TeleradioFax n. 24/2006 – 30 Dicembre 2006

image_pdfimage_print

 Scarica il testo in formato PDF
Sommario:


APPROVATA IN VIA DEFINITIVA LA LEGGE FINANZIARIA PER IL 2007. ECCO LE NUMEROSE NOVITA’ INTRODOTTE PER IL SETTORE TELEVISIVO E RADIOFONICO, SUDDIVISE PER ARGOMENTI

■ Si è concluso, con il voto di fiducia dato alla Camera dei Deputati lo scorso 21 dicembre, l’iter della legge Finanziaria per l’anno 2007. La legge 296/2006, pubblicata nella gazzetta ufficiale n. 299 del 27 dicembre u.s., è stata definitivamente approvata in terza lettura, ed è costituita da un articolo e 1364 commi. Di seguito le norme che interessano il comparto dell’emittenza radiofonica e televisiva, suddivise per argomenti.

Misure di sostegno all’emittenza locale

La legge Finanziaria 2007 incrementa in modo significativo i contributi statali per l’emittenza televisiva e radiofonica locale (c.d. “misure di sostegno”), segno questo della particolare attenzione del Ministro delle comunicazioni Paolo Gentiloni nei confronti dell’emittenza locale. Il contributo è previsto nella misura del 85 percento per le televisioni locali e del 15 percento per la radiofonia. Nella legge Finanziaria viene indicato lo stanziamento per gli anni 2007, 2008 e 2009. In particolare, è previsto un incremento di 30 milioni di euro per l’anno 2007, 45 milioni per l’anno 2008 e 35 milioni per l’anno 2009. Nella tabella riportata di seguito, evidenziamo il riparto e i relativi totali delle misure di sostegno a partire dall’anno corrente (2006) e il confronto con gli importi previsti dalla nuova legge Finanziaria. Grande soddisfazione, dunque, per la valorizzazione che è stata data al ruolo informativo sul territorio dell’emittenza locale. Diviene a questo punto necessario trovare una soluzione per portare al più presto a regime il pagamento dei contributi alle imprese radiofoniche locali come da tempo avviene per il settore televisivo. Infatti, sebbene siano stati approvati gli elenchi e le graduatorie per i contributi radiofonici relativi agli anni 2003 e 2004, gli stessi non sono stati per lo più ancora corrisposti, mentre devono ancora essere esaminate tutte le domande relative agli anni 2005 e 2006.

 

         Contributo
      Complessivo
            Quota
         Televisa 
Quota
Radiofonica
  Anno 2006          98.678.000,00       88.810.200,00        9.867.800,00
  Anno 2007        128.678.000,00     109.376.300,00      19.301.700,00
  Anno 2008        143.678.000,00     122.126.300,00      21.551.700,00
  Anno 2009        133.678.000,00     113.626.300,00      20.051.700,00

Normativa in materia di editoria

Per quanto riguarda la normativa sull’editoria, la principale novità introdotta dalla Finanziaria 2007 prevede che il Governo elabori, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge Finanziaria stessa, una proposta di riforma della disciplina di tale settore; detta riforma, specifica la legge, dovrà essere riferita tanto al prodotto quanto al mercato editoriale e alle provvidenze pubbliche ed essere indirizzata a sostenere la possibilità di crescita e di innovazione tecnologica delle imprese e la creazione di nuovi posti di lavoro, in coerenza con gli obiettivi di finanza pubblica e con la normativa europea.
La Presidenza del consiglio dei Ministri ha, allo scopo, già elaborato, attraverso un gruppo di esperti presieduto dall’ex Presidente dell’Agcom prof. Enzo Cheli, un indice di argomenti e un questionario riguardanti tutti i temi sui quali dovrà intervenire la riforma.
AERANTI-CORALLO predisporrà al riguardo uno specifico documento per formulare le proposte per il settore radiofonico e televisivo locale e satellitare.
La legge specifica inoltre che le provvidenze possano essere erogate, ove necessario, mediante il riparto percentuale dei contributi tra gli aventi diritto.
Sempre in tema di editoria, ricordiamo che nel cosiddetto “decreto fiscale” (DL 262/2006 convertito, con modificazioni, dalla legge 286 del 2006), è stata prevista la riduzione del rimborso delle spese per l’abbonamento alle agenzie di informazione dall’80 al 60 percento del relativo costo. Inoltre, viene specificato che, a decorrere dall’anno 2007, la rimborsabilità del 50 percento è relativa a un solo canone di abbonamento a collegamenti di telecomunicazione per l’attività di interconnessione via satellite.

