TeleRadiofax n.16/2007 – 01 Settembre 2007

image_pdfimage_print

 Scarica il testo in formato PDF
Sommario:


L’ITER ALLA CAMERA DEI DEPUTATI DEL DDL GENTILONI

■ Le Commissioni riunite VII e IX della Camera dei Deputati hanno approvato, prima della pausa estiva, gli emendamenti agli artt. 1, 2 e 3 del Disegno di legge Gentiloni. L’esame del provvedimento riprenderà il 10 settembre. Indi passerà all’esame dell’aula della Camera e, successivamente, del Senato. Obiettivo del Ministro Gentiloni è quello di accelerare al massimo l’iter parlamentare per arrivare all’approvazione definitiva in tempi brevi onde evitare l’apertura di una procedura di infrazione contro l’Italia in sede europea.

Le principali novità introdotte dalle Commissioni Riunite sono elencate nel riquadro pubblicato a pagina 2.
Il testo del provvedimento coordinato con gli emendamenti approvati dalle Commissioni Riunite VII e IX della Camera dei Deputati è pubblicato nel sito www.aeranticorallo.it, sezione “In primo piano”.
AERANTI-CORALLO esprime grande soddisfazione per l’accoglimento della propria richiesta storica di consentire le trasmissioni di televendite alle sole tv locali.
Tale norma infatti, qualora approvata in via definitiva, costituirà una importante misura di riequilibrio del mercato pubblicitario che svincolerà lo stesso dalla logica duopolistica alla quale è da sempre sottoposto.

ACCORDO DI COOPERAZIONE TRA AERANTI-CORALLO E RAI WAY PER LA RADIOFONIA DIGITALE TERRESTRE

■ Importanti novità sul tema della radiofonia digitale e sulle relative prospettive di sviluppo. In particolare, negli ultimi mesi, è emerso che la nuova tecnologia DMB visual radio è in grado di veicolare, all’interno di ogni singolo multiplex in banda III, almeno 17 programmi audio unitamente (per ogni programma) a immagini in movimento (cosiddette slide show).Ne consegue che il DMB visual radio potrebbe permettere (a differenza del DAB, al quale AERANTI-CORALLO è da sempre contraria in quanto lo stesso consentirebbe solo a pochissimi degli attuali operatori di passare al digitale) una transizione al digitale come naturale evoluzione dell’analogico e nel rispetto dei principi del pluralismo. Altra novità molto importante è costituita dalla circostanza che la concessionaria pubblica RAI (da sempre contraria al DAB, come AERANTI-CORALLO) intende realizzare il digitale terrestre radiofonico mediante tecnologia DMB. Infine rappresenta elemento di ulteriore novità la tecnologia FM eXtra che permette una implementazione digitale della modulazione di frequenza. In tale contesto, nel corso delle ultime riunioni degli organismi dirigenti di AERANTI-CORALLO, è emersa l’esigenza delle emittenti radiofoniche locali di partecipare a pieno titolo al processo tecnologico in atto al fine di evitare la marginalizzazione quando il digitale andrà a regime (presumibilmente nell’arco di 10-15 anni). AERANTI-CORALLO ha quindi accolto la proposta di RAI-WAY (società tecnica della RAI) di avviare un accordo di cooperazione per la transizione alla radiofonia digitale terrestre.
Tale accordo, sottoscritto il 30 luglio u.s., prevede l’apertura di un tavolo di dialogo tra AERANTI-CORALLO e Rai Way per la definizione di un progetto comune basato su una serie di principi e obiettivi, tra i quali: quadro regolamentare che permetta a tutti gli attuali operatori radiofonici analogici interessati, di transitare al digitale, a parità di condizioni, in termini di frequenze utilizzabili e di capacità trasmissiva spettante pro-capite; approfondimento e sperimentazione dello standard DMB, e sua comparazione con la tecnologia FM – eXtra; adozione di modelli operativi i cui investimenti siano compatibili con le dimensioni imprenditoriali dell’emittenza radiofonica locale.
A supporto dell’attività del suddetto tavolo di dialogo, Rai Way metterà a disposizione delle emittenti AERANTI-CORALLO interessate, operanti nella regione Veneto ed Emilia Romagna, impianti di diffusione DMB, operanti, rispettivamente, da Venezia Campalto (banda UHF III) e da Bologna Colle Barbiano (banda UHF III e banda L). Tali impianti verranno destinati alla sperimentazione di trasmissioni radiofoniche digitali, 24 ore su 24. Qualora tale sperimentazione abbia successo AERANTI-CORALLO e Rai Way potranno estenderla ad ulteriori aree geografiche. AERANTI-CORALLO e Rai Way effettueranno inoltre un’approfondita serie di test congiunti sul sistema di trasmissione FM eXtra attraverso trasmissioni e misurazioni del segnale in un’area limitata operata dalle emittenti di AERANTI-CORALLO interessate. In particolare è molto importante verificare se la diffusione FM eXtra sia o meno compatibile (sotto il profilo dell’impatto interferenziale con le emissioni adiacenti) con la diffusione FM. L’accordo di cooperazione è stato presentato nel corso di una conferenza stampa congiunta svoltasi a Roma il 31 luglio u.s. alla quale erano presenti Marco Rossignoli e Luigi Bardelli (AERANTI-CORALLO), nonché Stefano Ciccotti e Francesco De Domenico (rispettivamente, Amministratore delegato e Presidente di Rai Way).
Le imprese radiofoniche locali associate AERANTI-CORALLO aventi impianti analogici operanti nelle Regioni Emilia Romagna e Veneto si riuniranno nei prossimi giorni per esaminare nel dettaglio la problematica.

