TeleRadiofax n. 21/2014 – 31 ottobre 2014

image_pdfimage_print

pdfScarica il testo in formato PDF

Sommario

Legge di Stabilità 2015: previsti, tra l’altro, sgravi contributivi per assunzioni a tempo indeterminato e dismissione della banda L (attribuita alla radiofonia digitale). Taglio delle misure di sostegno per le emittenti radiofoniche e televisive locali
Protesta ad oltranza delle tv locali
Il Senato approva DDL sulla diffamazione
Misure di sostegno per radio e tv locali: in corso i pagamenti
Osservatorio sul giornalismo: l’Agcom rende disponibile, fino al 30 novembre, questionario online per i giornalisti
Fissate le riunioni delle Commissioni consultive per le provvidenze editoria radio e tv
Il Consiglio Regionale Puglia approva OdG sulla questione della riduzione delle frequenze alle tv locali della Regione
Fernando Bruno neoconsiglioere del Presidente Agcom
Il 13 novembre a Milano un convegno di Millecanali
Nuova sede provvisoria del Corecom Liguria

LEGGE DI STABILITA’ 2015: PREVISTI, TRA L’ALTRO, SGRAVI CONTRIBUTIVI PER ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO E DISMISSIONE DELLA BANDA L (ATTRIBUITA ALLA RADIOFONIA DIGITALE). TAGLIO ALLE MISURE DI SOSTEGNO PER LE EMITTENTI RADIOFONICHE E TELEVISIVE LOCALI

■ Il testo licenziato dal Governo del disegno di legge di Stabilità 2015 (la ex legge finanziaria) nonché il ddl di Bilancio 2015-2017 sono approdati alla Camera in prima lettura. I due provvedimenti (rubricati, rispettivamente, con i numeri AC 2679 e AC 2680) verranno esaminati in Commissione V (Bilancio, tesoro e programmazione) e passeranno, quindi, all’aula di Montecitorio. Tra le norme inserite nel testo del ddl Stabilità, l’art. 12 prevede sgravi contributivi per assunzioni a tempo indeterminato. La norma si riferisce alle nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato, con esclusione dei contratti di apprendistato e dei contratti di lavoro domestico, decorrenti dal 1° gennaio 2015 con riferimento a contratti stipulati non oltre il 31 dicembre 2015, e riconosce, per un periodo massimo di trentasei mesi, ferma restando l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche, l’esonero dal versamento dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’Inail, nel limite massimo di un importo di esonero pari a 8.060 euro su base annua.
L’art. 16 (intitolato “Cofinanziamento e cessione di frequenze”) prevede che, per la banda di frequenza compresa tra 1452 e 1492 MHz (la c.d. “banda L”, attualmente attribuita alla radiofonia digitale), l’Agcom avvii le procedure per l’assegnazione di diritti d’uso di frequenze radioelettriche da destinare a servizi di comunicazione elettronica mobili per applicazioni del tipo Supplemental Down Link. Dall’eventuale cessione di tale banda, lo Stato si attende un incasso massimo di 700 milioni di euro.
Il ddl di Stabilità prevede, infine, una inaccettabile riduzione di spesa a carico dei ministeri. Nella tabella D del provvedimento viene, previsto il taglio del cap. 3121 del Ministero dello Sviluppo economico (si tratta del capitolo di spesa relativo alle misure di sostegno per l’emittenza locale) per un importo, su base annua (nel triennio 2015-2017) di 3.150.329 euro.
In mancanza di un rifinanziamento di tale capitolo si spesa, il fondo per tali misure di sostegno, come si evince dalla lettura delle relative tabelle nel ddl di Bilancio, si attesterebbe a 23.971.214 euro per le tv locali e 4.434.828 euro per la radiofonia.

PROTESTA AD OLTRANZA DELLE TV LOCALI

 

■ Il Comitato esecutivo di AERANTI-CORALLO, riunitosi a Roma, ha deciso una serie di azioni di protesta delle imprese televisive locali, con riferimento alla riduzione delle frequenze operata per asserite problematiche interferenziali con i Paesi esteri confinanti e con riferimento all’esigenza di definire contributi per l’uso delle frequenze digitali analoghi a quanto in precedenza previsto per i canoni delle concessioni analogiche.

IL SENATO APPROVA DDL SULLA DIFFAMAZIONE

■ Lo scorso 29 ottobre l’Aula del Senato ha approvato, con modificazioni, il ddl recante “modifiche alla legge 8 febbraio 1948 n. 47, al codice penale e al codice di procedura penale in materia di diffamazione, diffamazione a mezzo stampa o altro mezzo di diffusione, di ingiuria e di condanna del querelante”. Il testo torna ora alla Camera per l’approvazione definitiva.

MISURE DI SOSTEGNO PER RADIO E TV LOCALI: IN CORSO I PAGAMENTI 

■ Dopo un incontro tra la Dgscerp del Ministero e i funzionari dell’Ufficio centrale del Bilancio, nell’ambito del quale sono state chiarite le problematiche interpretative che avevano, nei giorni scorsi, interrotto l’erogazione dei contributi alle radio e alle tv locali, sono ripresi in questi giorni i relativi pagamenti. Per la radiofonia si tratta dei contributi relativi all’anno 2012, mentre per le tv locali è in corso la liquidazione degli importi spettanti agli aventi diritto per la terza integrazione delle misure di sostegno 2010. Deve, invece, essere ancora pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto di riparto relativo alle misure di sostegno tv per l’anno 2013; solo dopo tale pubblicazione (che auspichiamo possa avvenire a breve) la Dgscerp del Ministero potrà predisporre i relativi mandati di pagamento.