Altre misure contenute in Finanziaria

Come già anticipato nei precedenti numeri del TeleRadioFax, la Finanziaria 2007 ha introdotto anche ulteriori misure per il settore radiofonico e televisivo.
Certamente di grande importanza è la norma che riduce a un decimo gli importi delle sanzioni amministrative previste dall’art. 98 del dlgs 1 agosto 2003, n. 259, per le emittenti radiofoniche e televisive locali, in conformità con le previsioni di legge per altre tipologie di sanzioni. Un’altra norma introdotta dalla Finanziaria e destinata specificamente al settore televisivo è quella che prevede l’istituzione, presso il Ministero delle comunicazioni, di un “Fondo per il passaggio al digitale”. Tale fondo è finalizzato a incentivare la produzione di contenuti di particolare valore in tecnica digitale; incentivare il passaggio al digitale terrestre per la Rai; favorire la progettazione e realizzazione di servizi interattivi di pubblica utilità su piattaforma digitale; favorire la transizione al digitale per le famiglie disagiate e incentivare la sensibilizzazione della popolazione alla tecnologia digitale. Il fondo è di 40 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2007 al 2009.
In ultimo, la Finanziaria 2007 introduce una norma a favore degli utenti per favorire il rinnovo del parco degli apparecchi televisivi in vista della migrazione al digitale. Dunque, per l’acquisto di un televisore con sintonizzatore digitale integrato, è prevista una detrazione d’imposta del 20 percento delle spese sostenute, fino a un importo massimo delle stesse spese pari a 1.000 euro.
Un estratto della legge n. 296 del 2006 e un estratto del decreto legge fiscale 262/2006, convertito con modificazioni dalla legge 286 del 2006, con le norme di specifico interesse per il settore radiotelevisivo, sono pubblicati nel sito Internet www.aeranticorallo.it, sez. “normativa”, sottosezione “Legislazione base in materia di disciplina del sistema radiotelevisivo pubblico e privato”.

 

IL 16 GENNAIO IL MENSILE MILLECANALI ORGANIZZA A MILANO UN SEMINARIO SULLA RADIO

■ Il mensile Millecanali organizza a Milano, il prossimo 16 gennaio 2007 (dalle ore 9.15 alle ore 18.30, presso il Quark Hotel di via Lampedusa 11/a) un seminario sul tema “Insight Millecanali – Digital Radio Tecnologie e nuovi Modelli di Business”. Nel corso del seminario si parlerà di tecnologie digitali dedicate alla produzione e gestione dei contenuti, con particolare attenzione allo studio radiofonico ed ai sistemi di archiviazione, gestione ed emissione dei programmi e standard di emissione.
Per informazioni e per la preregistrazione: www.millecanali.it

 

AERANTI-CORALLO CHIEDE DI FAR PARTE DELLA COMPAGINE SOCIETARIA E DEGLI ORGANI DI GESTIONE DI AUDITEL E DI AUDIRADIO

 

■ L’Agcom, con delibera 85/06/CSP, ha emanato un atto di indirizzo sulla rilevazione degli indici di ascolto e di diffusione dei mezzi di comunicazione, ove viene tra l’altro previsto, come da tempo richiesto da AERANTI-CORALLO, che i soggetti realizzatori delle indagini di ascolto assicurino una equa ripartizione del proprio capitale sociale ed ispirino alla massima rappresentatività la compagine dei propri organi di gestione. A seguito di tale delibera, AERANTI-CORALLO, stante la propria rappresentatività nel settore radiotelevisivo, ha comunicato alle società Auditel srl e Audiradio srl di essere interessata ad acquisire una quota di partecipazione alle società stesse, nonché ad avere rappresentanti nei relativi consigli di amministrazione e nei relativi comitati tecnici; ciò al fine di poter rappresentare sia nell’ambito di Auditel, sia nel-l’ambito di Audiradio le proposte metodologiche di interesse del comparto radiotelevisivo locale.
Non avendo ad oggi ricevuto alcun riscontro a tali richieste, AERANTI-CORALLO ha ora formulato istanza alla Agcom di intervento nel procedimento di attuazione della suddetta delibera n. 85/06/CSP.
Al riguardo l’Agcom, con nota del 22 dicembre u.s., ha riconosciuto l’interesse di AERANTI-CORALLO alla partecipazione al procedimento.
A breve si svolgerà presso la stessa Agcom una audizione di AERANTI-CORALLO sulla problematica.

 

AERANTI-CORALLO formula i migliori auguri di buon anno 2007