Area Riservata





per_associarsi


twitter_tasto_seguiAAC

Home

2/4/19 - Le linee guida del MiSe per la selezione dei Fsma per la tv in ambito locale

News Aeranti-Corallo

MarcoRossignoliRomaIn data 28 marzo u.s. la Dgscerp del Ministero dello Sviluppo economico ha pubblicato le linee guida finalizzate a illustrare i criteri e le modalità che verranno adottati per la selezione dei Fornitori di servizi di media audiovisivi (Fsma) per la tv digitale terrestre in ambito locale (cioè dei soggetti che potranno essere diffusi tramite le nuove frequenze televisive assegnate in ambito locale).
In particolare, ai sensi dell'art. 1, commi 1033 e 1034 della legge n. 205 del 27 dicembre 2017 (legge di bilancio 2018), come modificata dall’art. 1, comma 1106 della legge n. 145 del 30 dicembre 2018 (legge di bilancio 2019), il Ministero dello Sviluppo Economico dovrà emanare, tra l'altro, il provvedimento per predisporre, per ciascuna area tecnica prevista dal Pnaf di cui alla delibera Agcom n. 39/19/CONS, una graduatoria dei soggetti legittimamente abilitati quali Fsma per la tv digitale terrestre in ambito locale che ne facciano richiesta, prevedendo, se del caso, riserve su base territoriale inferiore alla regione e applicando, per ciascun marchio oggetto di autorizzazione, i criteri stabiliti dal Regolamento per il riconoscimento dei contributi di cui al Dpr n. 146/2017.
Le linee guida prevedono, inoltre, che i soggetti collocati utilmente in graduatoria in ciascuna area tecnica avranno diritto ad utilizzare la capacità trasmissiva nella disponibilità degli operatori di rete (di primo o di secondo livello previste dal Pnaf) assegnatari dei diritti di uso delle frequenze sulla base del sopracitato art. 1 comma 1033 della legge di bilancio 2018, come modificato dalla legge di bilancio 2019.
L’accesso alla capacità trasmissiva avverrà in base a negoziazioni commerciali tra operatori di rete e Fsma che dovranno dare luogo ad un accordo entro un termine - da definire nel bando - successivo alla pubblicazione degli esiti delle relative procedure. Nei casi di eventuale assenza di accordo tra le parti, entro detta scadenza, il Ministero provvederà ad associare la domanda dei Fsma all’offerta degli operatori di rete, in base alla posizione in graduatoria che detti fornitori avranno acquisito.
I criteri per la formazione delle graduatorie saranno quelli di cui al Dpr n. 146/2017, e quindi, per i Fsma a carattere commerciale: il numero medio dei dipendenti occupati nel biennio precedente effettivamente applicati all'attività di Fsma; il numero medio dei giornalisti occupati nel biennio precedente effettivamente applicati all'attività di Fsma; gli ascolti Auditel; i costi sostenuti nell'anno precedente per spese in tecnologie innovative afferenti l'attività di Fsma.
Per i Fsma a carattere comunitario, cui verrà resa disponibile una percentuale di capacità trasmissiva in ogni area tecnica: il numero medio dei dipendenti occupati nel biennio precedente effettivamente applicati all'attività di Fsma e il numero medio dei giornalisti occupati nel biennio precedente effettivamente applicati all'attività di Fsma.
Nella domanda di partecipazione il Fsma dovrà indicare la capacità trasmissiva richiesta per la diffusione di tale marchio, in ogni caso non oltre quella necessaria a trasmettere un programma in base alle stime indicate nel Pnaf (2,5-3 Mbit/s per un programma in alta definizione, circa 1 Mbit/s per un programma in definizione standard, in Dvbt-2, utilizzando la codifica HEVC).
Inoltre, alla domanda di partecipazione dovrà essere allegata,  a pena di esclusione,  una dichiarazione rilasciata da un istituto di credito attestante l’affidabilità finanziaria del  partecipante.
Le linee guida per i Fsma sono pubblicate al seguente link

(Nella foto: Marco Rossignoli)

 

31/3/19 - Avviate dal MiSe consultazioni pubbliche sui provvedimenti che dovranno essere emanati dallo stesso Ministero a sensi della legge di bilancio 2019

News Aeranti-Corallo

La Dgscerp del Ministero dello Sviluppo economico ha pubblicato:
- le linee guida per illustrare criteri e modalità che verranno adottati per l’assegnazione agli operatori di rete dei diritti d’uso delle frequenze in ambito locale (disponibili al questo link);
- le linee guida per illustrare criteri e modalità che verranno adottati per la selezione dei fornitori di servizi di media audiovisivi (FSMA) in ambito locale (disponibili a questo link).
Inoltre, la Dgpgsr del Ministero dello Sviluppo economico ha pubblicato il documento di consultazione pubblica per l’aggiornamento del decreto 8 agosto 2018 recante “Fissazione di un calendario nazionale che individua le scadenze della tabella di marcia ai fini dell’attuazione degli obiettivi della decisione (UE) 2017/899”, ai sensi dell’art. 1, comma 1032 della legge 27 dicembre 2017, n. 205, come modificato dall’art. 1, comma 1106 della legge 30 dicembre 2018, n. 145, cosiddetta “Roadmap” (disponibile a questo link).

 

30/3/19 - E' in vigore la par condicio per le elezioni europee del 26 maggio 2019. Il termine per gli adempimenti per radio e tv locali relativi ai MAG scade il prossimo 2 aprile

News Aeranti-Corallo

L'Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni ha pubblicato sul proprio sito web, in data 28 marzo 2019, la delibera n. 94/19/CONS, in vigore dallo stesso giorno, recante disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione relative alla campagna per l’elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia fissata per il giorno 26 maggio 2019. Rammentiamo che il termine per gli adempimenti relativi ai MAG (messaggi politici autogestiti a titolo gratuito, rimborsati dallo Stato), scade il prossimo 2 aprile 2019.
Il testo della delibera n. 94/19/CONS dell'Agcom è disponibile a questo link

 

27/3/19 - Contributi statali 2017 alle radio locali commerciali, Aeranti-Corallo chiede l'immediata pubblicazione della graduatoria provvisoria

News Aeranti-Corallo

Marco-Rossignoli-07La graduatoria provvisoria per i contributi statali di cui al DPR n. 146/017 per le radio locali commerciali, relativa all’anno 2017, non è stata ancora emanata, sebbene siano ormai trascorsi oltre due mesi dalla notizia della imminente pubblicazione.
In considerazione che le domande per tali contributi 2017 sono state presentate dalle emittenti entro il 31 gennaio 2018 (quindi oltre un anno fa), Aeranti-Corallo ha sollecitato il Ministero dello Sviluppo economico a pubblicare, senza ulteriori ritardi, tale graduatoria provvisoria entro e non oltre il 31 marzo p.v.

(Nella foto: Marco Rossignoli)

 

25/3/19 - Credito di imposta su investimenti pubblicitari incrementali, il DIE rende noto che al momento non è possibile presentare domanda di agevolazione da parte degli inserzionisti per il 2019

News Aeranti-Corallo

Il Dipartimento per l’Informazione e l’editoria (DIE) della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha reso noto, il 20 marzo u.s., che “la disposizione che ha istituito, a decorrere dall’anno 2018, il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari incrementali (art. 57 bis del decreto-legge n. 50 del 2017), pur prevedendo un meccanismo di regolamentazione della misura virtualmente “a regime”, ha tuttavia espressamente disposto il necessario finanziamento soltanto per il biennio 2017 – 2018.

Leggi tutto...

 
Altri articoli...

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui..

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.