TeleRadioFax n. 7/2001 – 31 Marzo 2001

image_print

pdfScarica il testo in formato PDF

Sommario:


 

LE NUOVE CONCESSIONI E AUTORIZZAZIONI TV

■ I dati relativi alle nuove concessioni e autorizzazioni televisive locali (che peraltro nei prossimi giorni dovrebbero subire alcune rettifiche a seguito di errori materiali commessi dal Ministero nella redazione degli elenchi diffusi il 14 marzo) confermano a pieno che senza le iniziative di protesta sviluppate negli ultimi tre anni da AER-ANTI-CORALLO e da ultimo recepite dal Governo attraverso la disapplicazione del piano frequenze, il numero delle emittenti televisive locali sarebbe stato drasticamente ridotto e le emittenti cosiddette “sopravvissute” avrebbero avuto un forte ridimensionamento della propria copertura territoriale. Il piano avrebbe disegnato un sistema con poche emittenti locali, tutte molto deboli. La circostanza che oggi invece la quasi totalità delle emittenti possa proseguire la propria attività con tutti gli impianti già in esercizio rappresenta una grande vittoria politica di AER-ANTI-CORALLO e come tale, dell’intero comparto televisivo locale. E che le imprese televisive locali proseguano l’attività come concessionarie o come autorizzate poco importa, perché la differenza di status tra soggetto autorizzato e soggetto concessionario è pressocché inesistente, posto che gli autorizzati hanno, per espressa disposizione legislativa, gli stessi diritti e gli stessi obblighi dei concessionari e posto che anche gli autorizzati potranno accedere al digitale nei confronti del quale i concessionari hanno solo un titolo preferenziale che peraltro per la indeterminatezza con il quale è stato previsto è piu’ teorico che sostanziale.
AER-ANTI-CORALLO in verità avrebbero preferito che oltre alla disapplicazione del piano frequenze – che comunque è quello che piu’ conta – fossero state disapplicate anche le graduatorie che, proprio per la mancanza del piano, hanno completamente perso di significato. Ciò tuttavia non è avvenuto perché attraverso quella che potremmo definire una acrobazia giuridica il Governo ha voluto nella sostanza accogliere la nostra protesta (con la disapplicazione del piano), ma allo stesso tempo, ha voluto mantenere il procedimento originario nella forma; e ciò evidentemente sia per non smentire il percorso normativo degli ultimi tre anni, sia per non scontentare totalmente coloro che, in contrasto con la posizione della quasi totalità delle emittenti, hanno sempre sostenuto l’importanza delle graduatorie per le nuove concessioni. Per questo desta grande sorpresa che proprio coloro che hanno sostenuto a fondo le graduatorie, oggi stanti i risultati delle stesse totalmente difformi dalle loro aspettative, stiano ora criticandole aspramente, preannunciando conte-stazioni di ogni genere. In realtà le graduatorie devono essere contestate non tanto e non solo per il loro contenuto quanto per il meccanismo stesso che le prevede. Le graduatorie non dovevano essere fatte e le nuove concessioni dovevano essere rilasciate esclusivamente sulla base della verifica del possesso dei requisiti soggettivi al 30/6/2000. In ogni caso oggi la totale disapplicazione del piano e le conseguenti possibilità di proseguire l’attività con tutti gli impianti in esercizio ha sostanzialmente risolto ogni problematica del settore televisivo locale. E questa esperienza deve servire per evitare gli stessi errori nel settore radiofonico.
Al riguardo deve essere accolto positivamente l’iter delineato dal DL 5/2001 per il settore radiofonico dove il piano frequenze in analogico è stato già azzerato e l’attività delle emittenti potrà proseguire quindi sulla base della sola verifica del possesso al prossimo 30 settembre dei requisiti soggettivi in capo alle imprese.

 

 

SUCCESSO DELL’INCONTRO RADIO E TV ORGANIZZATO IL 29 MARZO A MILANO, DA AER-ANTI-CORALLO

 

■ Si è svolto, come programmato, presso l’Unione del Commercio, del Turismo e dei Servizi (Confcommercio) di Milano l’incontro AER-ANTI-CORALLO sul tema: “Radio e Tv locali: come sviluppare i propri ricavi con internet”. Presenti all’incontro oltre cento editori radiofonici e televisivi locali, giornalisti della stampa specializzata, operatori del settore radiotelevisivo e di internet
Obiettivo dell’incontro quello di stimolare l’interesse delle imprese AER-ANTI-CORALLO verso internet. Infatti grazie alle sinergie che una radio o una televisione locale possono sviluppare sulla problematica è sicuramente possibile sia sviluppare le potenzialità dell’impresa radiotelevisiva, sia fare ulteriore business e quindi incrementare i ricavi dell’impresa senza dover necessariamente affrontare investimenti particolarmente onerosi.
Gli atti dell’incontro sono pubblicati nel sito internet AER-ANTI-CORALLO “www.coordinamento.it” , sezione “Documenti”.