L’AGCOM AVVIA LA REVISIONE DEL PIANO NAZIONALE DI ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE PER IL SERVIZIO DI RADIODIFFUSIONE TELEVISIVA IN TECNICA DIGITALE DVB-TI

■ Con delibera n. 414/07/CONS del 2 agosto 2007, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha approvato la relazione riguardante le linee di attività per la revisione del Piano Nazionale di Assegnazione delle frequenze per la televisione digitale terrestre DVB-T. Con lo stesso provvedimento l’Autorità ha sottoposto la relazione a consultazione con la concessionaria pubblica RAI, con AERANTI-CORALLO e con le altre associazioni delle emittenti televisive nazionali e locali.
AERANTI-CORALLO dovrà presentare le proprie osservazioni e memorie entro il 20 settembre p.v.
Tali osservazioni dovranno riguardare l’applicabilità del Piano internazionale delle frequenze di Ginevra 2006; le possibili iniziative di coordinamento per ampliare le utilizzazioni frequenziali previste da Ginevra 2006; le modalità di strutturazione delle reti digitali e la relativa decomponibilità a livello locale; la posizione sulla tematica dell’eventuale digital dividend. Al riguardo, gli organismi dirigenti di AERANTI-CORALLO si riuniranno a Roma il 12 settembre p.v. Il testo della delibera n. 414/07/CONS è pubblicato nel sito “www.aeranticorallo.it”.

NUMEROSE NOVITA’ AL DDL GENTILONI: LE TELEVENDITE POTRANNO ESSERE DIFFUSE SOLO DALLE TV LOCALI.

Ecco le modifiche e integrazioni al testo originario del Disegno di legge Gentiloni introdotte dalle Commissioni VII e IX della Camera dei Deputati. Le sesse entreranno in vigore se approvate, in via definitiva, dal Parlamento.

■ TELEVENDITE: saranno riservate alle sole emittenti locali e vietate su quelle nazionali

■ PUBBLICITA’ DEGLI ENTI PUBBLICI: verranno fortemente inasprite le sanzioni amministrative previste a carico dei responsabili del procedimento delle P.A. per la violazione delle norme in materia di destinazione della pubblicità di amministrazioni ed enti pubblici su radio e tv locali previste dall’art. 41 del Testo Unico della Radiotelevisione. E’ stata inoltre abrogata la norma che legittima le Regioni a prevedere quote di riserva di tale pubblicità sulle radio e le tv locali in misura diversa da come previsto dalla normativa statale.

