TeleRadiofax n. 4/2022 – 25 febbraio 2022

image_print

pdfScarica il testo in formato PDF

Sommario

Contributi di cui al Dpr 146/17 per l’anno 2021: pubblicate dalla Dgscerp del MiSe le graduatorie provvisorie per tv e radio locali commerciali
L’Agcom avvia il procedimento per valutazione delle dimensioni del SIC 2020
Decreto milleproroghe, approvata norma su ottimizzazione delle coperture delle nuove reti tv di 1° livello previste dal Pnaf
Dati di ascolto RadioTER 2021: pubblicati i volumi relativi al 2° semestre e all’intero anno 2021
L’Agcom modifica alcune frequenze pianificate dal Pnaf Dvbt per la rete televisiva nazionale n. 12 in Liguria e in Lazio
Il 28 febbraio riunione della Dgtcsi del Ministero per la definizione del calendario di dettaglio del refarming frequenze tv per le A.T. n. 11 – Marche e n. 13 – Abruzzo e Molise

 CONTRIBUTI DI CUI AL DPR 146/17 PER L’ANNO 2021: PUBBLICATE DALLA DGSCERP DEL MISE LE GRADUATORIE PROVVISORIE PER TV E RADIO LOCALI COMMERCIALI

■ La Dgscerp del Ministero dello Sviluppo economico, ha pubblicato lo scorso 24 febbraio, con due distinti provvedimenti, la graduatoria provvisoria con i relativi elenchi degli importi dei contributi da assegnare alle imprese televisive locali commerciali per l’annualità 2021, nonché la graduatoria provvisoria con i relativi elenchi degli importi dei contributi da assegnare alle imprese radiofoniche locali commerciali  per l’annualità 2021. Le emittenti televisive locali a carattere commerciale ammesse ai contributi 2021 sono 138 (su 153 domande presentate). L’attuale stanziamento complessivo per le tv locali commerciali ammonta ad Euro 96.993.961,85. Inoltre, le emittenti radiofoniche locali a carattere commerciale ammesse ai contributi 2021 sono 150 (su 187 domande presentate). L’attuale stanziamento complessivo per le radio locali commerciali ammonta ad Euro 13.513.090,66.
In considerazione che la legge di bilancio 2021 ha previsto, a partire dai contributi per l’anno 2021, la “stabilizzazione” del c.d. “extragettito del canone Rai”, gli importi dei contributi indicati per ogni emittente comprendono anche il riparto di tale extragettito. Sia le tv locali commerciali, sia le radio locali commerciali che hanno presentato domanda per i contributi 2021 possono formulare, entro il 26 marzo 2022, richiesta di rettifica del punteggio o di riammissione della domanda, utilizzando la funzione “reclamo” (icona arancione in basso a destra) all’interno della propria posizione nella piattaforma telematica Sicem (Sistema Informativo per i Contributi alle Emittenti Locali).
A questo link sono pubblicati il decreto direttoriale 24 febbraio 2022, la graduatoria provvisoria e l’elenco degli importi dei contributi 2021 per le tv locali commerciali.
A questo link sono pubblicati il decreto direttoriale 24 febbraio 2022, la graduatoria provvisoria e l’elenco degli importi dei contributi 2021 per le radio locali comunitarie.

 

L’AGCOM AVVIA IL PROCEDIMENTO PER VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI DEL SIC 2020

■ L’Agcom, con la delibera n. 23/22/CONS del 27 gennaio 2022, pubblicata il 15 febbraio u.s. nel proprio sito internet, ha avviato il procedimento per l’accertamento del valore economico del SIC – Sistema Integrato delle Comunicazioni per l’anno 2020.
Quest’anno, con l’entrata in vigore del nuovo Tusmar (D.Lgs 8 novembre 2021, n. 208) è stata introdotta, all’Art. 51, la nuova disciplina in materia di posizioni di significativo potere di mercato lesive del pluralismo, sostitutiva rispetto a quella contenuta, in materia di posizioni dominanti,  nel previgente articolo 43 del decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177. Il termine di conclusione del procedimento relativo alla valutazione delle dimensioni economiche del SIC per l’anno 2020 è fissato in 180 giorni dalla data di pubblicazione della delibera nel sito web dell’Agcom.
L’Ufficio Agcom cui è affidato l’incarico di svolgimento del procedimento è l’Ufficio Studi e Analisi della Direzione studi, ricerche e statistiche.