 

 

PAR CONDICIO: EMANATI I REGOLAMENTI DELL’AUTHORITY

 

■ L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha emanato nei giorni scorsi i regolamenti recanti disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione relativi rispettivamente alla campagna per le elezioni politiche dal 13 maggio (Deliberazione n. 253/01/CSP) e alla campagna per le elezioni comunali e provinciali ugualmente del 13 maggio (Deliberazione n.254/01/CSP).
Il testo integrale delle deliberazioni è pubblicato nel sito internet AER–ANTI-CORALLO “www.coordinamento.it” sezione “In primo piano”, sottosezione “Ultimi prov-vedimenti normativi”.
Evidenziamo che il termine per espletare gli adempimenti previsti dalla normativa da parte della delle emittenti che intendono trasmettere messaggi autogestiti per le elezioni politiche, come già comunicato nei giorni scorsi, con circolare alle imprese associate, scade il 31 marzo.
Il termine invece per detti adempimenti relativi alle elezioni comunali e provinciali scade il 3 aprile.

 

 

AVVIATA LA REVISIONE DEL PIANO NAZIONALE DI RIPARTIZIONE DELLE FREQUENZE

 

■ La Direzione Generale per la pianificazione e la gestione delle frequenze del Ministero delle Comunicazioni ha in corso la revisione del Piano Nazionale di ripartizione delle frequenze (da non confondere con il piano di assegnazione) per tener conto delle risultanze delle ultime due Conferenze Mondiali delle Radiocomunicazioni (WRC-97 e WRC-00).
AER-ANTI-CORALLO sono state invitate al riguardo ad una audizione che è stata fissata per il 23 aprile p.v. La revisione del Piano Nazionale di Ripartizione delle frequenze rappresenta una occasione per cercare di risolvere le problematiche delle frequenze degli impianti di collegamento radiofonici e televisivi e del canale 69 UHF televisivo.

 

 

PUBBLICATA IN GAZZETTA UFFICIALE LA LEGGE DI CONVERSIONE DEL DL 5/2001

 

■ E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.70 del 24 marzo 2001 la legge n.66 del 20 marzo 2001 con la quale è stato convertito, con modificazioni, il Decreto legge 23 gennaio 2001, n.5. Tale legge è in vigore dal 25 marzo. Il testo della legge è pubblicato nel sito “www.coordinamento.it” , sezione “Normativa”, sottosezione “Legislazione base in materia di disciplina del sistema radiotelevisivo pubblico e privato”.

 

 

ASSEMBLEA UNICOM

 

■ Si svolgerà venerdì 6 aprile a Milano l’assemblea di Unicom, l’associazione delle agenzie pubblicitarie aderente come AER-ANTI-CORALLO a Confcommercio. L’ordine del giorno prevede anche il rinnovo delle cariche sociali.
E’ prevista la conferma dell’attuale Presidente Dott. Lorenzo Strona.

 

 

IN BREVE

 

■  Fabrizio Berrini ha partecipato in rappresentanza di AER-ANTI-CORALLO alla audizione svoltasi a Venezia il martedì 20 marzo presso la Prima Commissione Consiliare della Regione Veneto relativa al disegno di legge per l’istituzione del CORECOM Veneto.
■  Il 29 marzo si è svolta a Napoli presso la sede dell’Autorità la riunione del Gruppo C (Problemi di carattere industriale e di mercato) del Comitato per lo sviluppo dei sistemi digitali. In rappresentanza di AER-ANTI-CORALLO era presente Pietro Putti, direttore del Corallo. La riunione era presieduta dall’Ing. Viola.
■  Sabato 31 marzo e domenica 1 aprile organizzato dalla Confcommercio si svolge a Cernobbio il Forum Internazionale Confcommercio, terza edizione “I protagonisti del mercato e gli scenari per gli anni 2000”.

 

Presente ai lavori Marco Rossignoli, coordinatore AER-ANTI-CORALLO e consigliere Confederale Confcommercio.