM – TELECOM. ELETTR. MILANO
VECTOR
VIDEO PROGETTI
XDEVEL

Organizzato dalla RadioTv srl, la concessionaria esclusiva per la vendita degli spazi espositivi è la NewBay Media Italy srl, editrice della rivista tecnica Broadcast & Production, con sede in Segrate (MI), San Felice, Strada Anulare, Torre 3. Tel. 02 70300310 – Fax 02 70300211.
L’e-mail di riferimento è broadcast@broadcast.it
Ulteriori informazioni sono reperibili nel sito www.radiotvforum.it.