TeleRadiofax n. 9/2022 – 6 maggio 2022

image_print

pdfScarica il testo in formato PDF

Sommario

Nuove graduatorie 2020 dei contributi di cui al Dpr 146/17 per le tv locali commerciali e comunitarie e per le radio locali comunitarie. A breve anche la revisione della graduatoria 2020 per le radio locali commerciali
Al via la campagna di comunicazione di Radioplayer, l’aggregatore che riunisce 130 radio locali e nazionali in una unica app
Definito il calendario di dettaglio del refarming tv per l’A.T. n. 07 – Liguria
TER – Tavolo Editori Radio: nominati i componenti del Cda per il prossimo triennio. Resi noti i dati complessivi dell’ascolto radio nel 1° trimestre 2022
Procedure per il refarming tv della banda 700: il punto della situazione
Pubblicità in radio: bene a marzo 2022

 NUOVE GRADUATORIE 2020 DEI CONTRIBUTI DI CUI AL DPR 146/17 PER LE TV LOCALI COMMERCIALI E COMUNITARIE E PER LE RADIO LOCALI COMUNITARIE. A BREVE ANCHE LA REVISIONE DELLA GRADUATORIA 2020 PER LE RADIO LOCALI COMMERCIALI

■ La Dgscerp del Ministero dello Sviluppo economico ha riesaminato le graduatorie 2020 relative ai contributi di cui al DPR 146/17 per le tv locali commerciali e comunitarie e per le radio locali comunitarie e ha conseguentemente emanato le nuove graduatorie.
Per quanto riguarda la graduatoria delle tv locali commerciali 2020, la Dgscerp ha annullato, in autotutela, il decreto direttoriale 4 agosto 2021, rideterminando il punteggio per n. 21 emittenti inserite nella graduatoria relativa ai contributi per le tv locali commerciali relativi all’anno 2020. Conseguentemente, la stessa Dgscerp del Ministero ha emanato un nuovo decreto direttoriale in data 5 maggio 2022, con il quale è stata approvata la nuova graduatoria definitiva con i  relativi nuovi elenchi degli importi (comprensivi dell’extragettito Rai) dei contributi da assegnare alle imprese televisive locali commerciali per l’annualità 2020.
Per ciò che concerne la graduatoria delle tv locali comunitarie, la Dgscerp  ha annullato, in autotutela, il decreto direttoriale 8 giugno 2021, rideterminando il punteggio per n. 2 emittenti inserite nella graduatoria relativa ai contributi per le tv locali comunitarie relativi all’anno 2020. Conseguentemente, ha emanato un nuovo decreto direttoriale in data 3 maggio 2022, con il quale è stata approvata la nuova graduatoria definitiva con il relativo nuovo elenco degli importi (comprensivi dell’extragettito Rai) dei contributi da assegnare alle imprese televisive locali comunitarie, per l’annualità 2020.
Per quanto riguarda, inoltre, la graduatoria radio, la Dgscerp ha annullato il decreto direttoriale 28 maggio 2021, escludendo una emittente dalla graduatoria relativa ai contributi per le radio locali comunitarie relativi all’anno 2020, nella quale era stata originariamente utilmente collocata, e ha rideterminato il punteggio per n. 12 emittenti. Conseguentemente, ha emanato un nuovo decreto direttoriale in data 3 maggio 2022, con il quale è stata approvata la nuova graduatoria definitiva con il relativo nuovo elenco degli importi (comprensivi dell’extragettito Rai) dei contributi da assegnare alle imprese radiofoniche locali comunitarie, per l’annualità 2020.
Dovrebbe ora essere imminente la pubblicazione, da parte della Dgscerp del MiSe, della revisione delle graduatorie 2020 anche per le radio commerciali.
Si attende, infine, la pubblicazione delle graduatorie definitive (per le tv locali commerciali e comunitarie e per le radio locali commerciali e comunitarie) relative all’annualità 2021, prodromica alla liquidazione delle relative spettanze.
A questo link il nuovo decreto direttoriale, la graduatoria e il riparto dei contributi per le tv locali commerciali per l’anno 2020.
A questo link il nuovo decreto direttoriale, la graduatoria e il riparto dei contributi per le tv locali comunitarie per l’anno 2020.
A questo link il nuovo decreto direttoriale, la graduatoria e il riparto dei contributi per le radio locali comunitarie per l’anno 2020.

 

 AL VIA LA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE DI RADIOPLAYER, L’AGGREGATORE CHE RIUNISCE 130 RADIO LOCALI E NAZIONALI IN UNA UNICA APP

■ Ha preso il via lo scorso lunedì 2 maggio la nuova pianificazione pubblicitaria dell’aggregatore delle radio italiane, con spot trasmessi per la prima volta in contemporanea sulle 130 emittenti radiofoniche locali e nazionali iscritte a Radioplayer.
Ogni giorno 35 milioni di italiani ascoltano la radio in auto, tramite Fm e Dab; in tv, scegliendo i canali delle proprie emittenti preferite; tramite smart speaker; mediante i podcast (quindi on demand, senza vincoli temporali). Inoltre, c’è chi ascolta la radio in streaming, da pc, su tablet o smartphone, attraverso l’app della propria emittente preferita o tramite Radioplayer, l’app ufficiale delle radio italiane.
Radioplayer è il servizio di Player Editori Radio s.r.l.,  che offre agli utenti l’accesso a tutta l’offerta digitale delle emittenti radiofoniche italiane iscritte: in un’unica app, compatibile con tutti i sistemi operativi e disponibile su tutte le piattaforme dotate di connessione internet, oltre 130 radio locali e nazionali, e i relativi contenuti on demand (podcast).
L’App è già attiva per Smartphone e Tablet (Apple iOS, Google Android, Samsung, Huawei), Smarthome (Amazon Alexa, Google Home, Bose, Sonos, Amazon Fire Stick), Smart TV (Android TV, Apple TV e presto su Samsung e LG) e Smartwatch (Apple Watch).
Radioplayer Italia fa parte di Radioplayer Worldwide, una realtà presente in 14 Paesi: Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Italia, Norvegia, Olanda, Spagna, Svezia e Svizzera.