■ DIVIETO DI SPLITTAGGIO DEI DATI PER I FORNITORI NAZIONALI: fatta salva la disciplina specifica per la RAI, i fornitori di contenuti nazionali non potranno differenziare i dati e i servizi digitali sul territorio.

■ TELECOMANDO: un terzo della numerazione da uno a nove è riservata alle tv locali. I nuovi televisori avranno un telecomando programmabile in modo diverso a seconda delle regioni.

■ DECODER: entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge i televisori solo analogici dovranno essere venduti con una targhetta che segnala la non abilitazione al digitale. Entro nove mesi i produttori dovranno costruire solo tv digitali.

■ PAY PER VIEW: l’articolo 2 del ddl stabilisce che ciascun soggetto non possa superare il tetto del 20% di capacità trasmissiva. In questo calcolo rientrano anche i programmi trasmessi in pay per view, che non vengono più considerati come servizi, ma come canali.

■ FREQUENZE: dopo nove mesi dall’entrata in vigore della legge, Raidue e Rete4 passeranno sul Dtt e le frequenze analogiche da loro esercite torneranno allo Stato.

■ TV DI STRADA: regolamentata l’attività delle cosiddette telestreet, che potranno, previa autorizzazione, operare con un solo impianto di potenza massima di 5 watt, senza cagionare interferenze a terzi e senza effettuare alcuna forma di pubblicità.

■ LISTINI PREZZI: le concessionarie pubblicitarie delle tv nazionali dovranno presentare alla Autorità Antitrust i listini trimestrali, semestrali o annuali dei prezzi di vendita della pubblicità. L’Autorità Antitrust vigilerà sulle dinamiche di tali prezzi e accerterà l’esistenza di condotte e di intese restrittive della libertà di concorrenza nel relativo mercato.

■ FORNITORI DI CONTENUTI: l’AGCOM dovrà modificare il Regolamento sulla tv digitale (delibera n. 435/01/CONS) prevedendo requisiti soggettivi più accessibili e meno onerosi per il rilascio delle autorizzazioni.

■ NORME ANTITRUST: nessun soggetto, direttamente o tramite i soggetti controllati o collegati, potrà conseguire ricavi superiori al venti per cento dei ricavi complessivi del s.i.c. (sistema integrato delle comunicazioni).

■ TRASFERIMENTO FREQUENZE: le compravendite dovranno essere notificate al Ministero e all’AGCOM e il relativo trasferimento sarà efficace previo assenso del Ministero e sarà reso pubblico. Il Ministero, sentita l’AGCOM, comunicherà, entro novanta giorni dalla notifica e dalla relativa istanza da parte del cedente, il nulla osta alla cessione ovvero i motivi di diniego.

■ DISCIPLINA DELLA CAPACITA’ TRASMISSIVA: le tv locali potranno accedere alla riserva del 40% della capacità trasmissiva dei soggetti titolari di più di una rete, fino ad un terzo di tale capacità trasmissiva.

■ DIRITTI TELEVISIVI: verrà prevista una delega al Governo per disciplinare in modo organico l’intera materia dell’acquisto e della vendita dei diritti sulla base di una serie di criteri direttivi tra i quali il riconoscimento del diritto all’emittenza locale alla diffusione o distribuzione delle opere europee dopo un’adeguata finestra temporale dalla diffusione o distribuzione in ambito nazionale.

IN BREVE

■ Il Corecom Umbria promuove per il secondo anno un premio nazionale di produzione televisiva per emittenti locali che operano sul territorio nazionale. Il bando di concorso (pubblicato sul sito www.corecom.umbria.it/attività) prevede la consegna delle opere entro il 14 settembre 2007.

■ Venerdì’ 14 settembre alle 18.00 si inaugura a Roma presso il Museo di Trastevere la nuova tappa di “RADIO FM 1976-2006”, promossa dalla Minerva Edizioni con la collaborazione di AERANTI-CORALLO. La Mostra si concluderà il 4 novembre.