OSSERVATORIO SUL GIORNALISMO: L’AGCOM RENDE DISPONIBILE, FINO AL 30 NOVEMBRE, QUESTIONARIO ONLINE PER I GIORNALISTI

 

■ Nei giorni scorsi, l’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni, ha lanciato, nell’ambito dell’indagine conoscitiva “Informazione e internet in Italia. Modelli di business, consumi, professioni” avviata con la delibera n. 113/14/CONS (cui è intervenuta in audizione AERANTI-CORALLO), l’Osservatorio sul giornalismo. Si tratta di una iniziativa finalizzata all’analisi delle prospettive della professione giornalistica e del futuro del sistema dei media. L’obiettivo di tale indagine è quello di cogliere i mutamenti che la diffusione di internet e il rapido cambio di scenario tecnologico stanno determinando sulla professione giornalistica e sull’organizzazione delle aziende editoriali. In concreto, l’Agcom ha reso disponibile nel proprio sito internet (all’indirizzo www.agcom.it/osservatorio-giornalismo) un questionario, online fino al 30 novembre, compilabile da tutti i giornalisti e operatori dell’informazione.
Tale questionario è ottimizzato per pc desktop e qualsiasi tipo di dispositivo mobile e il tempo di compilazione stimato è 10 minuti. Le informazioni raccolte con il questionario sono acquisite in forma anonima e analizzate in forma aggregata ed è possibile interrompere e riprendere la compilazione dallo stesso terminale senza perdere i dati inseriti solo accettando i cookies di funzionalità.

FISSATE LE RIUNIONI DELLE COMMISSIONI CONSULTIVE PER LE PROVVIDENZE EDITORIA RADIO E TV A VALLE D’AOSTA, UMBRIA E ALL’AREA TECNICA DEL  PIEMONTE OCCIDENTALE:  LE OSSERVAZIONI DI AERANTI-CORALLO

 ■ La prossima riunione della Commissione consultiva per le provvidenze editoria alle imprese radiofoniche costituita presso il Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri è stata fissata per il 5 novembre p.v. All’ordine del giorno è previsto l’esame delle domande relative all’anno 2013. Il 13 novembre è, inoltre, fissata la riunione dell’analoga Commissione consultiva per le provvidenze editoria alle imprese televisive locali, nell’ambito della quale verranno esaminate le domande presentate dalle imprese televisive locali per l’anno 2013. Per AERANTI-CORALLO parteciperanno a entrambe le riunioni Fabrizio Berrini e Alessia Caricato.

IL CONSIGLIO REGIONALE PUGLIA APPROVA ODG SULLA QUESTIONE DELLA RIDUZIONE DELLE FREQUENZE ALLE TV LOCALI DELLA REGIONE

■ Lo scorso 14 ottobre il Consiglio regionale Puglia ha approvato all’unanimità un ordine del giorno con cui viene chiesto al Governo di rivedere la delibera Agcom che modifica il piano nazionale di assegnazione delle frequenze per la radiodiffusione televisiva in tecnica digitale Dvb-T (delibera n. 480/14/CONS del 23 settembre 2014) che potrebbe portare, entro fine anno, alla soppressione di 12 su 18 frequenze assegnate all’emittenza televisiva locale in Puglia.
Nell’ordine del giorno si chiede al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro dello Sviluppo Economico “di voler considerare una possibile rilettura del provvedimento e di verificare la possibilità di applicazione di moderne ed affidabili strumentazioni tecniche per annullare le interferenze”. Nello stesso documento viene inoltre chiesto “che il termine del 31 dicembre 2014 non sia ritenuto tassativo”.

FERNANDO BRUNO NEOCONSIGLIERE DEL PRESIDENTE AGCOM

■ Nelle scorse settimane, Fernando Bruno è stato nominato Consigliere del Presidente della Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni, Angelo Marcello Cardani. Bruno lavora da quindici anni in Agcom, dove ha, tra l’altro, svolto, negli anni passati, il medesimo incarico per i Commissari Maurizio Decina, Sebastiano Sortino e Giuseppe Sangiorgi. In precedenza (negli anni 2007-2008) è stato a capo della Segreteria tecnica del Ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni.
A Fernando Bruno i complimenti e gli auguri di buon lavoro di AERANTI-CORALLO.

IL 13 NOVEMBRE A MILANO UN CONVEGNO DI MILLECANALI

■ Il periodico Millecanali organizza per il prossimo 13 novembre, tra le ore 9 e le ore 16.30 a Milano, il convegno “Evolution Media”, dedicato alla nuova realtà della produzione dei contenuti, basata su tecnologie digitali e IP.
Tale convegno si svolgerà presso il Centro Servizi della Banca Popolare di Milano, via Massaua 6, Milano.
Tra i temi che verranno affrontati nel corso del convegno: acquisizione digitale; connessione e contribuzione con tecnologie satellitari e telco; ingestion, MAM e Archive; Production, Remote Production e Post-Production; Servizi; Newsroom digitale; Play-Out; Digital Delivery; nuovi Standard e formati, (Ultra HD, HEVC etc.); Second Screen e Multiscreen.
La partecipazione è libera e gratuita, fino a esaurimento posti, previa preregistrazione online all’indirizzo: www.newbusinessmedia.it/eventi

NUOVA SEDE PROVVISORIA DEL CORECOM LIGURIA

■ Dallo scorso 20 ottobre la sede del Corecom Liguria è stata trasferita, provvisoriamente, a Genova, in via Fieschi 15, all’11° piano.
Presso tale sede operano la segreteria del Comitato (aperta tutti i giorni dalle 9.30 alle 11.30) e viene espletata l’attività delegata in materia di: definizione delle controversie, vigilanza e Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC).
L’attività in materia di conciliazione è stata, invece, trasferita in via D’Annunzio 40, sempre a Genova.