 

DEFINITO IL CALENDARIO DI DETTAGLIO DEL REFARMING TV PER L’A.T. N. 07 – LIGURIA

■ Lo scorso 27 aprile, nell’ambito di una riunione convocata dalla Dgtcsi-Iscti del Ministero dello Sviluppo Economico, con le emittenti televisive (locali e nazionali), alla quale ha partecipato anche AERANTI-CORALLO, è stato illustrato il calendario di dettaglio (nell’ambito della finestra temporale dal 1° maggio 2022 al 30 giugno 2022, definita dal DM 19 giugno 2019, come modificato dal DM 30 luglio 2021), nonché le procedure per lo spegnimento degli impianti nell’Area tecnica n. 07 (Liguria), facente parte della Area geografica n. 1B. Tale calendario di dettaglio è il seguente:

Per l’attuazione degli spegnimenti degli impianti, verrà utilizzata la procedura online già adottata nelle diverse Aree tecniche dove il refarming delle frequenze è avvenuto, attraverso il c.d. “cruscotto”, cui potranno accedere gli operatori di rete interessati dalle procedure, che consentirà la comunicazione in tempo reale dei diversi spegnimenti attuati.

 

TER – TAVOLO EDITORI RADIO: NOMINATI I COMPONENTI DEL CDA PER IL PROSSIMO TRIENNIO. RESI NOTI I DATI COMPLESSIVI DELL’ASCOLTO RADIO NEL 1° TRIMESTRE 2022

■ L’Assemblea dei Soci di TER – Tavolo Editori Radio srl, la Società che cura la rilevazione degli ascolti radiofonici in Italia, ha designato lo scorso 28 aprile i membri del Consiglio di Amministrazione per il prossimo triennio. Il CdA, in carica per i prossimi tre esercizi, sarà composto da 18 membri: oltre a Marco Rossignoli e Alessia Caricato (Aeranti-Corallo), sono stati designati Federico Di Chio, Francesco Dini, Roberta Lucca, Alberto Mazzocco, Massimiliano Montefusco, Marco Montrone, Roberto Nepote, Antonio Niespolo, Carlo Ottino, Pierpaolo Salvaderi, Roberto Sergio, Federico Silvestri, Pasquale Straziota, Lorenzo Suraci, Marta Suraci e Mario Volanti.
Nella prima riunione del nuovo CdA è stato confermato presidente del Cda Federico Silvestri (Radio 24) che, dallo scorso esercizio, era subentrato a Marco Rossignoli, in ossequio al principio di rotazione previsto dallo statuto di TER.
Frattanto, TER ha reso noti i dati complessivi di ascolto del primo trimestre 2022. Dalla lettura di tali dati emerge che la Radio ha quasi 34 milioni di ascoltatori nel giorno medio (33.611) con un dato in crescita dell’1,5% sul pari periodo dell’anno scorso e circa 43 milioni nei 7 giorni, con 264 radio rilevate (17 nazionali e 247 locali) su ogni tipologia di device. I prossimi dati pubblici di ascolto di tutte le emittenti iscritte all’indagine verranno pubblicati a conclusione della rilevazione relativa al primo semestre 2022.
TER –Tavolo Editori Radio srl è un MOC (Media Owners Committee) costituito nel 2016 tra le componenti editoriali del settore radiofonico locale e nazionale italiano per svolgere attività di rilevazione, con finalità statistica, dell’ascolto del mezzo radio e delle emittenti radiofoniche in tutte le loro caratteristiche tecnologiche e territoriali, su tutte le piattaforme trasmissive e con criteri universalistici di campionamento.

 

PROCEDURE PER IL REFARMING TV DELLA BANDA 700: IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

■ Sono attualmente in corso le procedure relative ai bandi FSMA e LCN per le ultime cinque aree tecniche dove deve essere ancora attuato il rilascio della banda 700, che avverrà dal 9 maggio al 30 giugno p.v. In particolare, la Dgscerp del MiSe ha concluso le procedure FSMA e LCN per le A.T. 07 (Liguria) e 10 (Umbria). Per tali due aree tecniche sono state quindi pubblicate le graduatorie definitive dei FSMA che hanno sottoscritto gli accordi commerciali con gli operatori di rete nonché le graduatorie definitive relative all’assegnazione delle numerazioni LCN all’esito delle relative sedute pubbliche. Devono, invece, essere ancora concluse le procedure FSMA e LCN per le rimanenti Aree tecniche (09 – Toscana; 12 – Lazio; 14 – Campania). Tutte le graduatorie relative alle procedure FSMA e LCN, costantemente aggiornate, sono pubblicate nel sito www.aeranticorallo.it, direttamente a questo link.

 

PUBBLICITA’ IN RADIO: BENE A MARZO 2022

■ La raccolta pubblicitaria sul mezzo Radio è in crescita nel mese di marzo 2022, come comunicato dall’osservatorio Fcp-Assoradio, coordinato dalla società Reply. Il dato positivo è pari a +6,6%. Il dato progressivo relativo al primo trimestre dell’anno si attesta dunque al + 2,9%.
Fcp-Assoradio evidenzia come nel primo trimestre 2022 risultino favorevoli la maggioranza degli indicatori tenuti in considerazione per l’analisi del mercato. In particolare, risultano in crescita sia il trend degli inserzionisti (+23%) sia quello delle campagne pubblicitarie (+11%).