 

DECRETO MILLEPROROGHE, APPROVATA NORMA SU OTTIMIZZAZIONE DELLE COPERTURE DELLE NUOVE RETI TV DI 1° LIVELLO PREVISTE DAL PNAF

■ Il c.d. “decreto Milleproroghe è stato approvato il 24 febbraio u.s. dal Senato in via definitiva (senza modificazioni rispetto al testo licenziato dalla Camera pochi giorni prima), ed è, quindi, diventato legge. Nel testo finale del provvedimento è stata inserita una norma (all’art. 1, comma 11-quater) che prevede quanto segue:
11-quater. Nelle more dell’implementazione dello standard Dvbt2, al fine di prendere in esame le problematiche di maggiore impatto sul territorio italiano derivanti dalla liberazione della banda 700 MHz, è istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico un tavolo tecnico permanente al quale possono partecipare i soggetti coinvolti nel refarming delle frequenze, nonché i soggetti istituzionali competenti. Fermo restando il termine improrogabile del 30 giugno 2022 per la liberazione della banda 700 MHz, e i vincoli di coordinamento internazionale, nel caso di particolari criticità tecniche delle reti locali di primo livello su provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico, sentita l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, in casi eccezionali si potranno valutare modalità alternative di applicazione dei vincoli interni della pianificazione di cui alla delibera AGCOM 39/19/cons, comunque salvaguardando in ogni caso i diritti acquisiti dai soggetti interessati”.
La finalità di tale tavolo tecnico è quella di cercare di dare soluzione a particolari criticità tecniche delle reti televisive locali di primo livello previste dal PNAF – Piano nazionale di assegnazione delle frequenze emanato dall’Agcom con delibera n. 39/19/CONS, destinate alla diffusione di contenuti di FSMA locali, laddove queste reti possano avere delle problematiche di copertura, ad esempio a causa di una diffusione del segnale da postazioni degli operatori di rete  verso le quali non sono orientate le antenne di ricezione dell’utenza poste sui tetti degli edifici.

 

