TeleRadiofax n. 9/2024 – 3 maggio 2024

 

pdfScarica il TeleRadioFax in formato PDF

Sommario

Proseguono i lavori del Tavolo tecnico Agcom per la definizione dell’icona per accedere ai canali della Televisione digitale terrestre
Questo mese in distribuzione il n. 12 di TeleRadioMagazine, supplemento mensile di TeleRadioFax
Costituita la nuova Audiradio
Numerazioni LCN: ulteriori aggiornamenti del MIMIT per tutte le 18 aree tecniche
L’Agcom avvia il procedimento per l’individuazione dei singoli mercati che costituiscono il SIC – Sistema integrato delle Comunicazioni e apre una consultazione pubblica
Pubblicate dal MIMIT alcune FAQ relative alle nuove norme in materia di limiti di campo elettromagnetico
Fondo straordinario editoria: fino al 23 maggio è possibile presentare le domande per i contributi 2023 relativi a nuove assunzioni di giornalisti e per la trasformazione di contratti giornalistici

 

Proseguono i lavori del Tavolo tecnico Agcom per la definizione dell’icona per accedere ai canali della Televisione digitale terrestre

In occasione del terzo incontro del Tavolo tecnico istituito con delibera Agcom n. 294/23/CONS, la stessa Agcom ha prorogato la durata dei relativi lavori di ulteriori sessanta giorni, al fine di consentire il completamento delle attività previste.
Ricordiamo che lo scopo del Tavolo, al quale, tra gli altri, partecipa Aeranti-Corallo, è quello di favorire una convergenza tra le diverse esigenze degli stakeholder (broadcaster nazionali e locali, pubblici e privati, le loro associazioni, le aziende dell’industria elettronica produttrici di dispositivi, i gestori e sviluppatori delle interfacce utente e i consumatori), al fine di definire le caratteristiche di un simbolo grafico (icona) che possa garantire sugli schermi televisivi e su ogni device abilitato alla ricezione dei programmi televisivi la giusta prominence dei canali DTT ordinati secondo la numerazione LCN.
Posto che sulle dimensioni dell’icona si è trovata convergenza nell’ambito dei lavori del tavolo (l’icona per l’accesso ai servizi televisivi deve avere dimensioni uguali a quelli delle altre icone presenti), Aeranti-Corallo ha ribadito la necessità che tale icona di accesso ai canali della Tv tradizionale lineare sia immediatamente e chiaramente visibile, così come prescritto dall’art. 4 della delibera Agcom n. 294/23/CONS.
E’, inoltre, necessario che tale icona abbia una grafica univoca, rappresentante un vero e proprio logo, così da poter essere utilizzabile anche in termini pubblicitari e come riferimento per campagne promozionali a favore dei canali DTT ordinati secondo la numerazione LCN.

 

QUESTO MESE IN DISTRIBUZIONE IL N. 12  DI TELERADIOMAGAZINE, SUPPLEMENTO MENSILE DI TELERADIOFAX

Mensilmente il periodico TeleRadioFax, edito da
Aeranti-Corallo, reca in allegato
il supplemento TeleRadioMagazine, giunto oggi alla sua dodicesima uscita.

In questo numero:

  • Antonio Martusciello presidente della nuova Audiradio
  • L’IA al servizio del broadcast: una selezione di soluzioni pratiche
  • Avviato l’iter normativo per l’uso dell’Intelligenza Artificiale
  • NAB Show 2024: l’IA era sulla bocca di tutti. Opinioni e tecnologia

 

Costituita la nuova Audiradio

Il 22 aprile 2024 è stata costituita Audiradio srl, che ha come soci fondatori Editori Radiofonici Associati – ERA (nuova denominazione sociale assunta dalla società TER – Tavolo Editori Radio), in rappresentanza degli editori radiofonici, (di cui fa parte anche Aeranti-Corallo), UNA – Aziende della Comunicazione Unite, in rappresentanza delle agenzie media, e UPA – Utenti Pubblicità Associati in rappresentanza degli investitori pubblicitari.
Per i dettagli e per l’intervista al neopresidente di Audiradio, Antonio Martusciello, si veda il servizio sul TeleRadioMagazine n. 12, in distribuzione insieme al presente numero di TeleRadioFax.

 

NUMERAZIONI LCN: ULTERIORI AGGIORNAMENTI DEL MIMIT PER TUTTE LE 18 AREE TECNICHE

A seguito di compravendite effettuate dopo il rilascio delle numerazioni LCN, di attribuzione di nuove autorizzazioni FSMA e relative numerazioni LCN, nonché delle attribuzioni dei numeri LCN ai consorzi/intese, il Ministero delle Imprese e del Made in Italy ha pubblicato l’aggiornamento al 29 aprile 2024 degli elenchi LCN di tutte le 18 aree tecniche.
Ecco, a seguire, gli elenchi aggiornati.
A.T. 01 – Piemonte
A.T. 02 – Valle D’Aosta
A.T. 03 – Lombardia e Piemonte orientale
A.T. 4a – Provincia autonoma di Trento
A.T. 4b – Provincia autonoma di Bolzano
A.T. 05 – Veneto
A.T. 06 – Friuli Venezia Giulia
A.T. 07 – Liguria
A.T. 08 – Emilia Romagna
A.T. 09 – Toscana
A.T. 10 – Umbria
A.T. 11 – Marche
A.T. 12 – Lazio
A.T. 13 – Abruzzo e Molise
A.T. 14 – Campania
A.T. 15 – Puglia e Basilicata
A.T. 16 – Calabria
A.T. 17 – Sicilia
A.T. 18 – Sardegna

