TeleRadiofax n.20/2007 – 27 Ottobre 2007

image_pdfimage_print

 Scarica il testo in formato PDF
Sommario:


PROSEGUE L’ITER DELLA FINANZIARIA 2008

■ E’ stato approvato dall’Aula del Senato, nella notte di giovedì 25 ottobre il ddl 1819 di conversione del decreto legge n. 159 recante “interventi urgenti in materia economico-finanziaria, per lo sviluppo e l’equità sociale” collegato alla manovra finanziaria per il 2008.

Tale provvedimento ha introdotto alcune modificazioni al testo originario approvato dal Governo (e attualmente in vigore), tra le quali alcuni emendamenti all’art. 16 (riguardante il settore televisivo). In particolare, oltre alle norme già contenute nel decreto legge (differimento dello switch off televisivo al 2012, e disposizioni in materia di sistema digitale terrestre finalizzate a far sì che i nuovi televisori posti in commercio siano integrati con un sintonizzatore per ricevere i programmi digitali) è stato approvato un emendamento identico ad un emendamento in precedenza approvato nell’ambito del disegno di legge Gentiloni, con il quale viene ridefinito l’ambito televisivo locale (attualmente riferito all’esercizio dell’attività di radiodiffusione televisiva in uno o più bacini, comunque non superiore a sei, anche non limitrofi, purché con copertura inferiore al 50 percento della popolazione); con tale nuova formulazione, l’ambito locale diventa l’esercizio dell’attività di radiodiffusione televisiva in uno o più bacini, comunque non superiori a dieci, anche non limitrofi, purché con copertura inferiore al 50 per cento della popolazione; la nuova norma inoltre non prevede più un limite quantitativo al numero di concessioni che ogni soggetto possa avere in un determinato ambito locale (che attualmente è di tre). Occorre inoltre evidenziare che è stato bocciato un emendamento relativo alla possibilità di realizzare switch off anticipati per aree geografiche (cosiddette aree all digital) ai fini della transizione televisiva digitale. Ciò renderà più problematica tale transizione. Mentre tale provvedimento seguirà il proprio iter alla Camera dei Deputati, il Senato si appresta ora all’esame della parte della finanziaria introdotta con il disegno di legge 1817 (che contiene altre norme per il settore, tra le quali l’aumento di 10 milioni di euro per l’anno 2008 delle misure di sostegno per l’emittenza locale, di cui l’85 percento per le tv locali e il 15 percento per le radio locali).
E’ auspicabile, peraltro, che in quest’ultimo provvedimento vengano introdotte norme finalizzate ad evitare ritardi nella erogazione delle misure di sostegno per le tv e per le radio locali, come richiesto da tempo da AERANTI-CORALLO.
Il calendario dell’assemblea del Senato prevede, al momento, l’inizio della discussione per lunedì 5 novembre, mentre la votazione finale dovrebbe svolgersi entro mercoledì 14 novembre.

OSCAR TV LOCALI 2007 DI MILLECANALI

■ La rivista Millecanali organizza il concorso “Oscar tv locali 2007”, finalizzato a promuovere le produzioni dell’emittenza locale italiana nelle categorie: informazione, sport, intrattenimento e programmazione complessiva. Le emittenti con i migliori piazzamenti potranno beneficiare di un periodo di diffusione gratuita dei propri programmi attraverso il satellite di Eutelsat. Le emittenti interessate dovranno inviare alla redazione di Millecanali, entro il 30 novembre 2007, l’apposita scheda di partecipazione e il materiale per concorrere. Regolamento ed informazioni sono disponibili sul sito www.millecanali.it

INCONTRI AERANTI-CORALLO E RAY WAY IL 27 NOVEMBRE A VENEZIA E BOLOGNA

■ Martedì 27 novembre si svolgeranno a Venezia (ore 10,00) e Bologna (ore 15,30) presso le rispettive sedi regionali RAI gli incontri delle emittenti radiofoniche AERANTI-CORALLO operanti in tali aree, finalizzati a definire le modalità operative per la sperimentazione digitale DMB visual radio/Dab plus nelle aree stesse.

