Veltroni: “spot gratuiti”. ma per le radio e tv locali la protesta e’ inaccettabile. confermato il 15 settembre il par condicio day.

image_pdfimage_print

CS 76/99

                                      COMUNICATO STAMPA
                        COORDINAMENTO AER ANTI CORALLO                       

 

 

Roma, 9 settembre 1999

 

VELTRONI: “SPOT GRATUITI”. MA PER LE RADIO E TV LOCALI LA PROPOSTA E’ INACCETTABILE. Confermato il 15 Settembre Il Par Condicio Day.

Roma, 9 settembre 1999

 

Con riferimento alla proposta del Segretario dei DS Walter Veltroni di spot gratuiti sulle emittenti pubbliche e private, l’avv. Marco Rossignoli coordinatore delegato del Coordinamento AER ANTI CORALLO (che rappresenta 1300 imprese radio tv locali sulle 1750 operanti) ha dichiarato:

“La proposta è inaccettabile. Le imprese radiofoniche e televisive locali sono imprese private e vivono con la vendita dei propri spazi. Non si possono confondere le problematiche del pubblico e del privato. Ribadiamo la nostra richiesta di totale esclusione delle emittenti locali dalla normativa sulla par condicio”.

“Per sostenere tale richiesta – ha aggiunto Rossignoli – le 1300 imprese di AER – ANTI – CORALLO hanno indetto mercoledì 15 settembre il Par Condicio Day, giornata nazionale di protesta contro la par condicio sulle radio e Tv locali, nella quale trasmetteranno servizi e interviste sul tema della protesta. Inoltre trasmetteranno 200.000 spot contro la par condicio sulle radio e tv locali dal 15/9 al’1/10 (10 spot al giorno per emittente)”.

 

 

(Per ulteriori informazioni: 0348.44.54.981)

 

                   Il Coordinamento Aer Anti Corallo rappresenta oggi 1300 imprese                  

                                   radiotelevisive italiane sulle circa 1750 operanti