 

L’AGCOM AVVIA IL PROCEDIMENTO PER L’INDIVIDUAZIONE DEI SINGOLI MERCATI CHE COSTITUISCONO IL SIC – SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI E APRE UNA CONSULTAZIONE PUBBLICA

Con delibera n. 97/24/CONS del 17 aprile 2024, pubblicata nel proprio sito internet il successivo 23 aprile 2024, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha dato avvio al procedimento e alla consultazione pubblica concernente l’individuazione dei singoli mercati che compongono il sistema integrato delle comunicazioni, di cui all’articolo 51, comma 2, del D.Lgs  n. 208/2021 (TUSMA). In particolare, il procedimento avviato dall’Autorità è finalizzato all’identificazione e valorizzazione di tutti i singoli mercati che compongono il SIC.  A tal fine, l’Agcom ha, contestualmente, indetto una consultazione pubblica sul documento relativo all’individuazione dei singoli mercati che compongono il sistema integrato delle comunicazioni, dove, per ciascun mercato, l’Autorità ha individuato l’ambito soggettivo nonché la tipologia di ricavi da computare per la relativa valorizzazione. La consultazione pubblica, cui parteciperà Aeranti-Corallo,  è finalizzata ad acquisire osservazioni e elementi di informazione relativi al provvedimento stesso, e ha durata di 180 giorni dalla data di pubblicazione della delibera nel sito internet Agcom.

 

PUBBLICATE DAL MIMIT ALCUNE FAQ RELATIVE ALLE NUOVE NORME IN MATERIA DI LIMITI DI CAMPO ELETTROMAGNETICO

Come noto, la legge annuale per il mercato e la concorrenza 2022 (legge n. 214/2023) prevede, all’art. 10, la modifica dei limiti di campo elettromagnetico relativi ai valori di attenzione e agli obiettivi di qualità, in senso meno restrittivo di quelli sinora vigenti.
Tale previsione normativa ha avuto un impatto diretto anche sulle recenti modifiche introdotte al Codice delle comunicazioni elettroniche dal D.Lgs 24 marzo 2024, n. 48.
Infatti, il nuovo art. 44, comma 1-ter del Codice disciplina specificamente i procedimenti per l’installazione di nuovi impianti e per l’ampliamento di impianti preesistenti, alla luce dei nuovi sopracitati limiti di campo elettromagnetico.
Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy ha ora pubblicato le risposte ad una serie di FAQ  finalizzate a chiarire alcuni aspetti interpretativi di tali nuove previsioni. Al momento le FAQ pubblicate dal MIMIT sono 7, ma il documento potrebbe essere ulteriormente aggiornato in relazione a nuovi quesiti che dovessero essere formulati.
A questo link le FAQ pubblicate dal Mimit.

 

FONDO STRAORDINARIO EDITORIA: FINO AL 23 MAGGIO E’ POSSIBILE PRESENTARE LE DOMANDE PER I CONTRIBUTI 2023 RELATIVI A NUOVE ASSUNZIONI DI GIORNALISTI E PER LA TRASFORMAZIONE DI CONTRATTI GIORNALISTICI

Ricordiamo che il 23 aprile u.s. si è aperta la procedura (che si chiuderà alle ore 17.00 del prossimo 23 maggio) per la presentazione delle domande per i contributi di cui all’art. 4, commi 1 e 2 del DPCM 10 agosto 2023 (recante la ripartizione delle risorse del Fondo straordinario per gli interventi di sostegno all’editoria).
Tali contributi riguardano, tra l’altro,  l’assunzione di giovani giornalisti e professionisti con età non superiore a 36 anni in possesso di qualifica professionale, opportunamente attestata, nel campo della digitalizzazione editoriale, dell’informazione e della documentazione informatica, della comunicazione e sicurezza informatica, del servizio on line e trasformazione digitale, anche nel settore dei media (per i quali viene riconosciuto un contributo forfettario nella misura di 10.000 euro per ogni assunzione con contratto di lavoro a tempo indeterminato prefezionatasi nel corso dell’anno 2023).
Tale contributo è riconosciuto entro il limite di 7,5 milioni di euro per l’anno 2023, che costituisce tetto di spesa.
Sono, altresì, disponibili contributi per la trasformazione, avvenuta nel corso dell’anno 2023, di un contratto giornalistico a tempo determinato o di collaborazione coordinata e continuativa, in contratto a tempo indeterminato. In questo caso, il contributo forfettario nella misura di 14.000 euro per ogni assunzione è riconosciuto entro il limite di 7,5 milioni di euro per l’anno 2023, che costituisce tetto di spesa.
Le domande devono essere presentate esclusivamente per via telematica attraverso l’apposita procedura disponibile nell’area riservata del portale impresainungiorno.gov.it.
Le imprese associate hanno ricevuto nei giorni scorsi dettagliata circolare sulla materia.