E’ TERMINATO L’ESAME IN COMMISSIONE PER IL DDL GENTILONI MA NON E’ STATA FISSATA UNA DATA PER LA DISCUSSIONE IN AULA ALLA CAMERA

■ E’ terminato da parte delle Commissioni Cultura e Trasporti della Camera l’esame del ddl AC1825 (c.d. “ddl Gentiloni”).
Il provvedimento dovrebbe ora passare all’esame dell’Aula, ma non è ancora stato calendarizzato; peraltro, la situazione politica potrebbe non consentirne o ritardarne l’esame. Al momento, il provvedimento, come licenziato dalle due commissioni riunite, è stato modificato in più punti rispetto allo schema originario presentato dal Governo (si vedano precedenti edizioni del TeleRadioFax).
Nelle ultime sedute sono stati approvati alcuni emendamenti agli articoli 5 e 6. In particolare, l’articolo 5 (vigilanza e sanzioni), ha introdotto alcune modifiche in materia di sanzioni, con riferimento alle amministrazioni pubbliche che non riservano alle emittenti radiotelevisive locali e ai giornali quotidiani e periodici le quote di pubblicità istituzionale previste dal DLgs 177/2005 (almeno il 15% alle emittenti radiofoniche e televisive locali e almeno il 50% ai giornali quotidiani e periodici). Peraltro, questo emendamento dovrà essere verificato in sede di coordinamento tecnico del provvedimento, stante il fatto che norma analoga era stata introdotta in precedenti votazioni all’art. 3 del ddl. Inoltre l’art.6 (Abrogazioni e modificazioni) ridefinisce l’ambito televisivo locale (analoga norma, peraltro, è stata approvata al Senato nell’ambito del disegno di legge di conversione del Decreto legge 158/2008; a tale riguardo si veda l’articolo a pag. 1 riguardante la finanziaria 2008).
Il medesimo articolo 6 introduce, infine, una norma riguardante la radiofonia digitale modificando quanto previsto all’articolo 2-bis, comma 4 della legge 66/2001; tale norma prevedeva che si facesse riferimento al solo obsoleto standard tecnico DAB; l’emendamento approvato, prevede invece che, a seguito dell’evoluzione tecnologica frattanto intervenuta, sia possibile utilizzare anche altri standard, sulla base del principio della neutralità tecnologica.
Il testo del provvedimento, coordinato con gli emendamenti approvati dalle Commissioni Riunite VII e IX della Camera dei Deputati, è pubblicato nel sito www.aeranticorallo.it, sezione “In primo piano”.

INCONTRO TRA AERANTI-CORALLO E AUDIRADIO

■ Si è svolto mercoledì 17 ottobre , su iniziativa del Sottosegretario alle Comunicazioni, on. Giorgio Calò, un incontro tra AERANTI-CORALLO e Audiradio srl finalizzato a trovare soluzioni affinché AERANTI-CORALLO possa entrare nella compagine societaria della stessa Audiradio srl e nei relativi organi gestori al fine di collaborare, nell’interesse delle emittenti rappresentate, alla realizzazione dell’indagine di ascolto. Nel corso dell’incontro, AERANTI-CORALLO ha formulato la richiesta di divenire socia di Audiradio srl attraverso la sottoscrizione di quote con sovrapprezzo in occasione di un aumento di capitale sociale della stessa Audiradio, con una operazione simile a quella che ha consentito, lo scorso anno, l’ingresso nella compagine societaria della Audiradio srl di alcune società titolari di reti radiofoniche nazionali. Nel tempo stesso AERANTI-CORALLO ha proposto l’ampliamento del numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Tecnico di Audiradio al fine di permettere la cooptazione in tali organi di rappresentanti di AERANTI-CORALLO. La discussione è stata quindi aggiornata ad una prossima riunione.
AERANTI-CORALLO, ha particolarmente apprezzato l’iniziativa del Sottosegretario al Ministero delle Comunicazioni on. Giorgio Calò di convocare le parti per individuare una soluzione positiva alle proprie legittime richieste. Si auspica, infatti, che l’emittenza radiofonica locale possa partecipare e collaborare alla definizione dei criteri per la realizzazione dell’indagine Audiradio, che rappresenta, tra l’altro, un importante strumento per la valorizzazione delle imprese e per la pianificazione pubblicitaria.

CONSIGLIO AGCOM PER SCHEMA DI DISCIPLINARE DI GARA PER LA CESSIONE DEL 40% DI CAPACITA’ TRASMISSIVA

■ Si riunisce mercoledì 31 ottobre il Consiglio dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. All’ordine del giorno è prevista, tra l’altro, la discussione dello schema di delibera relativa al disciplinare di gara per la cessione del 40 percento di capacità trasmissiva previsto con il regolamento di cui alla delibera n.109/07/CONS, che AERANTI-CORALLO ha impugnato avanti il Tar Lazio in quanto lo stesso marginalizza l’emittenza locale, non permettendo alla quasi totalità delle tv locali di accedere a tale 40 percento.
E’ ora auspicabile che, attraverso il disciplinare, venga modificato il suddetto orientamento assunto dalla Agcom con il citato regolamento.