DATI DI ASCOLTO RADIOTER 2021: PUBBLICATI I VOLUMI RELATIVI AL 2° SEMESTRE E ALL’INTERO ANNO 2021

■ Tavolo Editori Radio ha pubblicato lo scorso 22 febbraio i volumi contenenti tutti i dati degli ascolti della radio in Italia, in forma aggregata e per singole emittenti scritte all’indagine, relativi al 2° semestre 2021 e all’anno 2021 dell’indagine RadioTER 2021.
I due volumi contengono una serie di dati di dettaglio su diversi aspetti dell’ascolto, sia del mezzo radio, in generale, sia delle singole emittenti iscritte. Particolarmente interessanti i dati relativi ai dispositivi di fruizione del mezzo radio, e quelli relativi ai diversi luoghi di ascolto.
Con riferimento ai dati annuali dell’ascolto del giorno medio (si veda il volume relativo all’anno 2021), al primo posto tra i device di ascolto si colloca l’autoradio, con 23.140.000 ascoltatori. Al secondo posto, con 10.361.000 ascoltatori, troviamo l’ascolto “via apparecchio radio”. Le prime due collocazioni sono dunque riferite alla fruizione attraverso apparecchi dedicati in maniera specifica all’ascolto della radio (autoradio per l’ascolto in mobilità, nelle sue diverse declinazioni di ascolto fm, digitale o connesso; “apparec-chio radio”, inteso come dispositivo domestico o portatile). Al terzo posto vi è l’ascolto “via tv canale televisivo della radio” (la c.d. “radiovisione”), con un dato pari a 4.059.000 ascoltatori. A tale numero occorre aggiungere la fruizione “via tv solo audio” per 1.171.000 ascoltatori. Abbiamo, quindi, l’ascolto via telefono cellulare/smartphone (3.276.000 ascoltatori); via pc/tablet (1.103.000 ascoltatori) e  via smartspeaker/assistente vocale (847.000 ascoltatori).
Ovviamente ogni ascoltatore può ascoltare la radio attraverso più dispositivi.
Ricordiamo che per l’intero anno 2021, il totale degli ascoltatori della radio nel giorno medio è stato di 33.850.000.
Per quanto riguarda gli ascolti della radio per luoghi di ascolto, la “macrodivisione” è tra gli ascoltatori in casa e fuori casa (Tavola 15). Sul totale degli ascoltatori, sempre con riferimento al dato annuale 2021 del giorno medio, 7.498.000 ascoltano la radio solo in casa, 18.526.000 la ascoltano solo fuori casa, mentre 7.267.000 sono i fruitori del mezzo sia in casa, sia fuori casa.
La tavola 16 consente di determinare, tra tutti gli ascoltatori della radio fuori casa (base di 25.793.000 ascoltatori), quali sono i luoghi preferiti di ascolto. Il dato in assoluto più alto è quello dell’ascolto in automobile (23.220.000 ascoltatori). Seguono gli ascolti sul luogo di lavoro (3.251.000); su altro mezzo di trasporto (780.000), in luogo pubblico all’aperto – per strada (664.000). Con numeri più piccoli abbiamo poi gli ascoltatori della radio in un locale pubblico (385.000), in altro luogo (93.000), in un negozio (86.000), in un supermercato/centro commerciale (82.000), in uno studio professionale (46.000).
A questo link è pubblicato il volume RadioTER 2021 relativo all’intero anno 2021
A questo link è pubblicato il volume RadioTER 2021 relativo al 2° semestre 2021.

 

L’AGCOM MODIFICA ALCUNE FREQUENZE PIANIFICATE DAL PNAF DVBT PER LA RETE TELEVISIVA NAZIONALE N. 12 IN LIGURIA E IN LAZIO

■ Con delibera n 43/22/CONS del 10 febbraio 2022 (pubblicata nel sito Agcom il 18 febbraio u.s.), l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha modificato la pianificazione di alcune frequenze in banda VHF-III della Rete televisiva nazionale n. 12 del PNAF (il Piano nazionale di assegnazione delle frequenze per la tv digitale terrestre di cui alla delibera n. 39/19/CONS), dando seguito all’Accordo multilaterale di coordinamento delle frequenze nella banda VHF-III sottoscritto nel 2020 tra Italia, Francia, Monaco e Città del Vaticano. In particolare, la modifica adottata riguarda la sostituzione del canale 11 VHF nelle province di Genova, La Spezia e Savona con il canale 5 VHF, e la sostituzione del canale 9 VHF nelle province di Roma, Latina e Viterbo con il canale 5 VHF.
Resta ferma la pianificazione delle reti televisive nazionali e locali di 1° livello e quella delle reti televisive locali di 2° livello previste dalla delibera Agcom n. 39/19/CONS come modificata dalla delibera n  162/20/CONS.
A questo link la delibera n. 43/22/CONS

 

 IL 28 FEBBRAIO RIUNIONE  DELLA DGTCSI DEL MINISTERO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DI DETTAGLIO DEL REFARMING FREQUENZE TV PER LE A.T. N. 11 – MARCHE  E N. 13 – ABRUZZO E MOLISE

■ La Dgtcsi del Ministero dello Sviluppo Economico ha convocato una riunione in videoconferenza, per la mattinata di lunedì 28 febbraio p.v., con le emittenti televisive (locali e nazionali), alla quale è stata invitata anche AERANTI-CORALLO, per illustrare il calendario di dettaglio e le procedure per lo spegnimento degli impianti nelle Aree tecniche n. 11 (Marche) e n. 13 (Abruzzo e Molise), entrambe facenti parte della Area geografica n. 4 (come definita dal DM 19 giugno 2019, come modificato dal DM 30 luglio 2021).